MotoGP Spagna 2022, la cronaca e i risultati del Gran Premio di Jerez
MotoGP 2022

MotoGP Spagna 2022, Bagnaia è tornato! Trionfo contro un super Quartararo!


Avatar di Simone Valtieri , il 01/05/22

2 settimane fa - "Pecco" Bagnaia torna quello della scorsa stagione e batte Quartararo!

"Pecco" Bagnaia torna quello della scorsa stagione e tiene a bada per 25 giri Quartararo! Trionfo Ducati, l'Aprilia sul podio con Espargarò, 4° Marquez
Benvenuto nello Speciale MOTOGP SPAGNA 2022, composto da 12 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP SPAGNA 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

PECCO C'È! Torna al successo Francesco Bagnaia, al termine di un Gran Premio di Spagna comandato dalla prima all'ultima curva con giro veloce e pole position: grand chelem e quinta vittoria in carriera in MotoGP per il numero 63 rosso che sembra finalmente tornato quello della scorsa stagione! Per 25 giri ''Pecco'' tiene a bada Fabio Quartararo e, nonostante la pressione, non si scompone mai, dipingendo un capolavoro e vincendo con merito! Bravissimo anche il francese, che tenta la fuga nel mondiale, arginata solo da un Aleix Espargarò che con l'Aprilai e il suo terzo posto è attualmente il primo rivale del campione del mondo. Ma si rivede anche un Marquez old-style, che recupera la moto dopo una caduta praticamente già avvenuta, e all'ultimo giro battaglia con Miller, prendendosi un quarto posto che lo soddisfa alquanto. Bastianini limita i danni ed è ottavo, davanti a un bravissimo Bezzecchi, nono. A punti anche Morbidelli, 15°, caduti invece i due piloti Ducati Pramac, Martin e Zarco.

Clicca qui per tutti i risultati del weekend del Gran Premio di Spagna 2022

PRONTI, VIA Allo spegnimento dei semafori scatta bene ''Pecco'' Bagnaia dalal pole position riuscendo a tenere dietro Fabio Quartararo, con Jack Miller che si inserisce subito in terza posizione e un abile Taka Nakagami in quarta. Alle sue spalle Marc Marquez e poi Aleix Espargarò, che ha perso tre posizioni al via, con Mir che supera Bezzecchi nel corso del primo giro e si  prende la settima posizione. Perde una posizione Enea Bastianini, che è solito salire su forte nella parte finale di gara. Sin dalle prime curve sembrano avere un altro passo Bagnaia e Quartararo che provano ad allungare al comando, mentre Marquez, nel superare Nakagami, lo manda largo e si infila anche Aleix Espargarò. Cadono nel corso del primo giro Martin e Bradl, entrambi in curva 13, ma ognuno per conto suo.

DUE SOPRA A TUTTI Francesco Bagnaia sembra non voler chiedere subito troppo alle sue gomme, e mantiene la prima posizione senza forzare troppo, con un Quartararo sempre incollato al suo codone. Miller ne approfitta per riavvicinarsi, portandosi dietro Marquez ed Espargarò. Mir intanto si prende la sesta piazza su Nakagami, Bezzecchi è ottavo, mentre Bastianini 11° alle spalle di Zarco e Binder. Chi è scattato molto male è Maverick Vinales, da 12° a 20° nei primi giri. Quartararo intanto si fa minaccioso dietro Bagnaia in più di un punto della pista, ma non sferra nessun attacco deciso. I ritmi si abbassano al comando e il record della pista sembra lì lì per cadere. Dopo tre giri, Bagnaia rompe gli indugi e comuncia a dare un po' più di gas: 1:37.669 e nuovo record della pista! Quartararo? Un solo centesimo sopra, anche lui sotto al vecchio primato. Cade e si ritira intanto Darryn Binder.

FUGA A DUE! Continuano a tirare come forsennati là davanti, e se Bagnaia riesce a mettere qualche decimo tra sé e Quartararo, il francese poi torna sotto al giro successivo. Chi si stacca sono gli inseguitori, con Miller che precipita a 2''5 dalla Yamaha, e deve guardarsi le spalle da Marquez, Espargarò e Mir, anch'esso un po' in difficoltà. Regge bene Nakagami in settima piazza e tiene dietro Bezzecchi, Zarco, Binder, Bastianini e Pol Espargarò. Oliveira è 13° dopo 8 giri di gara, recuperando dalla 21° posizione, mentre il leader del mondiale Rins non riesce a fare la differenza, restando in 14° piazza.

PROVE DI FUGA A UNO Se i primi due girano mezzo secondo al giro più forte degli altri, i tre dietro pensano a dare un po' di spettacolo, con Marquez ed Espargarò che si fanno sotto a Miller e Mir che si stacca. Rins precipita in 22° posizione nel frattempo dopo essere finito nella ghiaia in curva 11, pur senza cadere. Chi cade invece è Johann Zarco, che finisce nelle barriere, facendo guadagnare una posizione a Binder (nono) e Bastianini (decimo). Cade anche Bradl, per la seconda volta, e si ritira. Con Bagnaia e Quartararo quattro secondi più avanti, Marquez prova a prendersi il podio mettendo pressione a Miller, che inizialmente resiste. Davanti Bagnaia prova ad allungare su Quartararo, scavando 8 decimi di margine. Dietro Bastianini supera la KTM di Brad Binder e diventa nono, con Bezzecchi nel mirino.

CALMA APPARENTE A metà gara ''Pecco'' Bagnaia può contare su un vantaggio, piccolo ma prezioso, su Fabio Quartararo: 9 decimi. Alle loro spalle Marquez studia modi per superare Miller, ma la trazione della Ducati è un ostacolo impervio, e della bagarre ne approfitta Aleix Espargarò per restare sornione in quinta piazza. il loro ritardo dalla vetta supera i 5 secondi. Davanti tocca ora a Quartararo recuperare, e riportarsi a mezzo secondo dal fulmine rosso là davanti, la battaglia non è per nulla decisa quando mancano ancora 10 giri alla bandiera a scacchi. Di norma Quartararo è più forte nei primi due settori, Bagnaia negli ultimi due. Dietro di loro accade per ora poco, con Nakagami che sembra poter riprendere Mir per la sesta piazza.

LA QUIETE Cominciano gli ultimi dieci giri: sembra ancora tutto statico, e con temperature alte e tempi bassissimi, nessuno ancora rompe gli indugi. Il vantaggio di Bagnaia e Quartararo (separati a elastico da 5-7 decimi) e il terzetto Miller-Marquez-Espargarò è di oltre 7 secondi quando di tornate ne mancano ancora 8. Mir e Nakagami, navigano in solitaria a qualche secondo di margine dal terzetto, mentre Bastianini può aspirare al massimo alla ottava piazza di un bravo Bezzecchi. Sette giri, ed è ancora tutto uguale. Sei giri, e nessun prova a smuovere una classifica cristallizzata. Cinque giri e Miller continua a rintuzzare la pressione di Marquez, con Bagnaia che prova a cambiare qualcosa, portando il suo vantaggio più vicino al secondo che al mezzo.

LA TEMPESTA E a rompere gli equilibri ci pensa Marc Marquez, che finalmente attacca e si prende la terza posizione, Miller prova generosamente a rispondere ma non ne ha, Marquez stacca fortissimo e si tiene il podio, con Aleix Espargarò che ora è vicinissimo alla Ducati. Aleix Espargarò attacca Miller e lo manda largo, ma Marquez va ancora più largo, si salva vecchio stile ma Miller si ri-infila! Aleix ora è davanti a Jack e Marc. A giovare della lotta ache Mir, che si riavvicina. Davanti, intanto, Quartararo dà tutto e torna a mezzo secondo da Bagnaia, quando mancano ancora 4 giri al termine.

MINACCIA FRANCESE Al passaggio sulla traguardo quando mancano 3 giri, Bagnaia ha mezzo secondo di margine abbondante su Quartararo che però non molla. Dietro Aleix Espargarò prova a scrollarsi di dosso Miller e Marquez, e sembra riuscirci. Chi non molla per nulla è proprio Quartararo, che per la prima volta scende sotto al mezzo secondo da Bagnaia. Due giri ancora al termine. Miller fa fatica a tenere dietro Marquez, ma non molla un millimetro e riesce a rintuzzare gli attacchi del campione del mondo. Nel corso del penultimo giro Quartararo si fa sempre più sentire dietro a Bagnaia, ormai il divario è di 4 decimi in ogni punto della pista, ma ''Pecco'' sembra avere quel qualcosina in più.

TRIONFO ITALIANO Ma Bagnaia è in stato di grazia ed entra alla 13 per impostare l'ultimo giro con 478 millesimi di margine. Quartararo farebbe meglio a pensare alla classifica iridata, che lo vede giovare più di tutti da questa situazione, insieme a un Aleix Espagarò che ormai ha staccato Miller e Marquez e si è prenotato il terzo gradino del podio e la seconda posizione della classifica iridata. L'ultimo giro di Bagnaia è come gli altri 24: preciso, senza sbavature, scorrevole. E così, curva dopo curva, arriva di nuovo la 13 e il traguardo! Vince Pecco Bagnaia, poi un grandissimo Fabio Quartararo che ci ha provato fino alla fine ma senza poter fare nulla! Espagarò è terzo, Marquez quarto, con un sorpasso incredibile all'ultimo giro su Miller! Poi Mir, Nakagami e Bastianini, che all'ultimo giro ha passato Bezzecchi! A Punti anche binder, Pol Espargarò, Oliveira, Marquez, Vinales e Morbidelli. Subito fuori dai punti Marini, Dovizioso, Di Giannantonio e Rins.

 


Pubblicato da Simone Valtieri, 01/05/2022
Tags
Gallery
MotoGP Spagna 2022
Logo MotorBox