MotoGP San Marino 2022, la cronaca e i risultati del Gran Premio di Misano Adriatico
MotoGP 2022

MotoGP San Marino 2022, Bagnaia batte Bastianini al photofinish! Misano è rosso Ducati


Avatar di Simone Valtieri , il 04/09/22

3 settimane fa - Bagnaia vince ancora, difendendosi dagli assalti del mai domo Bastianini

Bagnaia vince ancora, difendendosi nel finale dagli assalti del mai domo Bastianini: 4° successo consecutivo per Pecco! Sul podio Vinales. Quartararo quinto
Benvenuto nello Speciale MOTOGP SAN MARINO 2022, composto da 13 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP SAN MARINO 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

POKER BAGNAIA! Francesco Bagnaia vince ancora, e lo fa sulla sua pista preferita con l'ennesimo capolavoro, dipingendo traiettorie inimitabili per tutti o quasi, perché Enea Bastianini oggi è stato della stessa pasta e, con la magnifica livrea del compianto Fausto Gresini, gli ha dato del filo da torcere fino alla linea d'arrivo, sulla quale sono passati appaiati! Bagnaia vince il Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini per appena 34 millesimi su Bastianini in un tripudio di bandiere tricolori e rosso Ducati. Sul podio sale anche Maverick Vinales, tra i migliori per metà gara, poi calato nella seconda parte! Ottimo quarto Luca Marini, che nel finale tiene dietro Fabio Quartararo. Sesto Aleix Espargaro, 12° Andrea Dovizioso all'ultima recita in carriera. Finiscono nelle retrovie Miller e Bezzecchi, aspiranti protagonisti caduti nelle fasi iniziali di gara. Nella classifica del mondiale Bagnaia sale in seconda posizione, a 30 punti precisi da Fabio Quartararo e con 3 punti di margine su Aleix Espargaro e 43 su Enea Bastianini. La rincorsa continua! 

Clicca qui per tutti i risultati del weekend del Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini

MILLER E BEZ A TERRA! Si spengono i semafori e scatta velocissimo ''Pecco Bagnaia che balza in terza piazza alle spalle di Miller e di un Bastianini anch'esso molto bravo. Alle loro spalle Vinalez, Bezzecchi, Espargaro, Marini, Quartararo, Oliveira e Martin, mentre nelle retrovie cadono Zarco, Pol Espargaro e Pirro che si prendono dentro in curva 1. Dopo essersi difeso per tutto il primo giro da Bagnaia, Bastianini - con la magnifica livrea commemorativa per Gresini - si avvicina subito a Miller e si mette a caccia del primo posto. E il primo posto glielo concede lo stesso Miller che finisce nella ghiaia ripartendo in ultima posizione. Un'altra Ducati sbaglia nel secondo giro ed è quella di Marco Bezzecchi, anche lui riparte nelle retrovie.

PECCO IN TESTA Enea Bastianini si mette in testa alla gara davanti a Francesco Bagnaia, con le due Ducati tallonate dall'Aprilia di Vinales. Poi Luca Marini e Aleix Espargaro, con Fabio Quartararo nei suoi scarichi. Bagnaia rompe gli indugi al giro tre, passa Bastianini e si mette al comando! Anche Maverick Vinales si sente in palla e supera Bastianini, cercando di non lasciar fuggire via la Ducati rossa numero 63! Si ritirano in curva 4 anche Di Giannantonio e Morbidelli, una curva infima, la stessa in cui è caduto Miller e, nella gara delle Moto2, Pasini e Vietti. Davanti Vinales non molla Bagnaia e diventa minacciosissimo, con Bastianini e Marini che riescono a tenere il passo, ma anche Aleix Espargaro e Quartararo che non sono lontani e devono guardarsi le spalle da Martin e Rins.

PECCO VS MAV! Pecco fa il capotreno di un lungo trenino i cui vagoni schizzano impazziti a ogni curva, con un grip sulla pista che non è proprio quello ideale. Da Bagnaia a Rins, ottavo, ci sono circa due secondi, e tra loro Marini minaccia Bastianini e Fabio Quartararo prova a passare Aleix Espargaro. Le posizioni restano però le stesse per un paio di giri con i primi due che sembrano poter allungare di qualche metro. Quartararo fa la sua mossa al giro 6, superando Espargaro, complice un errore dello spagnolo, e lanciandosi all'inseguimento dei primi quattro, che nel frattempo hanno scavato 8-9 decimi di margine. Vinales prova a passare Bagnaia che però non gli lascia spazio e resta al comando, con Bastianini e Marini a controllare la situazione.

CALMA APPARENTE Dopo 8 giri di gara Pecco Bagnaia non sembra poter scappare con Vinales, Bastianini e Marini che restano incollati dietro di loro e Fabio Quartararo che non è lontano, con un ritardo costante sotto al secondo. Mentre davanti vige una situazione di calma apparente, con Bagnaia, Vinales, Bastianini e Marini seguiti da Quartararo ed Espargaro, alle loro spalle risale Alex Rins in settima piazza davanti alla Ducati di Jorge Martin, mentre chiudono la top ten Alex Marquez e Miguel Oliveira con Andrea Dovizioso, all'ultima gara in carriera, 12° dopo i primi 10 giri. Tra chi va più veloce c'è Aleix Espargaro, che dopo aver subito il sorpasso di Quartararo e aver perso del terreno, è riuscito a rimettersi a galla, recuperando sul francese.

OCCHIO A BASTIANINI Se Bagnaia guadagna qualche metro nella prima parte del giro, Vinales gli torna sotto nella seconda, mentre Bastianini e Marini sono sempre lì in attesa con Quartararo che li segue a distanza di sicurezza. Questa situazione resta immutata per buona parte della porzione centrale di gara, dove l'unica cosa da notare sono i track limits warning ricevuti da Vinales e Quartararo. A circa metà gara, la situazione è sempre la stessa, con le due KTM di Oliveira e Binder che passano Alex Marquez entrando entrambi in top ten con un ritmo simile a quello dei primissimi. La situazione si smuove al giro 16 con Enea Bastianini che fa un errore, viene passato da Marini e si riprende la posizione due curve dopo, solo che si apre un piccolo margine con i primi due.

RESTANO IN TRE Dopo l'errore Bastianini decide che è il momento di spingere e in un giro (facendo il record della pista in gara in 31''8!) si riporta su Vinales. Bagnaia dà la sensazione di poterne avere di più ma di voler salvare le gomme, ciò nonostante il suo ritmo è ottimo, ma nell'arco di un giro la situazione torna la stessa: Bagnaia, Vinales, Bastianini, Marini. Quartararo, invece, si stacca e il suo margine sale oltre il secondo su Marini. Peggio di lui fa Aleix Espargaro, che scivola a 4 secondi dalla vetta e, soprattutto, a 2 da Quartararo. Per il podio, dunque, sono in quattro, ma la bagarre a 10 giri dalla fine, non è ancora iniziata. Vinales è sempre pericoloso nella seconda parte del giro, Bagnaia se ne va nella prima ma si fa riprendere nella seconda. Chi non sembra avere il suo ritmo è Luca Marini, che in un paio di giri si stacca dai tre battistrada.

LA BESTIA SI ACCENDE A 8 giri dal termine Enea Bastianini inaugura i fuochi d'artificio, e mentre Bagnaia prova per la prima volta a scavare un gap, attacca e supera Vinales portandosi in seconda posizione! A sette giri dal termine  Bagnaia centesimo dopo centesimo porta a 6 decimi il vantaggio su Bastianini. Anche Vinales non sembra avere il ritmo dei due italiani, e perde un po' di margine. Anche Luca Marini deve fare attenzione, perché Quartararo non è lontano. Bastianini si gioca il tutto per tutto e quando inizia il 22° giro di 27 fa calare il gap a 4 decimi! La battaglia sarà tra loro due, i due futuri compagni di team nella casa ufficiale di Borgo Panigale! 

B&B OVER THE TOP Bastianini ha un track limits warning, ma ciò nonostante riduce il margine su Bagnaia a 2 decimi!  I due sono appaiati quando mancano 5 giri al termine. Maverick Vinales, terzo, è spettatore privilegiato della battaglia, con Luca Marini, Fabio Quartararo e Aleix Espargaro tutti sgranati alle loro spalle. Nella top ten ci sono anche Rins, Binder, Martin e Oliveira. I due battistrada sono incollati e procedono insieme per tutto il giro, lasciando senza fiato tutti i membri del box Ducati. Bagnaia e Bastianini a Misano sono di un altro livello per tutti, è la loro pista, e fino a tre giri dal termine la situazione rimane questa, con la Ducati rossa davanti alla Ducati bianca. Dietro di loro Fabio Quartararo si fa molto pericoloso alle spalle di Luca Marini, con 6 decimi di svantaggio e ancora 3 giri per recuperarli.

BAGNAIA AL PHOTOFINISH!  La situazione resta statica anche nel corso del terz'ultimo giro, ma Bastianini è attaccatissimo a Bagnaia e prova a succhiargli la scia in rettilineo. Nel penultimo giro i due viaggiano come una figura sola, sono incollati, tra la posteriore di Pecco e l'anteriore di Enea ci passa a malapena uno scoiattolo! Inizia l'ultimo giro, Enea ci prova ma fa un errore e va largo! La folla urla! Bastianini c'è ancora, secondo settore, terzo settore, si avvicina, prende la scia all'ultima curva, prova a passarlo... ma non ce la fa!!! Arrivo allo sprint con Bagnaia che beffa Bastianini di appena 34 millesimi!!! Doppietta Ducati e doppietta italiana! Misano è in tripudio per i suoi eroi! Sul podio sale un bravissimo Maverick Vinales, con Luca Marini che riesce a proteggere la quarta piazza dal ritorno di Quartararo, quinto. Nella top ten chiudono Espargaro, Rins, Binder, Martin e Alex Marquez. 12° Andrea Dovizioso, all'ultimo show della sua meravigliosa carriera!


Pubblicato da Simone Valtieri, 04/09/2022
Tags
Gallery
MotoGP San Marino 2022
Logo MotorBox