Autore:
Giulio Scrinzi

FINALE INGRATO La stagione 2017 si è conclusa con la vittoria del Titolo da parte di Marc Marquez e con la sconfitta di Andrea Dovizioso: il forlivese della Ducati ha provato in tutti i modi a tenere il passo dei primi, trainato da un Jorge Lorenzo che, a dispetto delle segnalazioni dal box che gli chiedevano di lasciar passare il numero 4 di Borgo Panigale, ha fatto di tutto per aiutare il compagno di squadra e riavvicinare il gruppo di testa. I due, alla fine, sono caduti a pochi giri dalla fine a causa del degrado repentino delle gomme sulle loro Desmosedici: un finale ingrato per una stagione spettacolare, che lascia l'amaro in bocca per quello che sarebbe stato possibile fare in più ma anche la speranza per un 2018 ancora più convincente.

ANDREA DOVIZIOSOCi ho provato, ma non è andata nel modo migliore per noi: non eravamo veloci quanto Marquez, ma in ogni caso abbiamo lottato fino alla fine. Ho spinto al massimo fin dal primo giro, non ho sbagliato niente e mi sono messo nella posizione giusta ma purtroppo non avevo molte carte da giocare. All’inizio pensavo di poter passare Jorge perchè c’erano dei punti dove perdevo e dei punti dove guadagnavo: alla fine stare dietro di lui mi ha aiutato a guidare più pulito, e quindi è stato positivo averlo davanti a me. In realtà eravamo tutti al limite, per cui voglio fare i complimenti a Marquez perché anche quest’anno è riuscito a fare la differenza. In ogni caso, sono comunque molto contento di questa stagione e voglio ringraziare i ragazzi della squadra, la Ducati e tutti quelli che ci hanno supportato perché abbiamo fatto un campionato davvero esagerato, pieno di grandi soddisfazioni”.

JORGE LORENZONessuno vorrebbe finire la stagione con una caduta però, a parte il mio ritiro, credo che dobbiamo essere contenti di come abbiamo finito il campionato, perché sia in Malesia che qui a Valencia abbiamo lottato per il podio e questo è il modo in cui dobbiamo iniziare il prossimo anno. Ho forzato per tutta la gara per provare a raggiungere il gruppo di testa e verso la fine ho dovuto prendere molti rischi: mi si chiudeva l’anteriore, soprattutto nelle curve a destra, e alla fine ho perso il controllo senza poter evitare la caduta. Per chi mi accusa di non aver lasciato passare Dovizioso... certo che è ho visto il messaggio nella tabella, ma ho preferito rimanere davanti in modo da trainarlo con me e ricucire il gap con i primi. Sapevo che Andrea soffriva sul passo gara e ho fatto tutto quello che ho potuto per aiutarlo”.

LUIGI DALL'IGNAE’ stato un campionato veramente combattuto, e alla fine hanno vinto con merito Marquez e Honda. Noi ce l’abbiamo messa davvero tutta, ci siamo andati veramente vicino, e per me abbiamo fatto una stagione molto bella e concreta: resta un po’ di amaro in bocca per l’occasione persa, ma dobbiamo essere soddisfatti per la crescita che abbiamo portato a casa quest’anno. Un commento sull'ordine che Jorge non ha rispettato? Credevo che fosse giusto fare un tentativo, ma poi è sempre corretto che siano i piloti ad avere l'ultimo giudizio. Jorge credo che abbia voluto tirare Dovi il più possibile, quindi credo che vada bene così. Anche con Dovi davanti sono convinto che il risultato finale non sarebbe cambiato di molto”.


TAGS: motogp jorge lorenzo andrea dovizioso motogp 2017 team ducati motogp 2017 motogp valencia 2017 luigi dall'igna