MotoGP Americhe 2022, Bastianini superbo bis! Vince ed è primo nel mondiale
MotoGP 2022

MotoGP Americhe 2022, Bastianini superbo bis! Vince ed è primo nel mondiale


Avatar di Simone Valtieri , il 10/04/22

1 mese fa - Enea Bastianini vince la seconda gara in MotoGP davanti a Rins e Miller

Con una prestazione intelligente ma implacabile, Enea Bastianini vince la seconda gara in MotoGP davanti a Rins e Miller, e torna in vetta al mondiale
Benvenuto nello Speciale MOTOGP AMERICHE 2022, composto da 12 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario MOTOGP AMERICHE 2022 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

EMOZIONE ENEA Il Gran Premio delle Americhe regala emozioni, ma mai quanto Enea Bastianini, che nel nome di Fausto Gresini vince la seconda gara dell'anno, guidando da campione: per metà gara risparmia le gomme e poi fila via a ritmi insostenibili nella seconda metà, quando supera Martin e Miller andando a vincere! Sul podio con lui salgono anche Alex Rins, che con la Suzuki ora è secondo in classifica alle spalle proprio del riminese, e Jack Miller, risorto dopo i problemi di inizio stagione. Buona gara anche per Mir e Bagnaia, subito giù dal podio, mentre deve recriminare ma può essere soddisfatto della prestazione Marquez, perché senza una partenza dissennata avrebbe persino potuto vincere, rimontando dalla 24° alla 6° piazza, dopo una battaglia furente con Quartararo, settimo. Nella top ten finiscono anche le Ducati di Martin e Zarco e l'Aprilia di Maverick Vinales. Aleix Espargarò arriva 11° e perde la leadership del mondiale, ma l'equilibrio continua a regnare sovrano. Andrea Dovizioso è l'unico altro italiano a punti, 15°, davanti a Morbidelli e Marini. 21° Di Giannantonio, ritirato Bezzecchi. 

ONDA ROSSA Si spengono i semafori e rombano i motori delle cinque Ducati in prima e seconda fila, e a partire meglio di tutti è Jack Miller che brucia Jorge Martin e si mette a trainare il serpentone nelle S di Austin. Dietro di lui subito Bagnaia, Bastianini e quartararo, che ha passato Zarco. Pessima partenza di Marc Marquez, che dalla nona piazza si ritrova ultimo, prima di iniziare a recuperare subito posizioni. A metà del primo giro Martin e Miller innescano la bagarre, con Bastianini che prende la posizione a Bagnaia e si mette in terza piazza. Arrembante anche Fabio Quartararo, che in mezzo alle Ducati nelle prime fasi ci sguazza bene. Alle spalle dei primi sei le due Suzuki e l'Aprilia di Aleix Espargarò che rimonta fino alla nona piazza. Marc Marquez, intanto, è 16° dopo due giri, proprio mentre cade Marco Bezzecchi.

RIMONTA MARC All'inizio del terzo giro Zarco ripristina la cinquina Ducati davanti, con Quartararo che viene incalzato anche dalle Suzuki. Intanto Marc Marquez risale in 13° posizione, rischiando però di buttare giù Vinales e Binder con un lungo in curva 1, ma recuperando 10 posizioni in appena quattro giri. Davanti Miller tiene la prima posizione, con Martin e Bastianini più vicini rispetto a Bagnaia e Zarco. Il francese cerca di mettersi alle spalle l'italiano e ci riesce al secondo tentativo, all'inizio del quinto giro. Alle loro spalle Rins riesce a mettersi dietro Quartararo, e, poco dopo, ce la fa anche Joan Mir. Entrambi sono vicini alla Ducati di Bagnaia: i primi otto sono tutti potenzialmente da podio quando un quarto della gara è in archivio. Ed è proprio Rins che all'inizio del sesto giro attacca e passa Bagnaia, mettendosi a caccia delle altre Ducati e firmando il giro veloce della gara.

SPAGNOLI ON FIRE Sono due spagnoli i piloti più in palla all'inizio della fase centrale della gara, e sono i due unici vincitori in MotoGPsu questa pista: Marc Marquez, che passa in tromba il compagno Pol Espargarò per entrare nella top ten all'inizio del settimo giro, e Alex Rins, che dopo aver fatto fuori Rins, si ingarella con Zarco. I primi cinque vanno avanti pressoché compatti, con Bagnaia che si stacca di qualche decimo da Rins e deve guardarsi le spalle da Mir, Quartararo, Aleix Espargarò e Marc Marquez. Al nono giro arriva un lampo: il giro veloce di Pecco Bagnaia, che potrebbe aver risparmiato le gomme nella prima parte di gara per poi tornare sotto forte nel finale. Intanto il duello rusticano tra Rins e Zarco favorisce proprio l'italiano che torna sotto ai due piloti in lotta.

SCATTA LA BAGARRE! A metà gara il gruppo di testa è sempre lo stesso, con Miller, Martin e Bastianini davanti, ma Rins prova a rompere l'equilibrio e dopo aver passato Zarco, inizia a superarsi anche con l'italiano, minacciando la sua terza posizione. Dietro di loro Zarco e Bagnaia sono ancora in lotta per la quinta, poi dietro a Mir e Quartararo c'è Marc Marquez, che passa Aleix Espargarò e si mette in nona piazza. Davanti intanto ''Bestia'' resiste come può a gli attacchi di Rins, sfruttando tutti i cavalli della sua Ducati e i primi sette sono praticamente tutti vicini. Bastianini risolve il problema Rins con una mossa molto intelligente: passare Jorge Martin e prendersi la seconda posizione, una manovra che favorisce Miller, in grado di guadagnare qualche decimo. Martin viene passato anche da Rins mentre il più veloce in pista è Marc Marquez, vicinissimo al suo stesso record della pista in gara. Anche Bagnaia decide che è ora e passa Zarco prendendosi la quinta piazza. Zarco non ci sta e stacca fortissimo, ma la conseguenza è che va lungo in curva 1 e perde la posizione anche su Mir.

BAGARRE E ANCORA BAGARRE! A 8 giri dal termine la situazione è Miller, Bastianini, Rins, Marquez, Bagnaia, Mir, Zarco, Quartararo e Marquez. A rompere gli indugi a questo punto è Joan Mir, che sorprende Bagnaia e si prende lui stesso la quinta posizione, mentre Zarco precipita e viene attaccato (e passato poco dopo) da Quartararo e Marquez. Miller intanto ha preso circa un secondo a Bastianini, che si porta ancora appresso il resto del gruppo. A 7 giri dal termine arriva il nuovo record della pista ed è firmato da Marc Marquez: 2'03.553! Joan Mir e Pecco Bagnaia superano in tandem Jorge Martin e torna in P4 e P5, ma devono recuperare qualcosa su Bastianini e Rins. Marc Marquez, intanto, procede come un tornado e passa in poche curve anche Quartararo, mettendosi in settima piazza.

SUPER BASTIANINI A sei giri dalla fine il record della pista cambia padrone: è Enea Bastianini a firmare un super 2.03.521 e a riportarsi sotto a Jack Miller, ricacciando indietro Alex Rins. Il centauro del team Gresini sente di poter attaccare la prima posizione e, come suo solito, innesca un finale irresistibile, mentre Miller sembra scomporsi in sella. A 5 giri dal termine i primi due hanno un secondo e mezzo di margine su Rins, poi c'è un secondo e spicci e arriva il quartetto Mir, Bagnaia, Martin e Marquez. A cinque giri dal termine arriva l'attacco deciso di Enea Bastianini che si prende la prima posizione su Jack Miller con la GP21 contro la GP22 del compagno. Non sono lontani però Rins, Mir e Bagnaia che credono ancora nel podio, così come Martin e Marquez. Anzi, Marquez e Martin, visto che il sorpasso del campionissimo arriva in staccata di curva 1. Fabio Quartararo, però, non ci sta, e si butta anche lui dentro Martin, risalendo in settima piazza.

ENEA FUGGE Mentre dietro i sorpassi abbondano, Enea prova con la sua guida pulita a prendere del margine, e inizia a scavare un piccolo gap di mezzo secondo tra sé e il collega di marca. Tre giri alla fine, Bastianini, Miller e Rins sono sul podio virtuale, Mir poco lontano, Bagnaia si stacca e deve guardarsi le spalle da Marquez e Quartararo che stanno arrivando minacciosi. Batianini a 2 giri dal termine ha un secondo e spicci su Miller, mentre Bagnaia ringrazia Quartararo che si mette in lotta con Marquez, perdendo tempo insieme a lui. A un giro dalla fine Bastianini veleggia con quasi 2 secondi di vantaggio e Miller deve difendersi da un arrembante Rins. L'ultimo giro è sulle uova per il riminese, come quello del Qatar, ma senza errori! Vince Enea Bastianini, la seconda gara dell'anno e si festeggia nel box del team Gresini! Sul podio con lui salgono Rins e Miller, con lo spagnolo che beffa l'australiano alla penultima curva! Quarto Mir, poi Bagnaia, Marquez e Quartararo. In top ten anche Martin, Zarco e Vinales, che nelle battute finali supera il compagno Aleix Espargarà. 12° Binder, poi Pol Espargarò. Nakagami e Dovizioso. 

Clicca qui per tutti i risultati del weekend del Gran Premio delle Americhe 2022


Pubblicato da Simone Valtieri, 10/04/2022
Tags
MotoGP Americhe 2022
Logo MotorBox