Autore:
Marco Rocca

SUV O FUORISTRADA? IL Da sempre un punto di riferimento tra gli amanti delle fuoristrada dure e pure, la Suzuki Vitara non è mai stata un modello schiavo del ricambio generazionale tanto che dal 1988 al 2014, si sono avvicendate solo tre generazioni. Fino ad oggi quando, con la quarta Vitara (la MY 2015), è venuto meno il prefisso "Grand" e forse anche un po’ la vocazione per l’avventura. Ecco cosa c'è da sapere: 

 

1) E’ circa 30 cm più corta della precedente, si sta comodi anche in 5?

La nuova Vitara misura 4 metri e 17 centimetri da paraurti a paraurti. Nonostante misure compatte, da segmento B, lo spazio per i passeggeri è buono. Davanti si sta comodi ed è facile trovare subito la posizione di guida giusta (peccato solo per la regolazione a scatti dello schienale non sia il massimo di praticità). Dietro ci si sta in due ma anche in tre comodamente. Le ginocchia sono ben lontane dagli schienali anteriori, ben più di quanto ci si aspetterebbe da un’auto di queste dimensioni. Davvero un ottimo lavoro. Il tetto alto, poi, evita quella sensazione vagamente claustrofobica su alcune rivali. Quanto ai bagagli, lo spazio utile è di 375 litri, ovvero 3 trolley piccoli e una borsa morbida ma volendo si può arrivare sino a 1.120 litri a sedili reclinati. Utilissimo il doppio fondo. Con un quadro così positivo ce n'è abbastanza per chiudere in occhio sul fatto che le porte posteriori siano un po' piccole e l'accessibilità al divano non sia quindi il massimo della vita.

2) Ha ancora le ridotte e il telaio a longheroni?

No, l’ultima generazione di Vitara è meno specialistica del modello precedente. Oggi è una Suv e non più una fuoristrada classica. Mancano anche le ridotte, è vero, ma con la trazione integrale AllGrip mostra una convincente attitudine ad affrontare i percorsi che vanno ben al di là di una semplice strada bianca. La trazione è a prova di sabbia e buche profonde, mentre le sospensioni digeriscono di tutto. Per chi non avesse necessità c’è anche con la sola trazione anteriore. Tra le curve la Vitara 2015 non fa rimpiangere una berlina, pronta a disegnare traiettorie senza sbavature grazie a uno sterzo con un discreto compromesso tra precisione e leggerezza. E, se di leggerezza parliamo, è bene ricordare che sono rimasti sulla precedente versione circa 360 kg, il che vuol dire permettersi anche un assetto morbido senza perdere niente in fatto di piacere di guida.

3) Come è fatta dentro?

Se cercate plastiche morbide avete sbagliato abitacolo ma da buona "giappo" gli assemblaggi sono sempre molto precisi. In fin dei conti, però, non è poi un grosso problema visto che gli uomini Suzuki hanno preferito mettere l’accento alla voce sicurezza piazzando su tutti gli allestimenti il sistema radar RBS che tiene sotto controllo l'auto che ci precede, frenando automaticamente qualora rilevi il rischio di tamponamento. Pollice su. Ottimo anche il nuovo schermo touch a livello della concorrenza tedesca quanto a sensibilità del tocco. Per la cronaca funziona anche con guanti.

4) I motori consumano poco?

Il millesei a gasolio è il candidato naturale al ruolo di best-seller. Il perché è presto detto: ha una coppia generosa, che assicura un gran tiro sin dai regimi medio-bassi, e non si tira indietro se è chiamato a fare gli straordinari e ad allungare verso la zona rossa del contagiri. Per contro, soprattutto a freddo, è un po' rumorosetto, in compenso vanta consumi sempre contenuti (si possono fare anche i 17 km/l in autostrada) e una buona rotondità anche quando viene fatto girare a ritmi da bradicardico. Insomma è lui la scelta giusta per chi voglia vivere la macchina a 360 gradi, anche a pieno carico o su forti pendenze. L'altro millesei, quello a benzina, è invece ideale per chi fa meno strada o, per esempio, per chi vede in questa Suzuki una seconda macchina di casa, ruolo che le si addice benissimo. A sua volta poco assetato di carburante (5,3-5,7 l/100 km a seconda del tipo di trasmissione), questo quattro cilindri giapponese gira tondo e silenzioso e non si fa pregare a salire di giri. Se si francobolla il pedale dell'acceleratore al pavimento e si usa molto il cambio (peraltro ottimo) tira fuori anche le unghie.

 

5) Quanto costa?

La Suzuki Vitara 2015 è in vendita con un listino che va da 19.900 a 27.100 Euro, in linea con la concorrenza. Dalla sua, però, la semplicità di avere solo due allestimenti, V-Cool e V-Top e una lista di optional tutt’altro che chilometrica. Quello che serve è già di serie


TAGS: video prova suzuki vitara 2015 5 domande su... prove auto 2015