Autore:
Giulio Scrinzi

PRONTO A TORNARE IN PISTA È arrivato al vertice nel 2011, vincendo il Titolo nella classe Moto2, ma poi la sua carriera in MotoGP non è stata delle più fortunate. Il miglior risultato di Stefan Bradl è stato, infatti, un secondo posto sul circuito di Laguna Seca nel 2013, quando era alla guida della Honda RC213V del team LCR. Poi è passato nel team Forward e successivamente ha provato anche l’Aprilia RS-GP, ma non si è trovato a suo agio. Ha quindi tentato la strada della SBK grazie all’opportunità del team Red Bull Honda, ma un infortunio al polso destro gli ha impedito di disputare gli ultimi tre round. Ora si è ripreso ed è pronto a scendere in pista per una nuova avventura.

COLLAUDATORE HRC La chance è arrivata dal Motomondiale, che accenderà di nuovo i motori alla fine di gennaio per i test ufficiali IRTA sul circuito di Sepang. Prima di questi, però, andrà in scena sempre sulla pista malese una tre giorni di prove private (dal 24 al 26 gennaio), nella quale scenderanno in pista diversi collaudatori dei maggiori team della MotoGP. Tra questi anche la HRC, che ha scelto proprio Bradl (assieme ad Aoyama e Takahashi) per sviluppare la versione 2018 della sua RC213V.

TUTTI I TEAM PRESENTI Oltre alla Honda ci saranno anche diversi altri reparti corse, come specificato nella tabella posta qua sotto.

TEAM COLLAUDATORI
Honda Stefan Bradl, Hiroshi Aoyama, Takumi Takahashi
Yamaha Keisuke Madea, Takuya Fujita, Masahiko Itawa, Katsuyuki Nakasuga, Kohta Nozane
Ducati Casey Stoner, Michele Pirro
KTM Mika Kallio
Suzuki Sylvain Guintoli
Aprilia Matteo Baiocco

 


TAGS: motogp stefan bradl test motogp motogp 2018 test motogp 2018 stefan bradl 2018 stefan bradl hrc stefan bradl hrc 2018 stefan bradl test sepang 2018