Autore:
Simone Valtieri

POKER IN TOP TEN Sono quattro i piloti italiani che scatteranno nelle prime tre file del Gran Premio della Thailandia di domattina. Nelle qualifiche di oggi a Buriram il migliore è stato Franco Morbidelli, che con la sua Yamaha si è fermato a mezzo secondo esatto dalla prima fila (3° Marquez dopo l'incredibile volo di ieri), a 7 decimi dalla pole del compagno Fabio Quartararo. Alle sue spalle il bravissimo Danilo Petrucci, arrivato dalla Q1 e in grado di beffare il caposquadra Andrea Dovizioso, solo settimo ma dotato di un buon passo gara. Qualifiche da dimenticare invece per Valentino Rossi, scivolato nel corso del primo run quando montava gomma morbida, e incapace di trovare subito il feeling con la dura per piazzarsi più avanti della nona posizione.

MORBIDO STIMOLATO Il migliore di giornata, come anticipato, è stato Franco Morbidelli, che paga comunque un distacco pesante dal compagno di team: "Abbiamo fatto una buona qualifica, sono riuscito a essere abbastanza rapido sia sull'asciutto che sul bagnato, la seconda fila è è un risultato positivo. Visto quanto fatto da Fabio però, non posso fare altro che dare il massimo, e se questo mi porterà sul podio bene, in caso contrario cercherò di migliorare. Inutile irritarsi, essere scocciato o ansioso, visto che sto facendo quello che più amo nella vita e che sognavo da bambino. Fabio è senza dubbio uno stimolo e il risultato di oggi, come spesso accade, ci rende felici ma non del tutto, perciò bisogna lavorare e migliorare."

DANILO È TORNATO! Dopo le difficoltà delle ultime gare, Danilo Petrucci torna sui livelli che gli competono e avanza la sua candidatura al podio a Buriram. "Finalmente ho fatto una buona qualifica, nonostante il meteo di questa mattina ci abbia messo un po’ in difficoltà. Siamo dovuti passare dalla Q1, ma mi sono difeso bene e insieme alla squadra abbiamo fatto un buon lavoro. Come avevo detto ieri, abbiamo capito la direzione giusta in cui lavorare e quindi sono tornato nelle posizioni in griglia che volevo. Sono molto contento perché vedo che le cose stanno ricominciando a funzionare: voglio ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato, sia nel reparto corse a Bologna che nella mia squadra, e domani voglio concludere con un bel risultato il buon lavoro che abbiamo fatto oggi."

DOVI PUNTA AL GP Meno soddisfatto il suo compagno di team, Andrea Dovizioso, che non è riuscito a sfruttare al meglio il potenziale della Ducati nel quarto d'ora di qualifiche. "Il mio feeling con la moto è decisamente migliorato rispetto a ieri e siamo abbastanza veloci con le gomme usate, per cui ho delle buone sensazioni per domani. Purtroppo non siamo riusciti a sfruttare bene le gomme nuove in qualifica e quindi domani partirò dalla terza fila ma, con una buona partenza, penso di poter fare una bella gara perché sarà un Gran Premio lungo e siamo in tanti ad avere un passo simile. Decideremo la nostra strategia durante la gara, ma abbiamo lavorato bene e sono fiducioso per domani."

ROSSI A TERRA Infine Valentino Rossi. La caduta nelle prime fasi della qualifica ha rovinato la sua sessione e il pilota di Tavullia non è ottimista per la gara, perché le rivali della Yamaha sembrano avere qualcosa di più nel gestire le gomme. "Purtroppo ho fatto un errore con la prima gomma, quella è una gomma critica, sono andato largo e ho perso l'anteriore, peccato perché avevamo il potenziale per fare meglio. Il passo nelle FP4 era buono e potevo partire in top 5. Ho avuto tempo per salire sulla seconda moto ma era un po' diversa dalla prima e non avevo le stesse gomme, dunque partirò in terza fila e sarà tutto più difficile. Di buono c'è che la nostra moto si guida bene, ma Honda e Ducati restano ancora superiori perché riescono a non stressare troppo la gomma posteriore, e per la gara è fondamentale. Non è un caso che noi andiamo meglio in prova. Inoltre su questa pista si sorpassa in rettilineo, ma non è il nostro caso, più che altro gli anni sorpasseranno noi. I tre in prima fila (Quartararo, Vinales e Marquez) sembrano avere un passo migliore, con una partenza normale proveranno la fuga. Fabio? Impressionante, me lo aspettavo veloce perché a 15 anni aveva già fatto qualcosa di speciale, ma non così tanto. Non fa errori, potrà diventare veramente forte."


TAGS: motogp valentino rossi andrea dovizioso danilo petrucci franco morbidelli motogp 2019 ThaiGP 2019 MotoGP Thailandia 2019 MotoGP Buriram 2019 Qualifiche MotoGP Buriram 2019