Autore:
Emanuele Colombo

AUTO CONNESSE Che facciano male non è dimostrato, ma nel dubbio tenere le onde elettromagnetiche degli smartphone lontano dai suoi clienti è diventata per Mercedes-Benz una priorità. Per questo motivo ha escogitato una serie di sistemi per riporre e utilizzare il cellulare a bordo, limitandone le radiazioni. Per esempio l'alloggiamento universale all'interno del bracciolo centrale, che permette di collegare il telefono a un'antenna esterna, per dirottare le emissioni fuori dall'abitacolo.

STRATEGIA A CORTO RAGGIO Un'altra soluzione è il modulo telefonico Bluetooth con profilo SAP (SIM Access Profile), che permette di accoppiare il telefono cellulare all'automobile attraverso un particolare collegamento Bluetooth a contatto con un modulo all’interno del bracciolo, così da ridurre le radiazioni verso i passeggeri. Sulla nuova Mercedes Classe E debutta infine un sistema per connettere lo smartphone tramite tecnologia Near Field Communication (NFC) che ha una dispersione di onde elettromagnetiche in abitacolo irrisoria. Il tutto consentendo il pieno utilizzo delle funzioni telefoniche, a differenza della gabbia di Faraday sperimentata da Nissan.  


TAGS: mercedes-benz bluetooth mercedes classe e auto connesse auto e smartphone emissioni elettromagnetiche near field communication nfc antenna esterna