Pubblicato il 20/08/20

NIENTE LIBERE Johann Zarco, il pilota francese protagonista suo malgrado dello scorso weekend, non ci sarà venerdì in pista al Red Bull Ring per le prove libere del Gran Premio di Stiria. La pista non cambia rispetto al GP d'Austria della scorsa domenica, quindi il danno sarà minimo a livello di feeling e competitività, ma per essere in pista il sabato Zarco dovrà ricevere l'okay dei medici. Il pilota francese è infatti stato operato ieri allo scafoide infortunato nell'incidente di domenica, e per regolamento MotoGP dovrà attendere 48 ore prima di pote essere visitato dai medici in pista e ricevere l'okay per esserci. 

SPADA DI DAMOCLE C'è una seconda incognita però per Johann Zarco, che oggi è stato ascoltato assieme a Franco Morbidelli, Pol Espargaro, Miguel Oliveira, Aleix Espargaro e Danilo Petrucci (ovvero tutti i piloti coinvolti in incidenti o situazioni disciplinari nello scorso GP), ed è la decisione che potrebbe arrivare dal pannello giudicante, composto dai commissari Freddie Spencer, Bill Cumbow e Ralph Boonhorst. Zarco potrebbe ricevere una penalità per la manovra che ha portato all'incidente di domenica scorsa, ma è un'incognita l'entità dell'eventuale punizione, che sarà resa nota comunque a breve.


TAGS: motogp johann zarco Zarco MotoGP 2020 GP Stiria 2020 StyrianMotoGP 2020 Incidente Morbidelli Zarco