Autore:
Giulia Fermani

GUIDA AUTONOMA Ha festeggiato il suo secondo compleanno Drive Me, il progetto di Volvo che ci traghetta verso la guida autonoma. Ed è qui che inizia il bello, ovvero la fase più delicata: quella dei test, che verranno effettuati per le strade pubbliche di Göteborg. 100 Volvo XC90, completamente robotizzate, entro il 2017 gireranno per la città e, a testarle, non saranno tester professionisti della Casa ma cittadini comuni.

CHIAMATI IN  CAUSA L’idea vi spaventa? Niente paura: nel caso venissero registrati dei problemi, agli automobilisti verrà richiesto di subentrare alla guida e se entro un dato tempo non risponderanno alla richiesta , l’auto cercherà in automatico un punto sicuro per fermarsi. Lo scopo di Volvo? Dimostrare che la guida autonoma fa davvero per tutti. Dalla madrepatria, Volvo si sposterà poi in altre città europee per continuare i test, fino ad arrivare alla produzione in serie prevista  per il 2020. 

SUPER TECNOLOGICA Nel pacchetto tecnologico delle auto robotizzate è inclusa una complessa rete di sensori, oltre a sistemi cloud-based di posizionamento e tecnologie di frenata e sterzo intelligenti. A completare la fornitura ipertecnologica delle auto coinvolte nel progetto Volvo Drive Me ci sono un radar integrato nel parabrezza (che già equipaggia la nuova XC90), un GPS avanzato (con cartina digitale tridimensionale ad alta definizione, aggiornata in tempo reale), telecamere e sensori laser in grado di rilevare l’esatta posizione della vettura e controllare le linee di demarcazione delle corsie. Sicuramente quelli di Volvo hanno fatto di tutto per rendere sicura l’esperienza di guida autonoma, ma voi vi fidereste a provare? Guardate il video e dite la vostra nei commenti!


TAGS: anni guida pubblico volvo test progetto drive lanciato autonoma