Anteprima:

Jeep Wrangler 2007


Avatar Redazionale , il 17/01/06

15 anni fa - Cambia pelle ma resta dura e pura.

La fuoristrada per antonomasia cambia pelle senza rinnegare però la sua filosofia. Ora la Jeep Wrangler 2007 ha forme più moderne e generose ma il suo pane resta più che mai l'avventura. Sul mercato la vedremo verso la fine dell'anno.

DURA E PURA Mentre la maggior parte delle fuoristrada si sta imborghesendo per cavalcare l'onda lunga delle mode Suv, c'è anche chi resta fedele alla filosofia del "duro e puro". Portabandiera degli ultras della ruota tassellata è la Wrangler, diretta discendente della Willys MB del 1941 e rinnovata dalla Jeep da cima a fondo in occasione del Salone di Detroit. D'altronde 65 anni di storia mica si possono rinnegare come se niente fosse. E visto che il sangue non è acqua, la Jeep Wrangler 2007 resta fedele anche alle linee di sempre, a costo di sembrare in foto meno nuova di quello che in effetti non è. In fondo i faretti tondi ci sono, la calandra con le sette feritoie pure e all'appello rispondono "Presente!" anche le cerniere delle porte a vista e il cofano motore dai bordi arrotondati.

E' CRESCIUTA

Dal vivo però le cose cambiano, perché vista di persona questa Jeep si dimostra cresciuta rispetto al passato e neanche di poco. La larghezza aumenta di 14 cm, il passo si allunga di 5 cm e anche le carreggiate si stiracchiano di 8,75 cm. Quanto basta per dare alla Wrangler un aspetto quanto mai muscoloso e atletico. Particolarissimo è poi il frontale, in cui tengono banco i massicci parafanghi che spiovono un po' verso l'esterno e il paraurti oversize, pronto ad accogliere i faretti fendinebbia.

AL TOP

Gli sbalzi sono come al solito ridotti ai minimi termini per garantire angoli caratteristici da primato. Quelli di attacco, di dosso e di uscita misurano rispettivamente 44,3, 25,4 e 40,4°. Difficile dire se sia davvero la "migliore vettura off-road del mondo" come dichiara trionfalmente la Jeep, ma considerando anche la presenza di assali anteriore e posteriore rigidi, di sospensioni con escursione ampliata e di una barra stabilizzatrice anteriore a scollegamento elettronico, la mobilità in fuoristrada dovrebbe essere eccellente.

CUORE NUOVO

Il motore è un nuovo V6 3.8 a benzina con una potenza massima di 205 cv a 5.200 giri e un picco di coppia di 325 Nm a 4.000 giri, abbinato a un cambio manuale a sei marce oppure a un automatico a quattro rapporti. Tramite l'apposita leva accanto a quella del cambio, la trazione può essere scelta posteriore, integrale permanente o integrale part-time con le ridotte innestate. Sulla versione destinata a un impiego più specialistico è prevista la possibilità di bloccaggio manuale dei differenziali anteriore e posteriore, mentre sulle versioni"base" è presente "solo" un differenziale autobloccante posteriore. Al momento non è dato sapere se e quando verranno allestite varianti con altri motori, magari anche a gasolio.

SILENZIO, SI GIRA

L'attenzione alle prestazioni fuoristradistiche non dovrebbe imporre rinunce sul fronte comfort. Grazie alle maggiori dimensioni della carrozzeria, la nuova Wrangler dispone di un abitacolo più accogliente. Nella zona anteriore, lo spazio aumenta di 11,5 cm all'altezza delle anche e di 13 cm in corrispondenza delle spalle. In quella posteriore, le gambe hanno 2,5 cm in più per stendersi meglio e cresce pure il volume utile per i bagagli. Le terga sono coccolate da sedili più ospitali mentre un mirato lavoro per soffocare i rumori rende più facile la vita dei timpani.

A CIELO APERTO

Tra novità, un posto al sole lo merita anche l'inedito hard-top Sunrider, offerto come optional in alternativa alla tradizionale capote in tela. Questo tettuccio è composto da tre pannelli (due anteriori e uno più grande posteriore) che possono essere smontati separatamente per creare diverse configurazioni in base alle esigenze del momento. Quanto al resto delle dotazioni, restano ancora da definire i dettagli ma pare scontata la presenza di serie su ogni Wrangler di quattro airbag, dell'Abs con sistema d'assistenza alla frenata, del controllo elettronico della stabilità Esp e di quello del rollio. Alla lista degli accessori pare invece destinato il navigatore satellitare. Maggiori dettagli in materia e sui prezzi si avranno al momento del lancio, atteso verso la fine dell'anno.
Pubblicato da Paolo Sardi, 17/01/2006
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox