KTM 890 Duke 2021: prova, opinioni, come va, prezzo
Prova

Com'è cambiata la KTM 890 Duke dopo il "no" alla 790 Duke?


Avatar di Giorgio Sala , il 14/08/21

1 mese fa - KTM 890 Duke 2021: prova, opinioni, come va, prezzo

Diversi aspetti della 790 Duke non mi avevano convinto fino in fondo. Ma la nuova KTM 890 Duke è davvero una moto migliore? La prova

Quando una ragazza vi lascia facendovi capire che per lei “non siete abbastanza”, scatta quella voglia di riscatto che spinge a migliorarvi. Ad allenarvi continuamente per diventare più forti e in forma. Volete essere il migliore di tutti. Spinti da questa forza, l’obiettivo ultimo è quello di farvi notare da lei e farle cambiare idea sul vostro conto. Oppure, di farla pentire della scelta fatta. Ecco, la KTM 890 Duke è proprio la versione “post palestra” della KTM 790 Duke a cui avevo detto “non mi convinci” qualche anno fa. La Duke ora è tornata, vuole farmi cambiare idea ma, soprattutto, farmi pentire della scelta fatta…

COSA NON MI PIACEVA DELLA KTM 790 DUKE

Maxi comparativa naked medie 2020: KTM 790 Duke Maxi comparativa naked medie 2020: KTM 790 Duke

Il due di picche che ho dato alla KTM 790 Duke nasce da una serie di elementi che non riuscivano a farmi dire “è lei la migliore”, elementi che, invece, relativamente alla Triumph Street Triple 765 hanno partecipato a farle portare a casa il titolo di vincitrice della comparativa naked 2020. Innanzitutto, della KTM non mi piaceva la troppa plastica, anche se di buona fattura. Poi c’era il motore, che in fatto di performance accusava la potenza in meno rispetto ad altre competitor, soprattutto se si confronta l'elasticità e la fluidità del tre cilindri di Hinckley. Di per sè era un buon motore, sia chiaro, ma sembrava non essere in grado di esprimere il suo potenziale. Ma tra tutto, era l’assetto il vero punto debole: sostenuto, fin troppo per una naked stradale.

LA PROVA DELLA KTM 890 DUKE: COME VA, PREGI E DIFETTI

KTM 890 Duke tra le curve KTM 890 Duke tra le curve

VEDI ANCHE



Ed eccomi qui, in compagnia della KTM 890 Duke. Il nome cambia di una sola cifra, ma è tutto il resto che cambia… una cifra. Non esteticamente, sia chiaro, perché lo potete vedere anche voi che resta identica. E nemmeno nei materiali, perché c’è sempre tanta plastica, ma è comunque ben assemblata e tutto sommato curata. Vado subito al sodo partendo dalla novità più grande e interessante, ossia il motore. La cubatura cresce a 889 cc – proprio come quello della KTM 890 Adventure – diventando Euro 5 e le performance sono più convincenti. La potenza sale a 115 CV, la coppia a 98 Nm, ma non è solo questione di numeri. Imboccate una strada bella tortuosa, meglio ancora se con tanti tornanti: ad ogni uscita di curva, c’è una bella spinta corposa che ti lancia verso la curva successiva. Prima non c’era tutta questa fluidità ed elasticità ai bassi regimi, che ti fa schizzare alla curva successiva.

Il motore della KTM 890 Duke Il motore della KTM 890 Duke

La cosa bella è che uso spesso e volentieri una marcia più alta rispetto a quanto facevo con la 790. Non solo perché si ha tra le mani (o meglio, tra i piedi) uno dei migliori quickshifter che l’uomo abbia mai concepito su una moto sotto gli 11.000 euro, ma perché il motore mi permette quello spunto che prima non c’era. Il tutto, a vantaggio dei consumi: i migliori del segmento con 4,6 litri / 100 km. Ma sapete la cosa ancora più bella? Il motore allunga, con convinzione, fino agli 8.000 giri/min. Una volta scoperta la metà più alta del contagiri, rimango quasi assuefatto dall’ampio range d’utilizzo del bicilindrico. Che offre, inoltre, un maggior comfort alle basse andature grazie alle vibrazioni meno fastidiose (ma sempre presenti) e la risposta omogenea ad ogni apertura del gas con la mappa Street. Nulla da dire sull’elettronica della Duke: già ottima sul 790, sull’890 è ancora più raffinata ed equilibrata nel suo eventuale intervento. E c'è anche il Launch Control!

L’altro aspetto che è decisamente migliorato riguarda le sospensioni. Finalmente quella taratura (inutilmente) secca nella risposta è stata rivista a favore di una forcella e di un monoammortizzatore che, nella prima parte di escursione, filtrano sapientemente le asperità dell’asfalto. Il pavè non è più un supplizio, ma viene digerito efficacemente. Se invece si alza il ritmo, le sospensioni offrono più appoggio con il progressivo affondare del mono e della forcella. Tradotto: il beccheggio è percepibile, ma contenuto, affinché i trasferimenti di carico non compromettano la stabilità della moto. La moto risulta estremamente agile ma anche precisa in inserimento di curva, come un vero e proprio “bisturi per la strada”. Insomma, tra le curve la 890 Duke si conferma non solo più divertente della - già divertente - 790, ma regala una maggior sensazione di maturità che prima le mancava. La frenata resta di buon livello, così come la posizione di guida da vera fun bike. Manubrio largo, pedane centrali e sella stretta al cavallo, così da favorire l’appoggio dei piedi a terra. Un altro dettaglio importante riguarda gli pneumatici di serie: le Continental ContiRoad sono decisamente migliori degli pneumatici Maxxis di serie sulla 790, poiché offrono più grip e più feeling.

IL VERDETTO

Dunque, eccoci alla resa dei conti. La KTM 890 Duke non è solo una 790 Duke con il motore più grande, ma si aggiudica il podio tra le migliori naked medie sul mercato. Perché, per il 2021, è veramente difficile decretare una vincitrice. La 890 Duke è una moto più matura e migliore sotto tutti gli aspetti che, sulla vecchia Duke, non mi convincevano. Un miglioramento non rivoluzionario come nel caso della 1290 Super Adventure S, ma decisamente più sostanzioso di quanto possa rappresentare quel “semplice” 8 al posto del 7 sul nome del modello.

Il prezzo cresce a 10.700 euro, ma è in relazione alle migliorie fatte. Insomma, la Duke non solo aumenta il suo rapporto qualità/prezzo/divertimento, ma riesce in un altro intento: quello di farmi capire che lei è cambiata, veramente, si è impegnata e i frutti si vedono eccome. Ma così come è tornata nella mia vita, se ne va verso nuovi orizzonti fatti di curve strette, impennate e sgommate. A presto, Duke. Prima non mi eri mancata, ma ora forse…

KTM 890 Duke 2021: Scheda tecnica

MOTORE Bicilindrico parallelo
CILINDRATA 889 cc
POTENZA 115 CV a 9.000 giri/min
COPPIA 92 Nm a 8.000 giri/min
PESO 169 kg a secco
PREZZO 10.700 euro

Abbigliamento della prova

  • Casco Shark Skwal Replica Zarco
  • Giacca Ixon Zephyr Air
  • Guanti Ixon RS Recon Air
  • Jeans Ixon Mike
  • Scarpe TCX Rush 2 Air

Pubblicato da Giorgio Sala, 14/08/2021

Tags
Gallery
Listino KTM 890 Duke
Allestimento CV / Kw Prezzo
890 Duke 115 / 85 10.700 €
890 Duke R 121 / 89 12.000 €

Per ulteriori informazioni su listino prezzi, caratteristiche e dotazioni della KTM 890 Duke visita la pagina della scheda di listino.

Scheda della KTM 890 Duke
Vedi anche
Logo MotorBox