Autore:
Matteo Larini

POLE COL BRIVIDO Ancora una volta, a fare la differenza nelle qualifiche della MotoGP è stato Marc Marquez, bravo a mettersi davanti a tutti nonostante una caduta – senza conseguenze – che avrebbe potuto pregiudicare il risultato. Lo spagnolo, commentando la pole, ha spiegato quanto le condizioni fossero al limite: “Oggi era difficile, un giorno di quelli in cui la pista non si sa se va per le slick o meno, giochi alla lotteria. Penso abbiamo fatto una bella scelta, volevo prendermi il rischio di mettere le slick come Valentino in Q1, ma ho visto la pioggia debole e ho scelto la gomme da bagnato, era la scelta sicura, facendo un giro veloce. Ho avuto la caduta ma poi sono tornato in pista e sono contento per questa pole”.

PETRUCCI SECONDO Finalmente una buona qualifica per Danilo Petrucci, in prima fila a Le Mans e davanti al compagno di squadra Dovizioso: sul bagnato, l’italiano è sempre stato competitivo, e la qualifica odierna lo dimostra. Il ternano è raggiante per il risultato ottenuto: “Abbiamo fatto una buona strategia con la squadra decidendo di uscire subito, perché poi le condizioni sono peggiorate. La pista non si stava bagnando, c’era solo questa patina di acqua e le rain non lavoravano, figurarsi le slick… c’era da stare in piedi. Ce l’abbiamo fatta, finalmente una buona qualifica e domani dobbiamo fare una buona gara. Sono contento di essere tornato nel ‘recinto’”.

MILLER TERZO A confermare la bontà della Desmosedici sul bagnato c’è Jack Miller, terzo in qualifica davanti alla Ducati ufficiale di Andrea Dovizioso. L’australiano, al pari di Marquez, era caduto durante la prima fase di qualifica, come ha spiegato nelle interviste dedicate alla top-3: “La MotoGP è una moto molto pesante, sono andato lontano dalla pista in modo da rimetterla in pista e poi ho guardato quante pietre c’erano. L’esperienza aiuta in queste situazioni”.  Fare di più, ha spiegato il Ducatista, era impossibile: “Oggi sono stato terzo, ma non mi piacciono queste condizioni e sapevo che dovevo uscire ad inizio qualifica perché si sentiva nell’aria e anche sul tracciato che sarebbe tornata la pioggia. Nelle curve a destra come la sei e la otto c’erano condizioni molto negative quindi sapevo che dovevo sfruttare al massimo il primo giro e ci sono riuscito”.


TAGS: andrea dovizioso danilo petrucci jack miller marc marquez motogp 2019 LeMansGP 2019