Autore:
Matteo Larini

MARQUEZ CONTENTO In una pista su cui la Yamaha e la Ducati sono tradizionalmente molto forti, Marc Marquez con la sua Honda ha dominato la gara, accumulando un vantaggio netto rispetto alla triade Ducati alle sue spalle, che ha tentato di arginare la fuga del campione in carica senza riuscirci. Lo spagnolo è chiaramente felice del risultato ottenuto, anche alla luce della scelta di gomme fatta: “Le Mans è sempre difficile con le temperature, credo che sia la mia prima gara con la gomma soft all’anteriore ma ho cercato di essere costante per tutti i giri e quando ho visto che il mio vantaggio stava aumentando ho spinto un po’ di più in quei giri”. Il gap rifilato agli inseguitori ha anche spinto l’iberico a controllare il ritmo senza strafare: “Quando ho capito di avere due secondi e mezzo di vantaggio sono tornato a ridurre il ritmo perché mi sentivo a mio agio. Sono contento perché normalmente qui Ducati e Yamaha sono molto forti e veloci, ma noi siamo lì e questa è una bella notizia per noi”.

DOVIZIOSO FELICE A META’ Nonostante il secondo posto sia sicuramente un risultato positivo, Andrea Dovizioso non è completamente soddisfatto della piazza d’onore, perché la sua Ducati non era sufficientemente competitiva per lottare per la vittoria, come conferma il forlivese nelle interviste post-gara: “Le sensazioni non erano speciali, la velocità c’era ed alla fine siamo arrivati secondi, quindi è un buon risultato ma non ero a mio agio per spingere al 100%. Il tempo sul giro era buono, ma non sufficiente per stare con Marc: lui era un pochino più rapido, ma non volevo correre rischi per stargli dietro perché non ero abbastanza veloce. Ho dovuto usare le Soft ed all’inizio non potevo tenere quel ritmo, il secondo posto è buono ma non è abbastanza”.

PETRUCCI TERZO Se Dovizioso recrimina una mancanza totale di feeling con la sua Ducati, Danilo Petrucci è invece più soddisfatto del compagno, perché finalmente è tornato sul podio. L’italiano è stato più veloce del vicecampione in carica sia in qualifica sia nell’ultima parte di gara, in cui ha recuperato il divario da Dovizioso e lo ha sfidato per il secondo posto. Il ternano spiega così il suo recupero: “C’è voluto un anno quasi per tornare sul podio, ma è stato grandioso. All’inizio ho commesso due errori, sono andato largo ed ho perso tantissime posizioni, mi sono trovato al sesto posto ma mi sono detto ‘no,ho una bella sensazione’, ho iniziato a spingere tanto ed alla fine ci siamo trovati io e Dovi a lottare molto duramente, ma alla fine è andata bene”. “Lui andava meglio di me in accelerazione e frenata – ha proseguito Petrux nella sua disamina - ma sono davvero contento per questo podio… ne avevo bisogno e vorrei ringraziare tutti i membri del mio team, la mia famiglia e la prossima gara sarà il Mugello, quindi la mia gara di casa e ne sono entusiasta”.


TAGS: honda ducati andrea dovizioso danilo petrucci marc marquez motogp 2019 LeMansGP 2019