GP Portogallo 2022, le pagelle del Circuito do Algarve di Portimao
MotoGP 2022

MotoGP Portogallo 2022, le pagelle di Portimao


Avatar di Simone Valtieri , il 24/04/22

1 mese fa - Le pagelle di MotorBox dopo il MotoGP del Portogallo 2022 a Portimao

Le pagelle di MotorBox dopo il MotoGP del Portogallo 2022 a Portimao: super Quartararo, bravi Rins e Bagnaia. Ma sono tanti anche i bocciati...
Benvenuto nello Speciale MOTOGP PORTOGALLO 2022, composto da 11 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP PORTOGALLO 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

LE PAGELLE DI PORTIMAO Voti alti, voti bassi, voti medi, comunque tanti voti al termine del Gran Premio del Portogallo, ben 25! Il migliore è stato il francese Quartararo, dominatore della gara, ma bravi sono stati anche Zarco, Aleix Espargarò, Rins e Bagnaia. Sottotono, invece Marquez. Bocciati Martin, Miller e Morbidelli. Bravo Mir, ma purtroppo non arriva al traguardo. Per i dettagli, vi invitiamo a leggere le nostre pagelle.

FABIO QUARTARARO - VOTO 10 Siamo di fronte a un fuoriclasse assoluto. Nelle piste di motore soffre troppo, ma in quelle guidate è un artista e pennella traiettorie impossibili per gli altri. Al via balza subito dalla quinta alla seconda posizione, poi in tre giri riacciuffa Mir e lo lascia sul posto, vincendo in solitaria. Un altro dato? La seconda Yamaha è 11° a mezzo minuto, guidata da Dovizioso, non certo l'ultimo arrivato. Fenomeno.

JOHANN ZARCO - VOTO 9 Gara giudiziosa quella del poleman, che resta sempre nelle posizioni di testa e partecipa alla festa transalpina andando a completare la doppietta con Quartararo. Al via lascia sfogare Mir, poi però lo passa e si mette in seconda posizione, tenendola fino alla fine con relativa tranquillità. Concreto e veloce. Siamo sicuri che la Ducati possa rinunciare a lui tanto facilmente?

ALEIX ESPARGARÒ - VOTO 8,5 In una stagione così equilibrata bisogna essere sempre lì, e lui c'è. L'Aprilia quest'anno lo asseconda e lui la guida come nessun altro, grazie all'esperienza e al contributo enorme dato allo sviluppo della RS-GP. Oggi rimonta con pazienza e poi raccoglie un podio che sarebbe stato sicuramente più arduo, ma non impossibile, senza l'incidente tra Mir e Miller. Per il mondiale c'è anche lui...

ALEX RINS - VOTO 9 Che gara per Alex! Assieme a Quartararo, se continua con questa costanza, è uno dei più seri candidati al titolo. Nonostante le difficoltà e le sfortune dei giorni scorsi, in gara si trasforma e in due giri balza come un gatto dalla 23° alla 9° posizione, poi continua a recuperare e a collezionare sorpassi. Alla fine, forse, chiede troppo alle sue gomme, e non può attaccare chi ha davanti ma il quarto posto è tanta roba. Deve ringraziare Miller per l'incidente con il compagno che gli regala i punti utili a portarsi in vetta alla classifica iridata, a pari punti con Quartararo.

MARC MARQUEZ - VOTO 5 Ad Austin fa il fenomeno, ma - l'avevamo detto - era la sua pista. A Portimao arriva invece una gara un po' anonima per il campionissimo spagnolo, evidentemente ancora alla ricerca della quadra con la nuova moto e con il suo nuovo stile di guida, obbligato dagli infortuni. Il sesto posto non soddisfa, né lui né la Honda. A onor del vero, senza la sfortuna della bandiera gialla in qualifica, sarebbe partito più avanti, e magari avrebbe scritto un'altra storia. 

FRANCESCO BAGNAIA - VOTO 8 Il weekend era iniziato bene, con un buon feeling. L'errore del sabato, però, ossia entrare con le slick troppo presto, ha rischiato di compromettere gara e stagione. Alla fine c'ha messo una pezza con classe, partendo ultimo e recuperando con pazienza, nonostante la spalla infortunata, fino alla ottava piazza. Un giro in più e se la vedeva con i Marquez - dolore permettendo. Ma con i se e con i ma non ci si fa nulla, ora deve curare la spalla e fare bene anche a Jerez, dove soprattutto Quartararo (che ha 37 punti di vantaggio in classifica) va spesso forte.

GLI ALTRI IN BREVE

JOAN MIR - VOTO 8 Resta invece alto il voto di Mir, che è partito fortissimo e poi ha gestito bene il rientro di piloti più a posto di lui. Non poteva fare nulla per evitare l'incidente con Miller.

MIGUEL OLIVEIRA - VOTO 7,5 Sul bagnato forse avrebbe vinto, o comunque reso la vita difficile agli specialisti. Il quinto posto è comunque molto positivo, e lo tiene a galla in una classifica cortissima.

ALEX MARQUEZ - VOTO 7,5 In una pista che ama arriva la sua miglior gara dell'anno. La ciliegina sulla torta sarebbe stata battere il fratello, ma si batte bene e la sconfitta allo sprint non è un disonore.

POL ESPARGARÒ - VOTO 6 Alla fine è il terzo della Honda, sebbene a ridosso delle altre due. Lotta con Alex, con Marc e con Pecco, ma non ne vince una. Il nono posto non è quello che voleva.

VEDI ANCHE



MAVERICK VIÑALES - VOTO 6,5 Continua a crescere gara dopo gara, ma non ha ancora tra le mani la RS-GP come ce l'ha il compagno. Il 10° posto, comunque, è un segnale positivo.

ANDREA DOVIZIOSO - VOTO 6 Vale un po' il ragionamento fatto per Vinales. Non ha ancora la Yamaha cucita addosso, ma nel weekend ha dato qualche sprazzo di progressi. Male, comunque, i 30'' presi da Quartararo.

LUCA MARINI - VOTO 6 Il 12° posto non è malvagio. Batte il compagno di squadra, che partiva più avanti, e sebbene partendo dalla ottava posizione (conquistata però su pista umida) era lecito attendersi di più.

MARCO BEZZECCHI - VOTO 5 Si scioglie subito dopo il via, risucchiato dal gruppone e poi passato anche dal compagno di team. Il quindicesimo (e terzultimo) posto non soddisfa.

JACK MILLER - VOTO 4 Stava facendo una gara da otto, ma è stato troppo ottimista nell'attaccare Mir, rovinando anche la bella gara dello spagnolo. L'incidente dimezza il suo voto.

ENEA BASTIANINI - VOTO 4,5 Nonostante l'infortunio alla mano era in rimonta. Purtroppo un errore quando aveva appena preso la decima posizione lo mette fuori gara.

JORGE MARTIN - VOTO 4 Buona solo la partenza, dalla 13° posizione subito a lottare con Marquez per la 10°, ma poi scivola presto quando è 11° e ben lontano dal ritmo di testa.

BRAD BINDER - VOTO 4 Aveva sin qui fatto della costanza la sua forza, ma la caduta gli fa un po' perdere contatto dalla zona calda della classifica. Ad Austin il problema era la KTM, qui la colpa è tutta lato pilota.

REMY GARDNER - VOTO 6,5 Ottiene il suo miglior risultato dell'anno in MotoGP, primo tra i rookie davanti a Bezzecchi in 14° posizioni. Non sarà molto ma è abbastanza per la sufficienza piena.

TAKAAKI NAKAGAMI - VOTO 4,5 Stava conducendo una gara discreta in zona punti, ma è scivolato provando a minacciare la posizione di Binder davanti a lui. Poi riparte ma arriva 16°

FRANCO MORBIDELLI - VOTO 4,5 Un weekend totalmente incolore quello del Morbido, che non trova il feeling e che scivola in 13° posizione a fine gara. Il confronto con il compagno è impietoso.

FABIO DI GIANNANTONIO - VOTO 5,5 Dopo buone qualifiche, non si fa vedere in gara. Abbandona per un problema tecnico negli ultimi giri.

DARRYN BINDER - VOTO 5,5 Continua il difficile apprendistato, ma giungere a 50'' da uno che ha la tua stessa moto, significa prenderne 2 al giro. Un po' troppo per la sufficienza anche se sei un rookie.

LORENZO SAVADORI - VOTO 6 Si ritira all'ultimo giro, alla prima gara della stagione come wild card, non gli si poteva chiedere molto di più.

RAUL FERNANDEZ - VOTO SV Non partecipa alla gara in via precauzionale dopo la grossa botta presa ieri in qualifica. Dovrebbe essere regolarmente in pista a Jerez


Pubblicato da Simone Valtieri, 24/04/2022
Tags
Gallery
MotoGP Portogallo 2022
Logo MotorBox