Autore:
Giulio Scrinzi

GRANDE LOTTA AL VERTICE La caduta in quel di Motegi deve essere stata lo stimolo decisivo per riuscire a fare bene nel round successivo: a Phillip Island, infatti, Valentino Rossi non si è risparmiato, lottando per le posizioni di testa dall'inizio alla fine della gara grazie ad alcune modifiche azzeccate e alla gomma media al posteriore, scelte che gli hanno dato fiducia di poter battagliare ad armi pari con i migliori della classe. Alla fine è stato capace di centrare un ottimo secondo posto sotto la bandiera a scacchi che gli mancava da Silverstone... e che sicuramente gli ha ridato un po' di fiducia dopo aver accusato i soliti, fastidiosi, problemi che affliggono la sua M1 dall'inizio della stagione.

VALENTINO ROSSISono entusiasta del risultato centrato qua a Phillip Island. Abbiamo azzeccato delle modifiche che, poi, si sono rivelate efficaci, così come la gomma media al posteriore che mi ha permesso di spingere dall'inizio alla fine della gara. Mi sono divertito, ho fatto dei gran sorpassi e ho dato diverse sportellate ai miei avversari. Probabilmente avrei potuto tenere il ritmo di Marquez e arrivare insieme a lui al traguardo, ma alla fine ho preferito portare a casa questo importante secondo posto. È stata una gara fantastica, senza fiato fino alla bandiera a scacchi: non credo che sarebbe stato possibile fare gli ultimi giri tranquilli come in passato...”.


TAGS: yamaha motogp valentino rossi motogp 2017 team yamaha movistar 2017 motogp australia 2017 motogp phillip island 2017