Anteprima:

Mercedes CL 65 AMG e CLK 63 AMG Black Series


Avatar Redazionale , il 05/06/07

14 anni fa - Quarant'anni e non sentirli

L'atelier tedesco festeggia i quarant'anni d'attività presentando due nuove creazioni. Una è per una clientela più raffinata, l'altra per i virtuosi del cordolo. A fare da comun denominatore ci sono cavalli a profusione e una gran sportività.

NEGLI ...ANTA Il 1 giugno l'AMG ha soffiato su quaranta candeline. Proprio in quel giorno del 1967, Hans Werner Aufrecht e Herald Melcher fondarono quell'azienda da loro stessi definita definita "Ufficio di ingegnerizzazione, progettazione e sperimentazione per lo sviluppo di motori da corsa". Da allora di acqua ne è passata sotto i ponti e quella che era una realtà minuscola è ora una struttura da oltre 750 persone, parte integrante del Gruppo Daimler-Chrysler dal 1999.

PARTO GEMELLARE La AMG festeggia un compleanno tanto importante con un... parto gemellare. L'atelier tedesco sta infatti per sfornare due nuovi modelli, entrambi attesi sul mercato per giugno. E se si può parlare di parto gemellare, si può anche aggiungere che le gemelle sono rigorosamente eterozigote: le due auto sono molto diverse, per struttura e filosofia.

A TUTTA FORZA La prima è realizzata sull'imponente base della maxicoupé CL, ora declinata nella inedita variante 65 AMG. Come la sigla lascia intuire, dopo la S 65 e la SL 65, la CL è la terza nella gamma AMG a montare il possente V12 biturbo 6.0 da 612 cv e 1.000 Nm tondi tondi. Numeri impressionati, quanto quelli delle prestazioni: 4,4 secondi nello 0-100 e 13,3 nello 0-200, con una velocità massima di "soli" 250 km/h a causa della taratura prudenziale della centralina elettronica.

BEN PIANTATA Il cambio è un automatico a cinque rapporti Speedshift con possibilità di selezione manuale della marce tramite levette al volante Direct Select. Rispetto alla Mercedes di serie, la variante da sparo si riconosce per il kit aerodinamico e per l'interno personalizzati AMG. Un altro elemento distintivo sono i cerchi fucinati da 20", gommati 255/35 davanti e 275/35 dietro, che nascondono un possente impianto frenante con dischi in materiale composito. Lontano dalla vista si celano il sistema Pre-Safe, che aiuta a prevenire gli incidenti e a limitarne gli effetti sugli occupanti, e l'assetto sportivo, che utilizza il sistema Active Body Control per le sospensioni attive.

VESTITA A FESTA Della CL 65, all'AMG hanno deciso realizzare anche una serie limitata e numerata di 40 esemplari chiamata non a caso "40th Anniversary". Stante l'ossatura di fondo, a caratterizzarla sono una vernice esclusiva chiama Alubeam che crea l'effetto del metallo liquido, con giochi di luce particolari, e l'interno con rivestimento in nappa bicolore e cuciture che creano un disegno a rombi. Non manca nemmeno, a mo' di ciliegina sulla torta di compleanno, un set decorativo di pannelli in carbonio.

UN'ALTRA STORIA Se la CL griffata AMG non rinuncia a una certa eleganza, la sua "gemella" è di tutt'altra pasta e non accetta compromessi, trasmettendo subito un'idea di maggior grinta. Più compatta e raccolta, la CLK 63 Black Series è realizzata dagli "estremisti" dell'AMG Performance Studio e s'ispira in tutto e per tutto alla Safety Car ufficiale del Campionato del Mondo di Formula 1. Il suo habitat naturale sono e restano quindi le piste.

ASSETTO SU MISURA A livello estetico è impossibile non notare i nuovi paraurti squarciati da grandi prese d'aria e i passaruota spallatissimi. Nonostante la loro larghezza, sembrano quasi faticare a coprire i pneumatici, anteriori da 265/30-19 e posteriori da 285/30-19. L'impressione è accentuata anche dall'assetto sportivo, che è di tipo completamente personalizzabile dal pilota. In base al tracciato da affrontare, si possono regolare a piacere l'altezza da terra, convergenza e campanatura dell'avantreno, la geometria del posteriore e la risposta degli ammortizzatori.

STRETCHING Se confrontata con la CLK 63 AMG "normale", la Black Series mostra carreggiate allargate, di 75 mm davanti e di 66 dietro. Anche il motore V8 cresce di cilindrata fino a 6,2 litri per erogare 507 cv, con un picco di coppia di 630 Nm. Abbinato a un cambio Speedshift 7G-Tronic a sette marce con un rapporto al ponte accorciato, questo motore fa schizzare la Black Series da 0 a 100 km/h in 4,3 secondi, mentre insistendo è possibile spingersi fino a 300 km/h prima che l'elettronica tiri i remi in barca. A garantire l'adeguata motricità provvede ildifferenziale posteriore autobloccante.

MATRIMONIALE Come impone lo stile racing, gli interni di questa versione sono minimalisti. Rispetto alla CLK in borghese da cui deriva, l'abitacolo diventa biposto, con sedili anteriori sportivi rivestiti in velluto ignifugo e ornati dal logo AMG. Anche il volante è di stampo pistaiolo, con la parte bassa della corona piatta e un diametro di soli 365 mm, mentre a impreziosire il tutto non manca neppure in questo caso una generosa dose di listelli in carbonio.


Pubblicato da Paolo Sardi, 05/06/2007
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox