Pubblicato il 08/05/20

NUOVO VIA DA DALLAS Scatterà la sera del 6 giugno la stagione 2020 dell'Indycar Series. La serie americana proverà nuovamente a scendere in pista per dare avvio al proprio campionato dopo aver deciso all'ultimo minuto di abortire il weekend di gare a St. Petersburg lo scorso maggio. L'epidemia di Coronavirus dilagata anche negli Stati Uniti, infatti, aveva portato allo stop delle attività lo scorso marzo. Adesso, toccherà invece al Texas Speedway, con la sua tradizionale gara in notturna del sabato sera - giunta alla 24° edizione - aprire la stagione 2020.

GARA RIDOTTA Sull'ovale alle porte di Dallas l'Indycar Series correrà a porte chiuse, con un format rivisto al fine di contenere al massimo le possibilità di contagio per gli addetti ai lavori. Il tutto sarà condensato in un unico pomeriggio, con due ore di prove libere subito dopo pranzo, la qualifica alle ore 17 (locali, ndr) e la gara - ridotta a 200 giri anziché 248 - alle 20.45.

MASSIMA SORVEGLIANZA Come da protocollo ormai consolidato negli ambienti pubblici e di lavoro, agli ingressi dell'ovale verranno effettuati controlli sul personale dei team, l'unico ammesso ad accedere al circuito. Verranno consegnati dispositivi di protezione individuale e verrà rispettata una procedura di distanziamento sociale tra tutti gli addetti ai lavori.

CONFERMATE LE GARE SUCCESSIVE L'Indycar sembra dunque essere sul punto di ripartire senza intoppi e, anche se manca ancora un mese all'avvio, conferma che gli eventi successivi ufficializzati il 6 di aprile sono al momento tutti confermati.


TAGS: dallas indycar IndyCar 2020 Coronavirus CoViD-19 Texas Speedway