Pubblicato il 14/08/2020 ore 10:40

OCCHIO ALLE KTM Come da previsioni della vigilia, davanti a tutti sin dalla prima sessione di prove libere ci sono KTM e Ducati, quelle di Pol Espargaro e di un ritrovato Andrea Dovizioso, che si sono contesi fino all'ultimo istante la leadership. Occhio però anche alle Suzuki, che si sono dimostrate consistenti sugli stessi livelli sia con Alex Rins che con Joan Mir, che sarebbe stato terzo ma ha perso il suo miglior tempo in quanto realizzato con le bandiere gialle. Qualche difficoltà per le Yamaha, con i due del team Petronas, Morbidelli e Quartararo, comunque nella top ten, mentre Vinales e Rossi sono rimasti fuori di poco, così come il ducatista Petrucci e il fresco vincitore di Brno, Binder. Dentro invece Nakagami (terzo), Zarco, Oliveira e Miller, ed è un risultato importante perché se dovesse piovere sia pomeriggio, che domani nelle FP3, questi sarebbero tutti già qualificati alla Q2.

Gli orari tv del weekend di SpielbergTutte le info e i risultati del GP Austria 2020 | Classifica piloti e costruttoriCalendario MotoGP 2020

Sessione terminata. Rivivi le FP1 del GP d'Austria 2020 classe MotoGP con la nostra cronaca minuto per minuto.

10.46 - Cari amici di Motorbox, è tutto per questa prima sessione di prove libere del Gran Premio d'Austria. Noi vi salutiamo e vi ringraziamo per averci seguito, l'appuntamento è pochi minuti dopo le 14 per il LIVE della seconda sessione di libere della classe MotoGP. Sarà asciutto? Sarà bagnato? Scopritelo con noi tra poco più di tre ore!

Pos. Pilota Moto Tempo Distacco
1 Pol ESPARGARO KTM 1'24.193  
2 Andrea DOVIZIOSO Ducati 1'24.237 0.044 / 0.044
3 Takaaki NAKAGAMI Honda 1'24.378 0.185 / 0.141
4 Alex RINS Suzuki 1'24.573 0.380 / 0.195
5 Franco MORBIDELLI Yamaha 1'24.588 0.395 / 0.015
6 Johann ZARCO Ducati 1'24.655 0.462 / 0.067
7 Miguel OLIVEIRA KTM 1'24.718 0.525 / 0.063
8 Jack MILLER Ducati 1'24.724 0.531 / 0.006
9 Joan MIR Suzuki 1'24.743 0.550 / 0.019
10 Fabio QUARTARARO Yamaha 1'24.753 0.560 / 0.010
11 Maverick VIÑALES Yamaha 1'24.779 0.586 / 0.026
12 Danilo PETRUCCI Ducati 1'24.837 0.644 / 0.058
13 Valentino ROSSI Yamaha 1'24.879 0.686 / 0.042
14 Cal CRUTCHLOW Honda 1'24.944 0.751 / 0.065
15 Iker LECUONA KTM 1'24.991 0.798 / 0.047
16 Brad BINDER KTM 1'25.005 0.812 / 0.014
17 Michele PIRRO Ducati 1'25.152 0.959 / 0.147
18 Aleix ESPARGARO Aprilia 1'25.165 0.972 / 0.013
19 Alex MARQUEZ Honda 1'25.249 1.056 / 0.084
20 Bradley SMITH Aprilia 1'25.297 1.104 / 0.048
21 Stefan BRADL Honda 1'25.371 1.178 / 0.074
22 Tito RABAT Ducati 1'25.729 1.536 / 0.358

10.45 - Attenzione, tolto il terzo tempo a Joan Mir, che ha realizzato il suo crono con la bandiera gialla esposta per un lungo di Bradley Smith. Poco male per il ragazzo spagnolo che resta comunque nella top ten con il suo secondo miglior tempo, che gli vale la nona piazza.

10.44 - Fuori dai dieci ci sono Maverick Vinales, Danilo Petrucci e Valentino Rossi, dall 11° al 13° on distacchi sull'ordine del decimo di secondo: sono tutti vicinissimi. Se dovesse piovere in FP2 e, poi, domani in FP3, tutti e tre dovranno partire dalla Q1, non un'eventualità remota. I primi dieci sono invece raccolti in 560 millesimi.

10.43 - Già qualificati virtualmente alla Q2 anche Taka Nakagami (Honda), Alex Rins (Suzuki), Franco Morbidelli (Yamaha), Johann Zarco (Ducati), Miguel Oliveira (KTM), Jack Miller (Ducati) e Fabio Quartararo (Yamaha).

10.42 - E si chiude qui la danza dei cronometri! Pol Espargaro, KTM; Andrea Dovizioso, Ducati; Joan Mir, Suzuki. Questi i primi tre al termine di questa prima tiratissima sessione di prove libere, racchiusi in 129 millesimi.

10.41 - Dovizioso rinuncia al suo ultimo giro, nei dieci ci arriva Quartararo ora, con Vinales, Petrucci e Rossi poco fuori dai dieci... arriva Joan Mir: terzo!

10.40 - Bandiera a scacchi! Sesto intanto Oliveira, ma Rins fa meglio e diventa quarto spingendolo in settima. 

10.39 - Franco Morbidelli gli toglie però questa leadership: quarto! Manca un solo minuto al termine, è tutto in evoluzione, il riassunto ve lo facciamo tra pochi istanti...

10.38 - Migliorano un po' tutti! Zarco quarto, Rossi migliore delle Yamaha, ottavo!

10.37 - Sistema le cose nel terzo settore Dovizioso, perdendo stavolta solo 3 decimi. Ma gli bastano per balzare in testa! 1:24.237 ma dura un attimo: 1:24.193 per Pol Espargaro! E nel frattempo era passato primo Taka Nakagami che ora è terzo!

10.35 - E infatti migliora ancora Pol Espargaro: 1:24.514! Mentre Dovizioso perde ancora una volta sei decimi nel T3, lo stesso settore in cui soffriva lo scorso anno.

10.33 - Dovizioso casco rosso nel secondo settore ma poi un errorino e abortisce il giro. Ci riprova il Dovi con la Ducati, vincitore già due volte qui a Spielberg. Dietro di lui si è lanciato il leader di giornata, Pol Espargaro...

10.31 - Vediamo se qualcuno prova il time attack negli ultimi minuti. D'altra parte è attesa pioggia per le prossime sessioni, e dunque anche risparmiare set di gomme non servirà moltissimo.

10.30 - Dieci minuti al termine: Pol Espargaro sempre in vetta davanti a Rins, Mir, Dovizioso, Petrucci, Quartararo, Oliveira, Nakagami, Zarco e Miller.

10.29 - La coppia Suzuki si mette in 2° e 3° posizione ora con Rins che milgliora il suo crono e Mir che lo segue da vicino e ne approfitta. Entrambi montano una soft all'anteriore e una medium al posteriore.

10.27 - Non sono comunque lontani i tempi degli yamahisti. Franco Morbidelli ora migliora il suo crono di giornata, è 13° a solo mezzo secondo dalla vetta.

10.25 - Un quarto d'ora al termine di questa sessione. Andrea Dovizioso ora migliora anche negli altri settori, casco rossi nei primi due settori... poi torna ai box. Intanto nella top ten entra finalmente una Yamaha, quella di Quartararo in sesta posizione. Non male anche il ritmo di Valentino Rossi che è sul piede del 25'4 costante e sicuramente non sta cercando il tempo.

10.23 - Al momento gli yamahisti sono: 11° Quartaaro, 13° Rossi, 14° Vinales e 15° Morbidelli.

10.22 - Anche a Spielberg, ma su una pista più breve, c'è un buon equilibrio tra i piloti. I primi dieci sono alm momento raccolti in 480 millesimi, meno di mezzo secondo: Pol Espargaro apre e Aleix Espargaro chiude la top ten. In mezzo: Rins, Dovizioso, Mir, Petrucci, Oliveira, Nakagami, Zarco e Miller. Avete notato che non ci sono Yamaha?

10.21 - Andrea Dovizioso sta accendendo caschi rossi nei primi settori da diversi giri, poi però perde nel resto del giro, anche abbondantemente.

10.19 - Pol Espargaro: 1:24.685, nuovo miglioramento per lo spagnolo della KTM, possibile protagonnista anche lo scorso weekend in Repubblica Ceca ma caduto dopo un contatto con Zarco e fuori dai giochi. 

10.17 - Piloti impegnati nel secondo run: Alex Rins fa 1:24.784 e si mette in seconda piazza a soli 12 millesimi dal tempo di Pol Espargaro, che sta anch'esso proseguendo su ottimi ritmi, pur sempre migliorarsi.

10.16 - Piccolo lungo anche per il vincitore di Brno, Brad Binder.

10.15 - Parliamo un attimo delle gomme: quasi tutti i piloti in pista sono orientati su una Medium al posteriore (ce ne sono di due tipi questo weekend) mentre per l'anteriore le KTM finora hanno girato con le Medium, le Ducati (tranne Petrucci) e le Yamaha con le Soft.

10.13 - Nuovi ingressi nella top ten: Miguel Oliveira al sesto posto con la KTM e Alex Marquez al decimo con la Honda.

10.11 - Abbiamo nominato gli assenti, ma non i loro sostituti per questo weekend: Al posto di Marc Marquez c'è, anche in questa occasione, il tester della Honda, il tedesco Stefan Bradl; al posto di Andrea Iannone anche ci sarà per i prossimi due mesi (e dunque per quasi tutto il campionato), il britannico Bradley Smith. Al posto di Pecco Bagnaia c'è invece il fido tester della Ducati, Michele Pirro, al momento 16°.

10.10 - In terza posizione si inserisce la Suzuki di Joan Mir, un'altra moto che potrebbe rappresentare una sorpresa in questo weekend. Al momento i due spagnoli sulla moto giapponese sono 3° e 5° (Rins).

10.09 - Le primissime schermaglie di queste prove libere stanno confermando le attese di una lotta al vertice tra Ducati e KTM, ma siamo veramente ancora agli inizi, e poi manca la variabile che quasi sicuramente interesserà il weekend, se non oggi, nei prossimi giorni: la pioggia, che potrebbe rimescolare tutte le carte.

10.07 - Dritto senza conseguenze alla curva 4 il leader del mondiale, Fabio Quartararo, che torna in pista.

10.06 - Pol Espargaro, Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci, Alex Rins, Taka Nakagami, Miguel Oliveira, Aleix Espargaro, Johann Zaro, Fabio Quartararo, Valentino Rossi. Questi i primi dieci dopo i primi dieci minuti in pista.

10.05 - Andrea Dovizioso mette il muso davanti in 1:24.820 per pochi secondi, poi è ancora Pol Espargaro che continua a martellare: 1:24.772.

10.03 - Terza tornata di miglioramenti: sempre Pol Espargaro in testa, in 1:24.858, davanti a Zarco, Quartararo, Petrucci e Dovizioso. Si rivedono le Ducati nelle zone alte della classifica. Questa è storicamente una pista a dir poco buona per le rosse: nelle ultime quattro edizioni, quattro successi per la rossa.

10.01 - Adesso è Pol Espargaro, suo fratello sulla KTM, a prendere la testa in 1:25.204, seguito da Taka Nakagami e Maverick Vinales.

9.59 - Dopo aver parlato, con educazione, degli assenti, è il momento di parlare dei presenti, con Aleix Espargaro, proprio sull'Aprilia, che è al comando dopo la prima tornata di giri in 1:27.300.

9.57 - Mentre già si comincia a girare in pista e confrontarsi il cronometro, parliamo anche di un altro assente illustre, Andrea Iannone, che riceverà la sentenza del Tas sul suo controverso caso di doping il 15 ottobre. Altri due mesi per lui, con l'Aprilia che ha già dichiarato che lo attenderà, senza cercare un sostituto.

9.55 - Semaforo verde! La pit lane è aperta, tutti in pista per questi 45 minuti di prove libere.

9.53 - Come anche nello scorso weekend, non sono della partita Marc Marquez e Francesco Bagnaia, gli infortunati illustri delle scorse tappe della MotoGP. Marc si è infortunato a Jerez rompendosi l'omero, Pecco a Brno fratturandosi la tibia. Entrambi saranno di nuovo in pista a Misano Adriatico, tra due GP. Proveranno ad approfittarne tutti gli altri, in primis Ducati e KTM, che sul Red Bull Ring sono attesi a ottimi risultati, ma anche le Yamaha, che lo scorso anno chiusero in 3°, 4° e 5° posizione alle spalle di Dovizioso e Marquez.

9.50 - Buongiorno a tutti cari amici di Motorbox! Tra cinque minuti scenderanno in pista i bolidi della MotoGP per cominciare il weekend del Gran Premio d'Austria, quarta tappa del Mondiale 2020, con la prima sessione di prove libere, utile a prendere confidenza con il Red Bull Ring. Il meteo sarà l'incognita che accompagnerà i piloti e i team per tutto il weekend. Al momento non piove a Spielberg e la pista è asciutta, ma tutto potrebbe cambiare  nelle prossime ore.

 


TAGS: motogp spielberg red bull ring MotoGP 2020 diretta MotoGP Live MotoGP AustrianMotoGP 2020