Autore:
Giulio Scrinzi

TEMPO DI DECIDERE I test di Abu Dhabi hanno, di fatto, concluso definitivamente la stagione 2017 di Formula 1, creando le basi per quella che sarà la prossima stagione. Un 2018 che, al momento, vede ancora delle incertezze in casa Williams, che ora sarà chiamata a decidere definitivamente chi sarà il prossimo top driver che affiancherà il giovane Lance Stroll sulla futura FW41.

KUBICA CONVINCENTE Il più importante pretendente al sedile della prossima monoposto Made in Grove è, ovviamente, Robert Kubica, che sullo Yas Marina ha fatto il suo esordio ufficiale sulla FW40. Il polacco si è comportato molto bene nella due giorni di test, portando a termine l'intero programma di prove: nella giornata di martedì è stato il turno dei long-run, nei quali ha dimostrato che le sue disabilità non sono un problema in ottica gara. Ieri, invece, ha effettuato alcune simulazioni di qualifica, centrando un 1'39''485 che gli è valso il settimo tempo assoluto.

ATTENZIONE A SIROTKIN Robert, però, ha diviso la sua FW40 con il collaudatore ex-Renault Sergey Sirotkin, autore di un test altrettanto positivo che ora sta mettendo in crisi la Williams sulla scelta del suo prossimo top driver. Il russo, infatti, ha ottenuto il suo miglior tempo con gomme a mescola Soft, inoltre si è dimostrato costante e veloce nelle varie simulazioni gara che gli sono state richieste di portare a termine.

CHI SCEGLIERE? A questo punto sul tavolo della Williams c'è una scelta importante da effettuare: puntare su un pilota esperto e con tanta fame di vittoria dopo anni di astinenza come Robert Kubica... oppure optare per un giovane promettente come Sirotkin, che potrebbe essere la vera sorpresa del 2018 nel team di Grove? Nel mentre che il team di Sir Frank deciderà chi sarà ad affiancare Stroll, sentiamo le parole di Paddy Lowe, direttore tecnico del reparto corse britannico. “Robert è un ragazzo molto professionale e al volante della nostra FW40 si è dimostrato all'altezza della sfida che gli abbiamo proposto: ha svolto un ottimo lavoro e alla guida si è comportato bene. Sergey, d'altra parte, è un pilota con il quale avevamo lavorato solamente con il simulatore: è molto promettente, disciplinato e maturo, doti che gli hanno permesso di completare un testo molto positivo che ci ha fornito feedback interessanti. Chi sceglieremo tra i due? Ora ci prendiamo del tempo per decidere: la risposta arriverà quando ci sentiremo pronti”.


TAGS: formula 1 robert kubica f1 F1 2017 williams martini racing formula 1 2017 f1 2018 formula 1 2018 test abu dhabi f1 2017 sergey sirotkin test f1 test formula 1 test f1 2018 test f1 2017 abu dhabi test formula 1 2018