Autore:
Simone Valtieri

CHE SPAVENTO PER MARC Non è stata una mattinata di libere tranquilla quella del Gran Premio della Thailandia a Buriram. Al termine della FP1 Marc Marquez è caduto rovinosamente, non riportando fortunatamente conseguenze gravi e potendo partecipare senza problemi alle FP2. Il più veloce di giornata è stato Fabio Quartararo, che ha guidato un terzetto di Yamaha composto anche da Vinales e Morbidelli. Bene anche Rossi, quinto, con Dovizioso ottavo. Le parole dei protagonisti della prima giornata in pista a Buriram.

MARQUEZ OKAY Il primo a parlare è stato Marc Marquez, sesto di giornata ma protagonista del volo che ha spaventato tutti al termine delle FP1. Il pilota della Honda è comunque tornato in sella nelle FP2, completando il normale programma e senza provare il time attack nel finale: "È stata una gran botta" - ha esordito lo spagnolo - "Una caduta strana e quando mi sono ritrovato a terra ero un po' confuso. Mi sono ripreso mentre andavo al centro medico e quando sono arrivato stavo già bene. Sono andato anche in ospedale su consiglio dei dottori ma alla fine era tutto a posto, l'unico problema è stato saltare il briefing post FP1. L'incidente? Ero sceso in pista con le gomme nuove e forse la pista non era pulitissima in quel punto, io normalmente non chiudo mai il gas completamente, ma quel giro l'ho fatto e il freno motore è entrato in azione, e per questo ho perso il posteriore. È stato un mio errore, non un problema meccanico. Dovevo sapere che le gomme non erano ancora pronte per una chiusura del gas, ho fatto la cosa sbagliata nel posto sbagliato."

PRIMA VOLTA QUARTARARO E così ne ha approfittato, come ormai quasi di consueto, il sempre velocissimo Fabio Quartararo, che al termine della giornata, ha commentato: "È la prima volta che corro su questa pista, sembra facile ma non lo è. Nelle FP2 mi sono sentito più a posto che al mattino, soprattutto con l'elettronica. Nel terzo settore mi sono trovato subito bene, nei primi due meno. Marquez? Non so cosa dire, dopo quella caduta è tornato in pista ed era subito primo... sicuramente sarà davanti a lottare per il successo. La mia moto oggi era ottima, credo che siamo sulla giusta strada."

MORBIDELLI CONTENTO Anche il suo compagno di squadra Franco Morbidelli è abbastanza soddisfatto di quanto fatto nella giornata odierna: "Quella appena conclusa è stata una giornata positiva, siamo stati veloci sia al mattino che al pomeriggio, devo dire che da diverse gare la Yamaha si sta dimostrando competitiva e avverto molta fiducia sia con la gomma dura che con la morbida. I risultati di Fabio dimostrano che posso ancora migliorare e sono convinto che possiamo fare un passo avanti, da Silverstone siamo stati sempre un po' più competitivi, sono contento dell'attuale situazione, conferma che stiamo lavorando bene."

VINALES COSTANTE Il più costante della giornata è stato invece Maverick Vinales, che sta vivendo un buon periodo di di forma e ha concluso in prima posizione le FP1 e in seconda le FP2: "Sulla carta Buriram non è la pista migliore per noi, siamo peò riusciti a lavorare sulla strada giusta, provando il passo gara. Mi sono conentrato sulla gomma media che potrebbe darmi qualche chance in più per domenica. Purtroppo fatichiamo con le velocità di punta e dobbiamo cercare di essere più aggressivi in accelerazione. Qua soffriamo un po' meno rispetto ad altre piste perché non ci sono ripartenze violente come ad Aragon, dobbiamo però ancora trovare il compromesso giusto per bilanciare la moto ed essere veloci sin da subito in gara."

ROSSI A METÀ Non male anche la giornata del suo compagno di team, sempre sui tempi dei migliori. Valentino Rossi però lamenta qualche problema sul passo gara: "È stato sicuramente un buon venerdì, le Yamaha funzionano bene nel 'time attack' ma bisogna lavorare ancora sul passo gara. Sicuramente abbiamo un buon feeling con questa pista le gomme lavorano bene e possiamo essere efficaci. Marquez però nelle FP2 non ha fatto il time attack, girando sempre con le stesse gomme, ed è quello che va più forte, ma sono buoni anche i passi di Dovizioso, Miller e Rins. Noi stressiamo ancora troppo la gomma posteriore, e io soffrò più degli altri piloti Yamaha nel T2."

DOVIZIOSO POSITIVO Qualche problema ce l'ha Andrea Dovizioso, ottavo al pomeriggio, e neanche la miglior Ducati in pista (Miller ha chiuso quarto le FP2): "Dobbiamo continuare a migliorare a centro curva, perché in frenata e in inserimento siamo messi bene. Questa è una pista con un certo tipo di grip e non era affatto scontato riuscire a essere veloci, invece ci siamo. Non riusciamo ancora a chiudere la curva come vorremmo, ma tutto sommato è una situazione accettabile. Marquez? Cadere è sempre brutto, alcuni si nascondono dietro ai problemi e al dolore, altri fanno l'opposto e spesso non dicono la verità per non mostrare il proprio limite e spingono sempre al massimo. Marquez è uno di questi."


TAGS: motogp valentino rossi andrea dovizioso marc marquez maverick vinales franco morbidelli motogp 2019 Fabio Quartararo ThaiGP 2019 MotoGP Thailandia 2019 MotoGP Buriram 2019 Libere MotoGP Buriram 2019