Autore:
Alessandro Codognesi

NOMEN OMEN Il nome stesso lo suggerisce: per ora, rimarrà nient’altro che un concept, un esercizio di stile, una prova. È apparsa al Wörthersee l’Audi TT Ultra Quattro Concept, una versione speciale che punta tutto su leggerezza e prestazioni. I suoi strumenti? Semplice: fibra di carbonio come se piovesse e una bella ritoccata al motore. Eccola in dettaglio.

CARBONIO, CARBONIO OVUNQUE Il notevole risparmio di peso dell’ Audi TT Ultra Quattro Concept (circa 300 chili) è stato ottenuto adottando fibra di carbonio nella sezione posteriore, nel tunnel, nel montante centrale e nel tetto, mentre il pianale è realizzato parzialmente in magnesio. I cerchi, un mix di carbonio e alluminio, hanno contribuito per un risparmio di ben 20 chili. L'impianto frenante è stato rimpiazzato da dischi anteriori carboceramici con pinze in alluminio, mentre lo scarico a terminale singolo è in titanio. Anche gli ammortizzatori hanno contribuito alla dieta globale: realizzati in fibra di vetro intrecciata con resine epossidiche, sono più leggeri del 40% rispetto agli standard. Si continua con la batteria, non più al piombo ma agli ioni di Litio, la carrozzeria, ovviamente in fibra di carbonio, e i sedili, identici a quelli utilizzati nella R8 da competizione con guscio in carbonio. Totale: -22 chili. Facendo i conti, la TT Ultra Concept pesa solo 1.111 chili, pur mantenendo la trazione integrale.

MOTORONE Non solo sul peso ma anche sul motore si è intervenuti. Per l’occasione, infatti, il 2.0 TFSI eroga la bellezza di 310 cavalli e 400 Nm tra 1.900 e 5.000 giri, e grazie all’utilizzo di materiali pregiati, pesa anche 25 chili in meno. Risultato? Ora la TT è in grado di archiviare la pratica 0-100 in soli 4,2 secondi, per fiondarsi poi fino a 280 km/h. Staremo a vedere se mamma Audi ne produrrà, un giorno, una versione in grande serie.


TAGS: audi tt concept