Autore:
Giulio Scrinzi

MARQUEZ AL TOP Quando arrivare secondo non ti basta, allora la volta successiva fai di tutto pur di imporre la tua supremazia su tutto il resto della griglia. Marc Marquez ha fatto proprio in questo modo oggi, sul circuito di Catalunya che è stato allestito per ospitare una giornata di test collettivi. Il Campione del mondo in carica, infatti, è riuscito a firmare un ottimo 1'44''071 a pochi minuti dalla bandiera a scacchi, a dimostrazione che la sua RC213V è decisamente competitiva in questa parte di stagione.

VINALES INSEGUE Lo ha seguito a 366 millesimi l'attuale leader di classifica, un Maverick Vinales che, a quanto sembra, è riuscito a far fronte alle difficoltà incontrate nel GP di ieri sul Montmelò spagnolo. Il numero 25 della Yamaha, oggi, si è essenzialmente concentrato nella prova di un nuovo telaio portato per risolvere i problemi di grip della M1. Il primo responso? Positivo, ma c'è margine di miglioramento.

ROOKIE ALLA RISCOSSA Terzo tempo assoluto per la M1 privata di Jonas Folger, staccato si di ben nove decimi dalla vetta ma capace di mettersi dietro la seconda RC213V ufficiale di Daniel Pedrosa (+0.932) e la prima delle Aprilia di Aleix Espargarò, anche lui in grado di limitare il distacco dal miglior tempo di Marquez intorno al secondo e che si è concentrato su alcuni lavori di elettronica e di set-up delle sospensioni anteriori.

OLTRE IL SECONDO DI GAP Chi, invece, è andato oltre il secondo di margine dalla vetta è stato innanzitutto l'inglese Cal Crutchlow (+1.225), capace di precedere la seconda M1 privata di Johann Zarco (+1.381) e la prima delle Ducati di Scott Redding (+1.494). C'è da dire che il reparto corse ufficiale, l'Avintia Racing e il Team Aspar non erano presenti in questa giornata di test, per cui le uniche Rosse in pista erano quelle del team Pramac.

CHIUDONO LA TOP TEN... Hanno completato la top ten la Honda di Tito Rabat (+1.511) e la seconda Yamaha ufficiale di Valentino Rossi, solamente decimo con oltre un secondo e mezzo di distacco. Come per il suo compagno di squadra, il Dottore di Tavullia ha provato un nuovo telaio (diverso da quello fornito a Vinales), il quale domani lo scambierà con il suo team-mate per incrociare i dati e trovare una soluzione a tutti i problemi che stanno incontrando in questo momento della stagione.

TUTTI GLI ALTRI Per quanto riguarda il resto della griglia, Danilo Petrucci ha chiuso all'11esimo posto, anche se ha dovuto terminare in anticipo le sue prove per un dolore alla spalla sinistra rimediata nella caduta della gara di ieri. Da sottolineare, infine, il ritorno in sella di Alex Rins sulla Suzuki GSX-RR: un debutto che è terminato con il 17esimo tempo. Ha fatto meglio Andrea Iannone, 14esimo, mentre Sylvain Guintoli non è riuscito ad andare oltre il 18esimo, e ultimo, crono.

I TEMPI DI GIORNATA 1) Marc Marquez (Honda), 1'44''071; 2) Maverick Vinales (Yamaha), 1'44''437; 3) Jonas Folger (Yamaha), 1'44''972; 4) Daniel Pedrosa (Honda), 1'45''003; 5) Aleix Espargarò (Aprilia), 1'45''046; 6) Cal Crutchlow (Honda), 1'45''296; 7) Johann Zarco (Yamaha), 1'45''452; 8) Scott Redding (Ducati), 1'45''565; 9) Tito Rabat (Honda), 1'45''582; 10) Valentino Rossi (Yamaha), 1'45''635; 11) Danilo Petrucci (Ducati), 1'45''863; 12) Jack Miller (Honda), 1'45''897; 13) Pol Espargarò (KTM), 1'46''107; 14) Andrea Iannone (Suzuki), 1'46''130; 15) Sam Lowes (Aprilia), 1'46''389; 16) Mika Kallio (KTM), 1'46''405; 17) Alex Rins (Suzuki), 1'46''490; 18) Sylvain Guintoli (Suzuki), 1'47''055.


TAGS: motogp marc marquez maverick vinales motogp 2017 test motogp 2017 jonas folger test motogp catalunya 2017