Autore:
Giulio Scrinzi

EGOISMO AGONISTICO? Nella scorsa gara di Valencia, l'ultima della stagione 2017, Marc Marquez e Andrea Dovizioso si sono giocati il Titolo Mondiale: a un certo punto El Cabroncito, nel tentativo di passare Zarco, ha tentato una staccata furibonda in curva 1, andando largo e tenendo in piedi la sua Honda per miracolo. Questo ha acceso un barlume di speranza nella mente del nostro Dovi, ma il suo compagno di squadra davanti a lui non ha voluto cedergli la posizione per guadagnare terreno in Classifica Piloti, nonostante i continui messaggi di procedere in tal senso da parte del muretto dei box.

AIUTO INDIRETTO Si è trattato di un atto di egoismo quello di Lorenzo? Sarebbe stato meglio che lasciasse strada a Dovizioso, in modo da andare a conquistare la testa della corsa? In realtà, Jorge ha aiutato fino all'ultimo il nostro portacolori della Ducati, come lui stesso ha affermato in conferenza stampa: “Ho sempre visto il messaggio sul cruscotto (la famosa “mappatura otto”) e quello al muretto, ma avevo visto che Andrea non era così efficace sul passo gara. Considerato che mi sentivo più veloce di lui, ho deciso di aiutarlo mettendomi davanti in modo da trainarlo fino a ricucire il margine con Pedrosa e con quelli davanti. Ho fatto di tutto per arrivare a ridosso dei primi, ma poi siamo caduti entrambi. Cos'altro potevo fare?”.

IL COMMENTO DI DOVIZIOSO Di fronte a tale aiuto, Andrea ha anche ringraziato il compagno di squadra, ammettendo che con la sua GP17 era veramente al limite: “All’inizio pensavo di poter passare Jorge perchè c’erano dei punti dove perdevo e dei punti dove guadagnavo: alla fine stare dietro di lui mi ha aiutato a guidare più pulito, e quindi è stato positivo averlo davanti a me. In realtà eravamo tutti al limite, per cui voglio fare i complimenti a Marquez perché anche quest’anno è riuscito a fare la differenza.”.

IL COMMENTO DI DALL'IGNA Queste, invece, le parole di Luigi Dall'Igna, autore del tentativo di far retrocedere Lorenzo di una posizione ma che, alla fine, ha dovuto desistere di fronte alla decisione del numero 99. “Credevo che fosse giusto fare un tentativo, ma poi è sempre corretto che siano i piloti ad avere l'ultimo giudizio. Jorge credo che abbia voluto tirare Dovi il più possibile, quindi credo che vada bene così. Anche con Dovi davanti sono convinto che il risultato finale non sarebbe cambiato di molto”.


TAGS: motogp jorge lorenzo andrea dovizioso marc marquez motogp 2017 team ducati motogp 2017 motogp valencia 2017