Autore:
Giulio Scrinzi

SIAMO AGLI SGOCCIOLI Fino all’anno scorso la Rai aveva un contratto per trasmettere le gare del Circus iridato attraverso nove GP in chiaro e gli altri in differita. Una soluzione che ha fatto storcere il naso a molti, ma che dalla prossima stagione sarà rivista… ancora più al ribasso! Nonostante il cresciuto interesse verso le imprese della Ferrari e della sua prima guida, quel Sebastian Vettel che quest’anno è stato molto vicino da riportare un Mondiale che manca praticamente da dieci anni nelle bacheche di Maranello, la nostra Tv nazionale vuole concentrare il proprio palinsesto su altri eventi che sembrano “tirare” ancora di più.

QUATTRO GP IN CHIARO La Rai, infatti, vuole puntare sulle Olimpiadi invernali, quelle estive, sui Mondiali di Calcio e sulla Tim Cup, quella Coppa Italia che prenderà gran parte del posto riservato alla nostra tanto amata Formula 1. Per la massima serie automobilistica resteranno solamente le briciole: secondo le ultime indiscrezioni riportate dalla Gazzetta dello Sport, l’anno prossimo vedremo in diretta il GP d’Italia, quello di Monaco e due appuntamenti di fine stagione (tra cui quello di Abu Dhabi). Tutto il resto… in differita! Una scelta, tra l’altro, che è piaciuta poco a Liberty Media, che sta valutando se confermarla oppure optare per l’opzione proposta da Sky e da… TV8.

SULLA SCIA DELLA MOTOGP I nuovi proprietari del Circus, per l’appunto, sarebbero più propensi a donare l’intero pacchetto della Formula 1 in esclusiva alla Pay Tv di Sky, la quale trasmetterebbe, quindi, tutti gli appuntamenti iridati del 2018 in chiaro. Per tutti coloro che, invece, non dispongono di questo canale esclusivo, esisterebbe la soluzione già adottata dalla MotoGP: alcuni round del Motomondiale, infatti, sono trasmessi in diretta sul canale TV8 del digitale terrestre, ai quali potrebbero affiancarsi dalla prossima stagione anche alcuni di quelli di F1.

VERSO IL DIGITALE L’ultima proposta, infine, è quella di puntare tutto sul mondo digitale: secondo i nuovi proprietari del Circus, infatti, presto potremo vedere tutti i GP attraverso una piattaforma OTT installabile su computer, smartphone e tablet. Questa scelta aprirebbe a un pubblico sicuramente più giovane e dinamico, che non ha intenzione di prendersi il classico impegno domenicale della gara alle 14 davanti alla Tv. Il rovescio della medaglia? Tutti coloro che amano la tradizione della Formula 1 verrebbero penalizzati. In ogni caso, chi vorrà seguire il prossimo Mondiale 2018 deve tenersi pronto a mettere mano al portafogli.


TAGS: formula 1 f1 f1 2018 formula 1 2018 formula 1 2018 rai f1 2018 rai formula 1 2018 tv8 f1 2018 tv8 formula 1 2018 sky f1 2018 sky