TURBO Z Un dettaglio in un video teaser può fare la differenza. Kawasaki ha appena diramato un video sui suoi canali social denominato “Supercharged Braking News”. Pochi secondi possono bastare ad annunciare un nuovo modello? La risposta è sì, e potrebbe essere proprio uno di quelli che fanno il botto: la Z 1000 2020.

PERCHÉ LEI? Una girante scintillante, una luce verde e poi lei, l’inconfondibile zeta maiuscola che identifica le nude della Casa di Akashi. Ma Perché proprio lei, la Z 1000? Il campo è ovviamente quello delle ipotesi, ma la Z 1000 potrebbe aver bisogno del turbo – che in realtà è un compressore volumetrico – per differenziarsi dalla valida e prestazionale sorella Z900 e per andare a fare a cazzotti con le hypernaked, segmento in cui latita da troppo tempo.

Kawasaki H2SX

INCOGNITA PESO La tecnologia dovrebbe essere la stessa che permetta alla H2R di sviluppare quasi 323 cv, Kawasaki ha dimostrato di poterla settare anche per l’utilizzo turistico sulla più tranquilla H2 SX capace di 200 cv, perché dunque non provare con le naked? L’incognita resta il peso, entrambe le H2 superano di slancio i 200 kg, in alcuni casi anche i 250 kg, in un segmento in cui dinamica e piacere di guida sono fondamentali per avere successo il turbo potrebbe rappresentare una zavorra non indifferente.

EICMA O PRIMA? L’autunno di Kawasaki sarà pieno di novità secondo indiscrezioni ricevute da fonti attendibili. Gli occhi di tutti guardano a EICMA 2019, l’evento moto per antonomasia, ma attenzione al Salone di Tokyo, i giapponesi amano fare bella figura “a casa loro”.


TAGS: kawasaki z 1000 kawasaki kawasaki z 1000 turbo kawasaki z 1000 turbo eicma tokyo 2019