Autore:
Simone Valtieri

LIVE STREAMING LA PRESENTAZIONE DELLA GP19 La Ducati sarà il primo team iscritto al mondiale MotoGP 2019 a presentarsi al mondo. Segui in diretta live streaming dalle ore 18, da Neuchatel, in Svizzera, sede della Phillip Morris, la presentazione del team che svelerà anche la nuova livrea griffata "Mission Winnow", come quella della Ferrari in Formula 1. La GP-19 proverà a riportare il mondiale a Borgo Panigale, successo che manca da 12 anni e dal titolo vinto nel 2007 con Casey Stoner. In sella alla Desmosedici saliranno Andrea Dovizioso, secondo lo scorso anno alle spalle di Marc Marquez, e Danilo Petrucci, promosso dopo quattro anni nel team satellite Pramac. La sfida tutta italiana alla vetta del Motomondiale parte oggi, non perdetevi neanche un minuto con la diretta streaming dell'evento.

MISSIONE "VINCERE ORA" Il primo atto ufficiale della presentazione è stato l'unveiling del nuovo main sponsor - lo stesso della Ferrari Formula 1 - Mission Winnow. Dopo il presidente di Phillip Morris International, è stato l'amministratore delegato Claudio Domenicali a salire sul palco iniziando a introdurre il progetto della moto 2019. "Tutte le presentazioni si somigliano un po', ma se posso trovare un fil-rouge è la passione" - ha spiegato l'ad. "La cosa bella del nostro gruppo è la coesione, siamo sempre insieme, sia quando piove che quando c'è il sole."

PARLA DALL'IGNA Dopo un filmato riepilogativo degli alti e bassi visti in pista nel corso della stagione 2018, conclusosi con una toccante dedica a Silvio Sangalli, team cordinator scomparso a soli 54 anni lo scorso dicembre, è salito sul palco il general manager di Ducati Corse, Luigi Dall'Igna: "Il 2018 è stato un anno importante, siamo cresciuti e abbiamo migliorato per il quarto anno consecutivo, sia dal punto di vista sportivo che da quello tecnico." - ha spiegato l'italiano - "L'unico problema dell'anno scorso è che non siamo riusciti a tenere aperto il campionato fino all'ultima gara. Questo vuol dire che i nostri concorrenti sono migliorati, e così stiamo cercando di mettere in pista le nostre idee al fine di migliorare ancora. Abbiamo già iniziato il nostro lavoro a Valencia e negli altri test, il motore avrà quest'anno ancora più cavalli, ma è cambiato il regolamento aerodinamico, speriamo di essere finalmente a una situazione di stabilità regolamentare, utile anche a risparmiare."

SI PUNTA AL MONDIALE Il general manager ha poi introdotto i piloti e parlato degli obiettivi: "Andrea Dovizioso è stata la nostra punta, conosce l'ambiente e ha fatto gare sensazionali, concludendo per la seconda volta al secondo posto del mondiale. Danilo Petrucci ha una lunga storia in Ducati, dal 2015, ha fatto bellissime gare ma gli manca ancora la vittoria, e questo sarà il suo obiettivo per il 2019. Vogliamo combattere per vincere il mondiale, non siamo i favoriti ma ce la metteremo tutta per regalare il nostro successo a tutti i ducatisti." Sul palco sono saliti poi ài due "tecnici" Davide Barana ed Edoardo Leonori, dopodiché è stato finalmente il turno dei piloti.

PROFONDO ROSSO Prima di qualsiasi dichiarazione però, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci, hanno tolto i veli alle Ducati Desmosedici GP19. "La livrea della Ducati è sempre bella, ma quest'anno è, se possibile, ancora più bella" - ha spiegato Dovizioso. Il motivo? "È rossissima" lo spiega Petrucci, non nascondendo il gradimento per la nuova colorazione. "Mi ci sento molto bene con questa moto, penso che potrò veramente combattere per il campionato" - ha proseguito Dovizioso - "Ho un po' più di fiducia rispetto all'anno scorso, gli ultimi collaudi sono andati molto bene e a Sepang avremo una moto praticamente nuova. Sin dall'inizio il nostro livello potrà essere eccellente, e da lì dovremo però costruire qualcosa di ancora migliore. In generale sono veramente entusiasta".

SCUDIERO IN ROSSO Petrucci ha aggiunto: "Adesso ho il cuore in gola come l'avevo a Valencia, la prima volta che l'ho guidata. Non posso dirmi tranquillissimo e rilassato, ma sono molto conscio di ciò che potrebbe arrivare in positivo. Con Andrea possiamo fare un ottimo lavoro insieme, posso solo imparare da lui e spero di restituirgli quanto imparato durante l'anno. Per me il Dovi è sempre stato un riferimento in Ducati, guardavo i suoi dati e cercavo di correre come lui, è un esempio, sono felicissimo di correre con lui. Magari avremo obiettivi divesi per questa stagione. Il mio target? Essere soddisfatto a fine stagione, e non è facile dire adesso a cosa corrisponde. Però diciamo che ora sono pilota ufficiale, e la Missione è quella che c'è scritta sulla carena: vincere ora."

OTTIMISMO DIFFUSO Gli ultimi a salire sul palco di Neuchatel sono stati il direttore sportivo Paolo Ciabatti, team manager Davide Tardozzi e il collaudatore Michele Pirro. "Abbiamo un team molto competitivo, due piloti veloci ma che amano collaborare, è la ricetta perfetta per vincere il campionato, e non ultimo abbiamo una molto bellissima, tanto veloce quanto bella" - ha spiegato Ciabatti. "Un colore rosso e aggressivo, è bello vedere queste due moto che si basa sui talenti che abbiamo in questa azienda, non vedo l'ora di vedere i prossimi test." - ha aggiunto Tardozzi, infine Pirro: "È la mia settima stagione in Ducati, io sto recuperando da un infortunio alla spalla, ma il team è pronto, vogliamo andare a Sepang quanto prima per collaudare queste moto così potenti e belle. In bocca al lupo ai nostri ragazzi per questa stagione" E noi ci uniamo agli auguri di Michele Pirro, ultimo a parlare di una squadra che appare coesa e più decisa che mai a vincere quel titolo che manca dal 2007.


TAGS: motogp andrea dovizioso danilo petrucci motogp 2019 Presentazione Ducati 2019 Ducati GP19 Ducati 2019 Presentazione Ducati MotoGP 2019