Autore:
Simone Valtieri

CHE SORPRESA! Al termine delle sorprendenti qualifiche del Gran Premio di Spagna, hanno subito parlato i tre protagonisti principali, i due giovani yamahisti Fabio Quartararo e Franco Morbidelli, che domani scatteranno in prima e seconda posizione, e il campione in carica Marc Marquez, che non è riuscito il guizzo nel finale per beffare i due giovanissimi concorrenti. Lo spagnolo non potrà però stare tranquillo perché la Ducati ha mostrato di esserci sul tracciato di Jerez e Andrea Dovizioso è certo di poter dire la sua, così come anche Danilo Petrucci, settimo e non al meglio in qualifica. Infine Valentino Rossi, fuori dalla Q2 per un soffio sia al mattino che al pomeriggio, il centauro di Tavullia scatterà 13°.

QUARTARARO RECORD Cominciamo dal giovane poleman Fabio Quartararo, francese di 20 anni compiuti da due settimane, e più giovane pilota a partire in prima posizione nella storia della MotoGP: "Me l'hanno appena detto, è veramente incredibile aver fatto questo record, il mio obiettivo era provare a essere nelle prime due file, aver fatto primo mi rende molto contento. Il team ha fatto un lavoro incredibile per tutto il fine settimana, grazie a tutti loro, hanno fatto il massimo possibile. Se ho il talento? Penso di sì, qualcuno ha detto che era troppo presto per salire in MotoGP, ma penso che ho fatto bene a venire qui."

MORBIDELLI CONTENTISSIMO Per un soffio poteva strappare la sua prima pole in carriera nella classe regina Franco Morbidelli, che a un settore dal traguardo condivideva con Quartararo anche lo stesso identico ultimo intermedio. Nel settore finale però il francesino è stato più bravo e Morbido si accontenta con gioia della seconda posizione, comunque sua migliore qualifica di sempre in MotoGP: "Bene bene, molto bene, sono molto contento. Quando ho finito il giro e ho guardato lo schermo e visto tutta la gente che urlava, poi ho guardato la classifica e ho capito perché. Fichissimo, bello, sono molto contento, siamo stati veloci tutto il weekend, ieri un pelo di meno, ma stasera ceniamo tutti contenti vediamo come va domani."

MARQUEZ SERENO E non sembra deluso neanche Marc Marquez, che ha dalla sua la tranquillità dei forti, e che domani proverà a far un sol boccone al via dei due giovani e irriverenti rivali. "Non mi ricordavo che avevo quel record" - spiega lo spagnolo ai microfoni di Sky quando gli viene detto del primato di Quartararo - "Comunque gli faccio i miei complimenti, girare qui in '36... è andato molto forte. Questa prima fila è importante per noi, qui di solito facciamo fatica a fare il giro secco, vediamo domani perché le Ducati sono buone, ma vediamo anche se c'è sole o meno, la pista è completamente diversa con sole o senza."

DOVIZIOSO SODDISFATTO Buon quarto posto per Andrea Dovizioso, che da Marquez ha incassato meno di mezzo decimo e domani è pronto a dare battaglia in pista per difendere la sua leadership in classifica: "Sono soddisfatto: abbiamo lavorato bene fin qui, riuscendo a migliorarci ad ogni turno. Le sensazioni in sella sono buone ed anche in qualifica, che solitamente non è il mio punto di forza, sono riuscito a siglare un buon tempo pur non facendo un giro perfetto. Siamo pronti a giocarcela in gara domani, anche se resta l’incognita Márquez e le condizioni meteo, a livello di temperature, faranno la differenza. Sicuramente il mio feeling è migliore rispetto all’anno scorso: siamo partiti col piede giusto restando sempre tra i primi, ma sappiamo che la gara sarà una storia a sé. Domani dovremo restare concentrati e finalizzare il buon lavoro svolto fin qui."

PETRUCCI AMAREGGIATO Un po' di amaro in boccca invece per Danilo Petrucci, che si aspettava di essere molto più avanti in griglia, dopo i primi posti in FP2 e FP3: "Sono contento del feeling con la moto, anche se partire dalla settima posizione renderà il nostro compito leggermente più difficile domani. Purtroppo nel corso di quello che era il mio miglior giro ho avvertito una vibrazione improvvisa al posteriore ed ho rischiato di cadere, per cui non sono riuscito a migliorare ulteriormente il mio tempo. Sul finale, non essendo sicuro di aver preso la bandiera a scacchi, ho tentato di fare un altro giro lanciato ma sono scivolato alla curva 1, fortunatamente senza nessuna conseguenza. Ci aspetta una gara lunga, e sono fiducioso che potremo comunque dire la nostra. La mia squadra ha lavorato molto bene fin qui e siamo competitivi dal punto di vista del passo, quindi sono ottimista sulle nostre possibilità di fare un bel risultato."

ROSSI IRONICO Infine Valentino Rossi, fuori dalla Q2 dopo le FP3 per i 41 millesimi incassati da Jorge Lorenzo, rimasto fuori anche dopo la Q1 poiché superato in extremis dal suo allievo del'academy Pecco Bagnaia. Il Dottore cerca di guardare al positivo della giornata odierna: "Se sono orgoglioso di Morbido e Pecco? Lo sarò lunedì, oggi non mi stanno molto simpatici" - esordisce scherzando il Dottore - "Ieri ero abbastanza disperato, ma oggi sono riuscito a migliorare molto, nelle FP3 ho fatto un errore nell'ultimo giro lanciato e la bandiera rossa ha scombussolato la mia strategia, non mi aspettavo di non essere nei primi 10, sono stato sfortunato. Nella Q1 invee ho preso un'imbarcata e Pecco mi ha messo fuori. Per la gara non ho un ritmo cattivo, bisogna vedere cosa accadrà perché ci sono molti piloti su moto diverse con passo simile, i favoriti? Forse Marquez, Dovizioso e Petrucci hanno qualcosina in più."


TAGS: yamaha honda ducati rossi motogp lorenzo dovizioso marquez vinales motogp 2019 Petrucci Morbidelli MotoGP Spagna 2019 JerezGP 2019 Quartararo