Autore:
Giulio Scrinzi

È UN FATTO CHE BISOGNA ACCETTARE Anche se ormai tutte le energie sono rivolte all'imminente GP del Messico, la vicenda che ha visto il sorpasso di Max Verstappen ai danni di Kimi Raikkonen, avvenuto a poche curve dalla fine nello scorso round a stelle e strisce, fa ancora discutere. Alle lamentele dell'olandese della Red Bull verso quella penalità che gli ha privato di assaporare il gradino più basso del podio ha risposto il finlandese della Ferrari, affermando che è una realtà che il giovane 20enne deve accettare. “Non sono stato io a prendere quella decisione: ho sentito dire che Mika Salo (il commissario che ha giudicato la manovra ad Austin) ci ha aiutato, ma in Belgio anch'io ho dovuto scontare una penalità discutibile. Cosa deve fare Verstappen? Deve accettarla e andare avanti. Punto”.

VOGLIO DI NUOVO LA GHIAIA Ma come sarebbe stato possibile evitare quanto accaduto sul Circuit of The Americas? Raikkonen, che è un pilota “all'antica”, sembra avere la soluzione a portata di mano: “Il problema principale è causato dal troppo spazio disponibile ai lati delle piste. Nei miei primi anni di attività i circuiti avevano la ghiaia al di fuori della sede stradale, uno stimolo in più per fare bene le traiettorie. Oggi, invece, c'è l'asfalto che induce a rischiare di più e, di conseguenza, ad uscire più spesso dalle linee ideali. Sui circuiti old-style, dove la ghiaia è ancora presente, se il pilota sbaglia paga un prezzo più elevato, mentre su quelli più nuovi, dove tra l'altro corrono anche le moto, è più facile incorrere in questi sbagli. La soluzione, in realtà, sarebbe trovare un compromesso, ma non è facile...”.

ACCELERATORE A TAVOLETTA Per quanto riguarda l'imminente GP del Messico, Kimi ha affermato di essere pronto a scendere in pista e dare il meglio di se stesso come ha fatto sul circuito delle Americhe. “Siamo stati competitivi su tante altre piste, quindi non vedo perchè non dobbiamo confermarci anche qui. Daremo il massimo come al solito fino all'ultima curva dell'ultimo giro”.


TAGS: ferrari formula 1 kimi raikkonen f1 F1 2017 scuderia ferrari formula 1 2017 f1 2017 gp messico