SEGNALI DAL FUTURO L'auto elettrica come frontiera, pompe diesel e benzina destinate a prosciugarsi e a trasformarsi in prese di corrente. Sarà: per il momento, l'elettrico è dalle nostre parti ancora un topolino. Anche se i progressi esistono, e nel 2018 si toccano con mano. Per la prima volta, i modelli a emissioni zero hanno sfondato quota 5.000 vendite (5.010), più che raddoppiando i numeri 2017 (quando i volumi si fermarono a 2.016 unità) e guadagnando un decimale di quota mercato (da 0,2% a 0,3%). Nulla a che vedere col fenomeno Norvegia, nazione dove è elettrica un'auto nuova ogni tre, tuttavia anche alle nostre latitudini il 2019 non potrà che alimentare il trend. Sia per la maggiore disponibilità di nuovi modelli in commercio, sia per il sostegno che lo Stato erogherà ai clienti di auto green. Passiamo dunque in rassegna dieci novità "alla spina" in uscita nei prossimi mesi.

1. TESLA MODEL 3 La berlina sorellina di Model S è senz'altro l'auto elettrica più calda del momento. Dopo aver spopolato in patria, la prodigiosa californiana è atterrata anche in Europa e da febbraio (in versione Dual Motor con batterie ad alta capacità) Tesla Model 3 inizierà a macinare chilometri anche sulle strade italiane. L'attesa è motivata dalle cifre: 544 km di autonomia misurati secondo i criteri WLTP, accelerazione 0-100 km/h in 5,1 secondi, un grado di autonomous driving (Autopilot) che nessun altro modello avvicina. Prezzi da 59.600 euro.

Audi e-tron

2. AUDI E-TRON Le prime consegne del Suv elettrico dei Quattro Anelli scatteranno a marzo, almeno per coloro che ne prenotarono un esemplare con largo anticipo (i tempi di attesa sono lunghi). Prezzo di listino di 83.000 euro, ma quanti benefit: 408 cv di potenza, 400 km di autonomia, ricarica rapida in mezzora o poco più (rete da 150 kW, per la verità ancora introvabili dalle nostre parti), infine (offerta Ready for e-tron) un pacchetto che include la consulenza per l’installazione della colonnina domestica e per la ricarica presso le stazioni pubbliche Enel X, più un bonus gratuito di 3.300 kWh di energia, pari a circa 14.000 km.

3. MERCEDES EQC Da un elettro-Suv all'altro, sempre di lingua tedesca, sempre dalle proprietà di autonomia (450 km) e potenza (408 cv) che promettono (mezzi) miracoli. Tempi di rigenerazione? Con sistema di ricarica veloce (110 kW), le batterie passano dal 10% all'80% in 40 minuti. Prodotta nello stabilimento di Brema, nuova Mercedes EQC è una elettro-bomba: accelerazione 0-100 km/h in soli 5,1 secondi, velocità massima autolimitata a 180 km/h. Sul mercato a metà 2019, solo il prezzo è ancora sconosciuto: sarà nell'ordine dei 60.000 euro

4. BMW I3 120 AH Le nuove batterie ad alto voltaggio sistemate sotto il pianale di i3 ed i3s 2019 sono una miniera di energia: 260 km di indipendenza, e guidando normalmente. Prodotte nello stabilimento BMW di Dingolfing e composte di otto moduli, ciascuno con dodici celle, le nuove super batterie conservano le dimensioni e il peso delle precedenti, ma raggiungono ora una capacità di 120 Ah, insieme a una capacità lorda di 42,2 kWh. Rapido confronto: nel 2013, BMW i3 caricava a bordo batterie da 60 Ah e una capacità di 22,6 kWh, mentre nel 2016 i successivi accumulatori da 94 Ah non oltrepassavano quota 33 kWh.

BMW i3 e i3S 2019

5. KIA E-NIRO Raggiungerà le concessionarie nella seconda metà del 2019, e sotto un design ultramoderno promette faville. La recente omologazione europea sul ciclo combinato WLTP ha confermato il dato sull’autonomia: 485 km per la versione di Kia e-Niro alimentata dalla batteria ai polimeri di litio ad alta capacità da 64 kWh, accumulatore che con caricabatterie rapido da 100 kW si rigenera dell'80% in 54 minuti, 312 km per la versione equipaggiata invece con batteria standard da 39,2 kWh. Prezzi ancora sconosciuti: 35.000 euro?

6. RENAULT ZOE La seconda generazione dell'elettrica della Régie dovrebbe arrivare nell'autunno 2019 e utilizzerà una piattaforma tutta nuova. Ancora nulla di ufficiale si conosce in merito a motore e autonomia, anche se le indiscrezioni la accreditano di un range di 400 km reali. Dai muletti spiati durante le sessioni segrete di test, nuova Renault Zoe assomiglierà un po' di più a sorella Clio. Per la best seller europea di categoria, l'attesa intanto cresce.

7. MINI COOPER E Mostrata a più riprese ai Saloni sottoforma di concept, Mini Cooper E si trasformerà nel corso del 2019 in un modello di serie. Le ultime indiscrezioni parlano di una variante sportiva, alla quale Mini potrebbe imporre il nome di Cooper E S. Dando per buoni i rumors di una sua stretta parentela con BMW i3s, la potenza ammonterebbe a 184 cv, la coppia a 270 Nm, l'accelerazione 0-100 km/h a un valore inferiore ai 7 secondi, infine la velocità massima a 160 km/h. Autonomia di 400 km, tempi di ricarica a loro volta più efficienti, con l'80% della barra di energia pareggiabile in 40 minuti. 

Mini Cooper E

8. VOLKSWAGEN ID Le prenotazioni si apriranno ufficialmente nella primavera del 2019, per un debutto nelle concessionarie a inizio 2020. L'attesissima compatta elettrica a due volumi di Volkswagen potrà percorrere 550 km con ogni ricarica, calcolati secondo la nuova procedura di prova WLTP. Prezzi? Volkswagen ID, che secondo i ben informati verrà registrata all'anagrafe col nome Neo, avrà il costo di una normale Golf Diesel.

9. PORSCHE TAYCAN A spingere la prima elettrica Porsche provvedono due motori sincroni a eccitazione permanente, uno all'anteriore e uno al posteriore, per una potenza combinata di oltre 600 cv. Anche l'autonomia tiene fede alle promesse del prototipo, dichiarando birra a sufficienza per percorrere oltre 500 km con singolo ciclo di carica. Una volta esaurita la carica, basteranno 15 minuti per ripristinare 400 km di autonomia. Questo perché le componenti elettriche della Taycan lavorano a 800 Volt, pronte ad abbeverarsi dalle colonnine di ricarica ultraveloce. Prezzi da 80.000 euro in su. Ma anche un'ccelerazione 0-100 km/h sotto i 3,5 secondi...

10. TESLA MODEL Y Chiudiamo la nostra carrellata con il "jolly". Riguardo all'ancora misteriosa Model Y, Elon Musk comunica che l'intenzione è quella di produrla su un'architettura simile a quella di Model 3, del quale rappresenterà l'alternativa a guida alta. Una Model 3 crossover, dunque, che come la berlina costerà una cifra alla portata di un bacino abbastanza ampio. 


TAGS: tesla model 3 auto elettrica 2019 audi e-tron mercedes eqc kia e-niro