MotoGP 2022

Come frena una MotoGP a Motegi? I segreti del GP Giappone 2022 con Brembo


Avatar di Simone Valtieri , il 23/09/22

1 settimana fa - Tutti i segreti del Circuito del Twin Ring Motegi per le MotoGP svelati da Brembo

È il momento di conoscere i segreti del Twin Ring Motegi! Scopriamo come si guida (e si frena!) sulla pista giapponese grazie ai dati Brembo
Benvenuto nello Speciale MOTOGP GIAPPONE 2022, composto da 12 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP GIAPPONE 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

GP GIAPPONE, SEDICESIMA TAPPA A stretto giro dopo il Gran Premio di Aragona, la MotoGP torna subito in pista al Twin Ring di Motegi, dove non si corre dal 2019. ''Pecco'' Bagnaia (Ducati) sfida Fabio Quartararo (Yamaha) su una delle sue piste preferite, dove tre anni fa si rievlò al mondo combattendo ad armi pari con Marc Marquez (Honda). Ad assistere, tentando di inserirsi nel duello, ci saranno Aleix Espargaro (Aprilia) ed Enea Bastianini (Ducati), entrambi ancora non esclusi dalla contesa iridata. Se non vi ricordate più com'è fatta la pista di Motegi, non potete non dare un'occhiata a questa preziosa review redatta da Brembo, l'azienda italiana che fornisce gli impianti frenanti ai 12 team della MotoGP e a gran parte della griglia del Motomondiale. Di seguito troverete la carta d'identità del circuito giapponese, i dati di tutte le frenate principali e un focus video sulla frenata più severa della pista. Buona lettura!

I SEGRETI DELLA PISTA DI MOTEGI

La carta d'identità della pista

Con l’inizio dell’autunno, la MotoGP si sposta in Estremo Oriente dove quest’anno si terranno, Australia inclusa, quattro GP. Secondo i tecnici Brembo che lavorano a stretto contatto con tutti e 24 i piloti della classe regina, il Twin Ring Motegi rientra fra i circuiti altamente impegnativi per i freni. In una scala da 1 a 6 si è meritato un indice di difficoltà di 6. Le MotoGP utilizzano il circuito stradale contraddistinto da poche curve veloci e moltissime lente, intervallate da rettilinei di media lunghezza: sono addirittura 7 le curve affrontate dalle moto a meno di 100 km/h. Proprio l’abbondanza di curve da seconda marcia lo rende uno dei più impegnativi per i freni complice la difficoltà di raffreddare i dischi tra una staccata e l’altra.

  • Categoria di frenata: Medium (6 su 6)
  • Tempo speso in frenata: 33%
  • Lunghezza circuito 4.801 metri
  • Numero di giri: 24
  • Numero di frenate: 10
  • Le tre curve più impegnative: curva 11, curva 5 e curva 1

Tutte le frenate

Tutte le frenate della pista di Motegi per la MotoGP Tutte le frenate della pista di Motegi per la MotoGP

Il disco Brembo gigante per la MotoGP

Per affrontare al meglio i circuiti più severi per l’impianto frenante, nel 2022 in MotoGP Brembo ha introdotto i dischi ventilati in carbonio da 355 mm di diametro che affiancano gli esemplari da 340 mm. Questi dischi sono già stati impiegati nei test a Sepang, Jerez e Barcellona e in gara a Spielberg destando grande soddisfazione tra i piloti. Il regolamento stabilisce inoltre che per questioni di sicurezza nei circuiti di Motegi, Spielberg e Buriram i piloti optino tra questi dischi da 355 mm e quelli da 340 mm, vietando i dischi da 320 mm che invece restano utilizzabili in tutti gli altri GP. Le restrizioni non sono naturalmente valide in presenza di gara dichiarata bagnata perché l’intensità delle frenate è inferiore. 

I dischi dei freni Brembo per la MotoGP I dischi dei freni Brembo per la MotoGP

I dischi Brembo da record per le moto stradali

Se i dischi da 355 mm di diametro rappresentano un inedito nella storia della MotoGP, il limite massimo per le moto di serie è decisamente più basso. Considerando il diametro, il disco flottante Brembo più grande è quello da 330 mm in uso sulla Ducati Panigale. 

Scopri di più sulla gamma di dischi freno Brembo per le due ruote.

VEDI ANCHE



I dischi dei freni Brembo per le moto stradali I dischi dei freni Brembo per le moto stradali

Tempi di frenata

Ben 10 delle 14 curve del Twin Ring Motegi richiedono l’impiego dei freni e per 5 di queste l’utilizzo supera i 4 secondi. Alla prima curva la frenata dura 5 secondi, necessari a perdere 228 km/h. Grazie ad essa e alle staccate successive ogni giro i piloti della MotoGP utilizzano i freni per 34 secondi, equivalenti ad un terzo del GP Giappone. Notevole anche la frenata alla curva 5, per la quale è richiesto un carico sulla leva di 5,6 kg mentre il liquido frenante BremboHTC 64T raggiunge una pressione di 12 bar. Sommando tutte le forze esercitate da un pilota sulla leva Brembo del freno dalla partenza alla bandiera a scacchi il valore sfiora i 9 quintali e mezzo.

La scheda della pista di Motegi by Brembo La scheda della pista di Motegi by Brembo

La frenata più impegnativa

Delle 10 frenate del circuito 5 sono considerate altamente impegnative per i freni; mentre 2 sono di media difficoltà e 3 sono light. La più stressante per l’impianto frenante è la curva 11 a 90 gradi: le MotoGP vi arrivano a 311 km/h e frenano per 5,3 secondi necessari a scendere a 81 km/h. In questo intervallo di tempo i piloti esercitano un carico sulla leva di 6,2 kg mentre le moto percorrono 230 metri e la pressione del liquido freno si impenna a 13,3 bar. ​ ​ ​

I dischi dei freni Brembo per la MotoGP I dischi dei freni Brembo per la MotoGP

In copertina il video della frenata più impegnativa del circuito


Pubblicato da Simone Valtieri, 23/09/2022
Tags
Gallery
MotoGP Giappone 2022
Logo MotorBox