Corvette: la Ferrari d'America diventa un SUV elettrico
Editoriale

Ma basta!


Avatar di Emanuele Colombo , il 18/01/21

8 mesi fa - Cosa penso delle supercar trasformate in SUV elettrici

La Corvette diventa un crossover elettrico come Ford Mustang Mach-E. Qualche considerazione su una tendenza dilagante
Benvenuto nello Speciale CES 2021, composto da 7 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario CES 2021 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

PREMONIZIONE DI SVENTURA La notizia è giunta come un fulmine a ciel sereno: nessuno se l'aspettava. E per la verità, nessuno sembra mai aver espresso desiderio di riceverla. Alla conferenza in occasione del CES 2021, che potete rivedere nel video qui sotto, General Motors ha promesso il lancio di 30 nuove auto elettriche entro il 2025 e il vice presidente del design GM Michael Simcoe ha annunciato che tra i modelli in arrivo ce ne saranno anche ad alte prestazioni. Una delle auto che si vedono alle sue spalle sembra proprio una versione SUV della Corvette: con un cofano basso e allungato e una firma luminosa che - pur non identici - richiamano gli elementi caratteristici dell'attuale Corvette C8 Stingray. Sogno o incubo?

LA CORVETTE SU BASE HUMMER Per vedere come la Stingray potrebbe trasformarsi uin un SUV, date un'occhiata al video del disegnatore The Sketch Monkey qui sotto, da cui è tratta la foto di copertina del servizio. Look a parte, la Corvette SUV EV dovrebbe condividere la piattaforma BEV3 con il fuoristrada Hummer EV e la futura ammiraglia Cadillac Lyriq: nella versione top a tre motori sprigiona 1.000 cavalli, brucia lo 0-100 in circa 3 secondi e può arrivare a un'autonomia di oltre 720 km con la batteria da 200 kWh. Certo, se vogliamo che la Corvette non pesi come un Hummer la scelta potrebbe ricadere su un accumulatore più piccolo, da 100 kWh, per un'autonomia di circa 480 km, ma tant'è... Solo l'idea che un Hummer e una Corvette abbiano la stessa base meccanica mi fa rabbrividire.

VEDI ANCHE



UN PROBLEMA DI IDENTITÀ Personalmente comprendo la praticità di SUV e crossover, capaci di massimizzare l'abitabilità interna senza sacrificare troppo il piacere di guida rispetto alle auto normali, al solo prezzo di consumi logicamente penalizzati dall'aerodinamica e dalla massa. Tuttavia, questa moda dilagante di far diventare tutto un SUV o un crossover, francamente, mi ha stancato. E se in alcuni casi, l'affiancamento di un SUV alle autentiche sportive - la mente corre immediatamente alla Lamborghini Urus, alla Porsche Cayenne o alla futura  Ferrari Purosangue - è stato promosso a furor di popolo, con numeri di vendita impressionanti, c'è caso che il nome faccia la differenza. Una grossa differenza.

Ford Mustang Mach-E GT, vista 3/4 anteriore Ford Mustang Mach-E GT, vista 3/4 anteriore

QUALCHE ESEMPIO Parlo sempre a titolo personale quando dico che veder applicato il nome Mustang a un crossover EV, come nel caso della Mach-E, mi confonde. Avranno sicuramente fatto bene i loro conti, in Ford, con l'obiettivo di capitalizzare la forza di un brand e traghettarlo nel futuro. E la trasformazione stilistica è anche riuscita bene (le manca solo un bel V8). Ma insomma, la forza al brand Mustang l'ha data il fatto che la Mustang è la Mustang: non una serie di auto tutte diverse. Lo so da me che la Mini è un esempio di successo di questa strategia, ma quali valori portava con sé Mini? Le vittorie al rally di Montecarlo non bastano per farne una sportiva tout court e infatti i modelli che hanno funzionato davvero nella gamma sono quelli che univano e uniscono fruibilità e glamour al piacere di guida. La più estrema Mini Coupé, quella col cappellino da baseball al posto del tetto (foto sotto), l'unica ad atteggiarsi a sportiva senza compromessi, ha avuto vita breve. E secondo me non è un caso. L'attuale Mini GP? Non è un modello a sé, ma una variante velleitaria e d'immagine, lanciata per coprire una sottonicchia.

QUANDO L'ABITO FA IL MONACO Guardate, tutto sommato arrivo a comprendere la trasformazione della Puma coupé di fine anni 90 nella nuova Puma crossover. Perché qui il valore associato al nome è quello di un'auto sfiziosa, non ultra-prestazionale o aspirazionale. E a vent'anni di distanza, il concetto di sfizio applicato all'auto è maturato, trasformandosi dal fattore-forma coupé in quello di una crossover, appunto. Lo accetto perché la nuova Puma la trovo intrigante, ha qualche soluzione smart come il famoso pozzetto MegaBox e si guida gran bene. Ma c'è nome e nome. Un golf di cashmere è più versatile di uno smoking. E se Puma, in questo parallelo, è il golf di cashmere, Mustang e Corvette sono decisamente due smoking. Ogni riferimento alle gomme fumanti è puramente intenzionale.


Pubblicato da Emanuele Colombo, 18/01/2021

Gallery
Listino Chevrolet Corvette Convertible
Allestimento CV / Kw Prezzo
Corvette Coupé Coupé C8 Stingray 502 CV Launch Edition 502 / 364 102.500 €
Corvette Convertible Convertible C8 Stingray 502 CV Launch Edition 502 / 364 109.680 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della Chevrolet Corvette Convertible visita la pagina della scheda di listino.

Scheda della Chevrolet Corvette Convertible
CES 2021
Logo MotorBox