Autore:
Marco Borgo
Pubblicato il 26/03/2020 ore 19:30

RINVIO A FINE AGOSTO Niente da fare: anche la 500 miglia di Indianapolis deve cedere al Coronavirus e sarà posticipata al 23 di agosto. La grande classica dell'Indycar series che si doveva correre il 24 maggio è stata spostata alla nuova data del 23 agosto a causa del diffondersi in America dell'epidemia che sta portando alle stesse conseguenze che stiamo vivendo in Italia in termini di annullamento di eventi sportivi e restrizione dei movimenti delle persone.

Come il coronavirus sta influenzando i campionati motoristici: il calendario dei rinvii/annullamenti

NIENTE EDIZIONE A PORTE CHIUSE Dopo quanto dichiarato nelle scorse settimane, in cui sembrava che la gara fosse irremovibile nella sua data pre-fissata che coincide con i festeggiamenti del Memorial Day, è stata quindi esclusa anche la possibilità di correre a porte chiuse. Tale proposta era stata inizialmente ventilata quando nella prima gara stagionale di domenica scorsa a St. Petersburg il sindaco della città aveva vietato la presenza di pubblico sulle tribune. Successivamente, si è deciso per l'annullamento della corsa assieme alle altre tre tappe successive. Il doppio appuntamento di Indianapolis doveva quindi diventare l'apertura stagionale dell'Indycar Series 2020, ma ora è tutto da rivedere ancora una volta.

Indianapolis Motorspeedway

LE PAROLE DI PENSKE ''Il mese di maggio ad Indianapolis è il mio preferito - ha dichiarato il nuovo proprietario dell'impianto e del campionato, il team owner Roger Penske - così come tutti i nostri tifosi sono amareggiato nel dover comunicare lo spostamento della 500 miglia. Tuttavia, la salute e la sicurezza di tutte le persone coinvolte sono la nostra priorità assoluta. Pensiamo dunque che posticipare la gara sia la soluzione più consona e responsabile viste le condizioni in cui ci troviamo e le restrizioni attualmente in atto nel paese''.

SPOSTATI ANCHE I FESTEGGIAMENTI DEL MEMORIAL DAY ''Solitamente poco prima del via della 500 miglia di Indianapolis celebriamo tutti gli uomini e le donne che hanno servito il paese sacrificando sé stessi - ha aggiunto Mark Miles, presidente della Penske Corporation - il prossimo mese di agosto avremo lo stesso un'occasione unica dove onoreremo a dovere tutte le persone che stanno servendo il paese, in particolar modo in questo periodo fronteggiando l'epidemia. Siamo grati ai fan per la pazienza ed il supporto dimostratoci in queste settimane difficili''. Per far posto alla Indy500 è stato previsto anche l'anticipo del Gp di Mid-Ohio dal 16 al 9 agosto.

INDY GP CON LA NASCAR Anche la seconda gara che si corre all'interno del circuito ovale, l'Indy GP che si disputa sul circuito usato anche dalla MotoGP, è stato spostato e dal 9 di maggio slitta al 4 luglio. In quella data condividerà la pista, come succede spesso nelle serie minori europee, con la Nascar dando vita così ad un doppio appuntamento per i fan in un unico week end.


TAGS: indianapolis indycar IndyCar 2020 Coronavirus Indy500 2020