Pubblicato il 01/06/2020 ore 00:25

DALLE DERIVATE DALLA SERIE... Ha iniziato a competere nei Campionati nazionali di velocità nel 2006, debuttando prima nella CBR 600 Cup e poi nella R6 Cup, dove centrò un secondo posto che gli valse il supporto del team Yamaha Motor Italia. Grazie a questo, nel biennio 2008-2009 ha partecipato al Campionato Europeo Superstock 600, per poi passare alla Superstock 1000 dove ha rappresentato la FMI e l'Italia nella prova unica prevista da calendario. In quell'occasione Danilo Petrucci vinse e conquistò il Titolo di Campione Europeo Junior della STK 1000, il che gli aprì le porte prima alla Superstock 1000 FIM Cup e poi al Mondiale Superbike con il team Pedercini. Nel 2011, invece, è passato al team Barni Racing, oltre ad entrare nel gruppo sportivo Fiamme Oro della Polizia di Stato.

… ALLA MOTOGP Questi risultati gli hanno permesso di fare il grande salto in MotoGP per la stagione 2012, quando ha accettato il progetto del team IodaRacing, che gli ha affidato prima la Ioda TR003 e poi la Suter MMX1. Nel 2013 rimase nello stesso team migliorando sensibilmente le sue prestazioni, che però peggiorarono nel 2014 quando passò in sella alla ART. Per il 2015, però, il team Pramac Racing aveva una sorpresa per lui: il reparto corse di Casole d'Elsa lo accolse come pilota titolare sulla propria Ducati Desmosedici, con la quale centrò il suo primo podio (un secondo posto) durante il GP di Gran Bretagna. Da allora ha continuato la sua crescita con la Rossa di Borgo Panigale, arrivando l'anno scorso a battagliare con i migliori della classe conquistando ben quattro piazzamenti sul podio.

CRISI DI RISULTATI Nel 2018 il ternano ha confermato l'ottavo posto in campionato, conquistando un solo podio in Francia ma battendo regolarmente il compagno Jack Miller, e convincendo il team Ducati ufficiale a dotarsi dei suoi servigi per la stagione 2019. Purtroppo la stagione non è andata come ci si aspettava, nonostante il sesto posto finale e la brillante vittoria del Mugello (corredata da altri due podi), nella seconda parte di stagione Petrucci è andato in crisi di risultati e quello al via sarà il suo ultimo anno in Ducati (dove sarà sostituito da Jack Miller) prima di approdare in KTM.

I SOCIAL NETWORK DI DANILO PETRUCCI

Sito Ufficiale  Twitter  Facebook  Instagram

Test MotoGP Jerez 2020: Danilo Petrucci (Ducati)

LA SCHEDA E I NUMERI DI DANILO PETRUCCI

Data di nascita: 24 ottobre 1990
Luogo di nascita: Terni (Italia)
Altezza: 181 cm
Peso forma: 80 kg

  MotoGP All
Primo Gran Premio 2012 - QAT  
Prima pole position -  
Primo giro veloce in gara 2016 - NED  
Primo podio 2015 - GBR  
Prima vittoria 2019 - ITA  
Vittorie 1 1
2ª posizione 4 4
3ª posizione 4 4
Podi 9 9
Poles 0 0
Giro veloce in gara 2 2
Campionati del mondo vinti 0 0

LE STATISTICHE ANNO PER ANNO DI DANILO PETRUCCI*

Stagione Categoria Partenze Tot. Poles Moto Punti Pos.
2019 MotoGP 19 1 0 2 3 0 Ducati 176 6
2018 MotoGP 18 0 1 0 1 0 Ducati 144 8
2017 MotoGP 18 0 2 2 4 0 Ducati 124 8
2016 MotoGP 14 0 0 0 0 0 Ducati 75 14
2015 MotoGP 18 0 1 0 1 0 Ducati 113 10
2014 MotoGP 14 0 0 0 0 0 ART 17 20
2013 MotoGP 18 0 0 0 0 0 Ioda-Suter 26 17
2012 MotoGP 18 0 0 0 0 0 Ioda-Suter 27 19

*Aggiornate al Campionato del Mondo 2019


TAGS: danilo petrucci danilo petrucci #9 motogp 2019 Petrucci Petrucci Ducati Mission Winnow Ducati Mission Winnow Ducati 2019