FRECCIA QUARTARARO Il venerdì di libere di Sepang, sede del Gran Premio della Malesia da 20 anni e 21 edizioni, ha visto come protagonista il giovane francese Fabio Quartararo, che recuperato bene dall'infortunio di una settimana fa è tornato in sella e ha comandato le FP1 e dominato le FP2. Il centauro della Yamaha ha preceduto Andrea Dovizioso e Valentino Rossi sia nella seconda sessione di libere che nella classifica combinata, importante nel caso in cui dovesse piovere domani nelle FP3. Con loro una buona giornata anche per Maverick Vinales, che non ha provato il time attack, e Franco Morbidelli, in buono spolvero in entrambe le sessioni. Un po' nascosto Marc Marquez, mentre è apparso un po' in difficoltà Danilo Petrucci. Nella top ten delle FP2 bene anche Alex RinsJack Miller e il ritrovato Francesco Bagnaia. Diamo un'occhiata alle impressioni di tutti i protagonisti della prima giornata malese.

QUARTARARO IMPRENDIBILE Cominciamo dal ragazzo del team che gioca in casa, il Petronas Sepang Racing Team Yamaha. Sul giro secco Fabio Quartararo ha dimostrato di essere letteralmente imprendibile, appropriandosi del primato della pista malese: "Quel giro è stato davvero incredibile, e il mio secondo time attack sarebbe potuto essere anche meglio se non avessi trovato traffico. La cosa più importante è che siamo dentro la top ten in vista della Q2 di domani, questo significa che domattina possiamo concentrarci sul passo gara e sulle gomme."

MORBIDO IN PALLA E molto bene è andato anche il compagno di team, Franco Morbidelli, che al mattino si è fermato a pochi centesimi dal compagno, e al pomeriggio non ha forzato chiudendo quarto nelle FP2 ma secondo nella combinata: "Il modo perfetto per il nostro team di cominciare il weekend di casa con una doppietta. Questa mattina è stato perfetto, e al pomeriggio abbiamo trovato qualcosa per provare a migliorare il setup della nostra moto. Non siamo ancora al punto dove vorrei ma questi cambi ci hanno aiutato a capire alcune cose importanti e la cosa principale è che mi sento molto più veloci di quanto non fossi in Australia".

ROSSI PREOCCUPATO Terzo delle Yamaha nelle FP2 oggi è stato Valentino Rossi, che nella classifica combinata ha il quinto tempo alle spalle del compagno Maverick per meno di un decimo. "Sono partito bene, questo è certo, e alla fine delle FP2 avevo un buon passo con la media che potrebbe essere la gomma da gara, poi con la morbida è venuto fuori un buon tempo anche sul giro secco. Però sono preoccupato dal consumo della posteriore, soprattutto su una pista esigente come Sepang. Oggi non ho avuto grossi problemi su sei giri, ma domenica saranno 20. I due turni sull'asciutto ci hanno aiutato e con le tre curve riasfaltate (1, 2 e 12) hanno fatto un buon lavoro. Piedi per terra però, non è la prima volta che le Yamaha vanno forte al venerdì, secondo me siamo ancora un passo indietro rispetto a Honda e Ducati che escono meglio dalle curve e consumano meno la posteriore. Quartararo? Continua a sorprendere, guida bene e ha più grip in accelerazione, proprio dove io soffro. Ho guardato i suoi dati ma non ho capito come faccia".

VINALES ENTUSIASTA Bene al mattino Maverick Vinales, autore del quarto tempo complessivo di giornata, al pomeriggio ha potuto concentrarsi sul passo gara: "Sono molto contento perché le sensazioni in sella sono state davvero buone sin da subito. Abbiamo trovato un buon ritmo e soprattutto nelle FP2 ho lavorato sul passo gara. Mi sono sentito a posto e questa è la cosa più importante, domani abbiamo la possibilità di centrare il nostro obiettivo che è la prima fila. Mi sento forte e sono in gran forma, posso fare un buon lavoro. Sto cercando di migliorarmi dove credo ci sia ancora del margine, vedremo fin dove potremo arrivare, ma penso che siamo messi bene anche per domenica."

DOVIZIOSO BENE Ottimo lavoro quello di Andrea Dovizioso, secondo al pomeriggio e nella combinata: "Il circuito di Sepang è sempre affascinante, ma anche complicato a causa del gran caldo e del calo delle gomme che si verifica sempre su questo tracciato. Nel pomeriggio abbiamo provato un set up diverso che ha dato dei risultati interessanti: non è molto facile da gestire ma mi ha permesso di essere più costante e veloce e quindi sono contento dei miglioramenti di oggi. Non basta ancora per pensare di poter lottare per la vittoria domenica, perché ci sono dei piloti messi meglio di noi, ma sono contento del lavoro che abbiamo fatto oggi e del mio feeling".

PETRUCCI ACCIACCATO Problemi invece per Danilo Petrucci, ancora non al top e incerto alla vigilia del weekend persino sulla sua partecipazione alla gara: "Fisicamente non sono ancora al 100% dopo la caduta di Phillip Island, e in più oggi non sono riuscito a sfruttare appieno le gomme nuove. Sia questa mattina che oggi pomeriggio ho faticato molto e, anche se il mio passo non è male, non mi sento ancora a posto. Adesso dovremo cercare di capire cosa non ha funzionato oggi pomeriggio per risolvere i miei problemi e domani tornare a stare davanti."

FRENATA MARQUEZ Il campione del mondo in carica Marc Marquez è nella top ten grazie al tempo della mattinata, sesto complessivo, e ha raccontato come sia stato concentrato sul passo gara nelle FP2 e come si sia salvato dall'ennesima caduta evitata all'ultimo: "Pomeriggio ho provato la moto con la modifica al freno posteriore, spostato a sinistra. In passato mi era piaciuta, ma ora mi serve nel momento di massima inclinazione per essere più rapido nelle curve a destra. Al secondo giro mi sono salvato e divertito a rivedere il salvataggio al rallentatore, ho toccato l'asfalto con la pedana consumandola, invece di solito se tocchi con quella cadi. Sul passo gara sono a buon punto, credo di essere dietro solo a Vinales. Sul giro secco Quartararo e le Yamaha in generale sono più rapide, ma sto lavorando bene in ottica gara."

RINS AMBIZIOSO "Oggi è stata una buona giornata" - ha esordito il pilota della Suzuki Alex Rins, che a Sepang cercherà di difendere il terzo posto iridato dall'assalto dei rivali - "Sono stato in grado di fare qualche buon giro e ho mostrato un buon passo. Ho provato le gomme Medium e Soft e le ho trovate piuttosto soddisfacenti. Il pacchetto aerodinamico nuovo ci ha aiutato rispetto allo scorso anno, specialmente sui rettilinei. Spero veramente di essere in prima fila domani, ma se così non fosse almeno in seconda."

BENE PRAMAC Infine i piloti del team satellite della Ducati, oggi protagonisti della giornata con Jack Miller ottavo complessivo (5° in FP2) e Francesco Bagnaia 11° (8° in FP2). "È un risultato positivo anche se non sono riuscito ad entrare in Top 10 per pochissimi millesimi" - ha spiegato l'italiano - "Spero che domani mattina il tempo sia buono per provare a qualificarmi direttamente in Q2. Dobbiamo risolvere ancora qualche problema con il grip posteriore ma le sensazioni sono positive." L'australiano Miller invece, reduce dal podio di Phillip Island, ha commentato: "Sono soddisfatto per come sono andate oggi le cose. La moto è molto diversa rispetto a quella che abbiamo usato nei test invernali ma il feeling è stato positivo fin dalla mattina. Ringrazio il team perché ha fatto un buon lavoro. Vediamo come sarà il tempo domani ma abbiamo grande fiducia anche grazie alla grande gara in Australia".


TAGS: yamaha honda suzuki ducati rossi motogp sepang dovizioso marquez vinales motogp 2019 Miller Rins Petrucci Bagnaia Quartararo MalaysianGP 2019 MotoGP Malesia 2019 MotoGP Sepang 2019 FP1 MotoGP Malesia FP2 MotoGP Malesia