Anteprima:

Mercedes ML 63 AMG


Avatar Redazionale , il 18/08/05

16 anni fa - Una Suv da pole position.

Mercedes vede e rilancia. Neanche il Salone di Francoforte si tenesse in un Casinò: da Stoccarda rispondono all'Audi Q7 e gettano sul panno verde una ML ipervitaminizzata firmata AMG. Su strada la vedremo a primavera, spinta da un potentissimo V8 aspirato da 510 cavalli.

Benvenuto nello Speciale ENGINE OF THE YEAR 2008: OLTRE 4.0 LITRI, composto da 15 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario ENGINE OF THE YEAR 2008: OLTRE 4.0 LITRI qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

ARTIGLIERIA PESANTE Ormai tra le maxi Suv è lotta senza quartiere, con le Case che sfornano novità a nastro e danno vita un botta-e-risposta dal ritmo incalzante. L'ultima bordata in ordine tempo viene dalla Mercedes ed è di quelle degne dell'artiglieria pesante. L'obiettivo della Casa di Stoccarda è la vetta della classifica delle fuoristrada più sportive e per non mancare il bersaglio quelli della stelle a tre punte hanno mobilitato una task force AMG.

PANCIA IN DENTRO Il risultato è la ML 63 AMG, una versione che non fa molto per nascondere le sue intenzioni bellicose, mandando a farsi benedire la discrezione e apparendo sin dal primo sguardo ben più muscolosa e atletica delle sorelle. Le differenze si notano già nel frontale con uno scudo paraurti più esteso, interamente in tinta e privo della scanalatura che sottolinea di solito la mascherina. Pancia in dentro e petto in fuori, la ML 63 AMG mostra fiera ampie prese d'aria e due impertinenti faretti fendinebbia circolari.

GOMMATISSIMA Dopo il lavoro di potenziamento in palestra, qualche centimetro in più si nota anche all'altezza dei passaruota. Gli archi sono allargati per dare asilo ai nuovi cerchi a cinque razze da 19 pollici che calzano pneumatici 295/45 oppure a quelli da 20 pollici offerti in opzione con pneumatici 295/40. Difficile non notarli, anche perché a guidare le sguardo da quelle parti provvedono pure le pedane sottoporta cromate. E' però in coda che la ML 63 AMG rende più evidente la sua anima sportiva. E ciò non tanto per le luci più scure quanto per i quattro terminali di scarico che spuntano a due a due come una batteria contraerea dal paraurti, a sua volta maggiorato e rigorosamente in tinta con la carrozzeria.

DA GUINNESS Sempre che alla AMG non abbiano deciso di utilizzare la sordina, i terminali dovrebbero fornire un sound suggestivo, visto che sotto il cofano c'è l'otto cilindri aspirato di serie più potente del mondo. Con una cilindrata di 6,3, litri eroga 510 cv a 6.800 giri e ha una coppia massima di 630 Nm a 5.200 giri. Quanto basta per scattare da 0 a 100 km/h in cinque secondi spaccati e per costringere la centralina elettronica a fare gli straordinari per evitare che vengano superati di slancio i 250 km/h. Una cosa altrimenti possibilissima, come lascia sospettare anche il fondoscala del tachimetro, posto a quota 320.

FUORI DAL TUNNEL Degno compare del V8 è il cambio automatico a sette marce AMG Speedshift 7G-Tronic, che vede tutti i comandi accentrati nella zona del volante, senza cioè la classica leva sul tunnel centrale. Qui si trova solo l'interruttore per selezionare uno dei tre programmi di gestione: Sport, Comfort e Manual. Per il resto non resta che agire sulla levetta alle spalle della corona e sui pulsanti che si trovano sulle razze, oppure delegare in toto al chip la gestione delle marce, come già avviene per quella della trasmissione.

VOLO RADENTE La ML 63 adotta uno schema di trazione integrale permanente con ripartizione base della forza motrice tra anteriore e posteriore 40-60, un rapporto che l'elettronica varia però a seconda delle condizioni di aderenza. Per le sospensioni la scelta di Mercedes e AMG cade sul sistema Airmatic con ammortizzatori e sistema di smorzamento attivo ADS accordati ad hoc. La ML 63 riduce automaticamente l'altezza minima da terra a velocità sostenuta e adegua in tempo reale la rigidità dell'assetto alle sollecitazioni che riceve, alla ricerca di un buon compromesso tra guidabilità e comfort.

ULTIMO MISTERO Se l'esterno è sportivo, l'interno non è da meno, con i profilatissimi sedili AMG rivestiti in nappa e Alcantara a dominare la scena. Altrettanto ad effetto sono il volante, con le impugnature ben sagomate, e la pedaliera, in acciaio inox. La dotazione di serie comprende anche il sistema di sicurezza Pre-Safe che predispone la vettura a un urto quando ne avverte l'imminenza, i poggiatesta attivi, airbag frontali adattivi a due stadi, laterali e a tendina. L'ultimo nodo da sciogliere resta quello del prezzo, mentre il lancio è fissato per la primavera del 2006.


Pubblicato da Paolo Sardi, 18/08/2005
Gallery
Engine of the year 2008: oltre 4.0 litri
Logo MotorBox