Autore:
Simone Dellisanti

SOTTO PRESSIONE "La pressione c’è, non si può negare. Siamo in testa al mondiale e cerchiamo di portarci a casa la vittoria iridata”, sono state queste le parole rilasciate da Claudio Domenicali, AD di Ducati a Tutti Convocati su Radio 24 alla viglia di Misano, gara decisiva per il mondiale Moto GP. "L'abbiamo già fatto nel 2007, la Ducati è l’unica casa non giapponese ad avere vinto un titolo nel campionato moto GP dagli anni 70.  D’altra parte siamo consapevoli di avere fatto un buon lavoro fin qui ma le gare sono sempre difficili, speriamo sia una bellissima giornata di sport".

SU DOVIZIOSO L'Amministratore Delegato Ducati ha rilasciato qualche parola anche sul pilota italiano Andrea Dovizioso, punta di diamante della Rossa: "La bellezza del nostro sport è ancora l’imprevedibilità. Da noi il pilota fa una differenza pazzesca, l’affiatamento del rider con la moto, la chimica e le sensazioni sono di un’importanza straordinaria. Dalla seconda metà dell’anno scorso abbiamo visto un Dovizioso che ci è cresciuto in mano e sta dimostrando, oltre alla velocita che già si conosceva, anche l’intelligenza tattica, ma soprattutto una aggressività nel momento giusto

SULLA GARA Sulla gara di domenica, Domenicali, ha aggiunto: “Per scaramanzia non dico niente, ma Dovizioso e gli altri ragazzi stanno lavorando duro, siamo contenti di come stanno andando le cose ma sarà durissima. Marquez è in grande forma, darà il massimo per arrivare davanti lo stiamo vedendo già in queste prove, anche lui ha un talento straordinario e anche Vinales è un avversario duro.”


TAGS: ducati dovizioso marquez moto gp 2017 domenicali ad ducati vinales