Autore:
Simone Valtieri

25 VOLTE TEAM REPSOL Presentato a Madrid, presso il campus Repsol, il team Honda HRC, alla presenza dei due piloti titolari Marc Marquez e Jorge Lorenzo, il secondo con una vistosa fasciatura al polso operato due giorni fa all'ospedale di Barcellona. È il 25° anno che il team Repsol partecipa al mondiale di MotoGP: in questo quarto di secolo sono arrivati ben 14 titoli piloti (3 Doohan, 1 Crivillé, 3 Rossi, 1 Hayden, 1 Stoner e 5 Marquez), 168 vittorie e 427 podi

OBIETTIVO IRIDATO Il campione del mondo in carica Marc Marquez e il suo nuovo compagno Jorge Lorenzo hanno vinto gli ultimi 7 titoli iridati e sono i favoriti naturali per la conquista anche del campionato 2019. Il direttore di HRC Tetsuhiro Kuwata ha spiegato: "Stiamo cercando ogni anno di progredire, ci poniamo standard molto alti e crediamo che non ci sia connubio migliore della Honda Hrc e la Repsol per ottenere il nostro obiettivo, quello di fare la differenza in MotoGP" I due piloti, affiancati sul palco dalle due leggende Mick Doohan e Alex Crivillé, hanno svelato le loro due RC213V, poste per l'occasione su un podio e accompagnate dalle NSR500 iridate con i due veterani, apparsi al pubblico al sollevamento di una serranda in stile pitlane.

NESSUN DREAM TEAM   "Far parte della famiglia Honda è un privilegio" - ha spiegato Marquez - "Vi hanno corso tutti i miei idoli. Collaboro con Repsol sin da quando ero bambino e correvo nel campionato spagnolo. Speriamo di poter aggiungere altri titoli a questa storia. Tra qualche settimana saremo in pista, sto recuperando dall'infortunio alla spalla, l'operazione è stata complicata ma sono quasi pronto, ora si è fatto male anche Jorge, ma almeno uno dei due deve provare le novità sulla moto" - ha scherzato Marc prima di concludere: "Essere qui significa lottare sempre per vincere ma non amo il termine dream team, ma spero possiamo celebrare qualcosa di grande alla fine della stagione."

PRONTO PER IL QATAR Il suo nuovo compagno Jorge Lorenzo, ha parlato del recente infortunio: "È stato inaspettato, ma non posso tornare indietro, bisogna solo affrontarla nel modo migliore possibile, in modo positivo. Lo scafoide è uno degli ossi più complicati da operare, per questo non credo che sarò a Sepang, sarò probabilmente pronto per il Qatar. Anche nel corso dei primi test stavo ancora scontando gli infortuni di Aragon e Buriram, ero all'80% ma ho potuto conoscere la moto e mi è piaciuta molto, non era ancora perfetta ma il team è stato fantastico nell'agevolare l'adattamento. Spero che entrambi si possa mostrare presto le potenzialità di questo 'dream team' di cui si parlava."

Di seguito il video integrale della presentazione:


TAGS: jorge lorenzo marc marquez honda hrc motogp 2019 Presentazione Honda HRC