Anteprima:

Aprilia Dorsoduro 1200


Avatar Redazionale , il 14/09/10

11 anni fa - Presentata a sorpresa la maxi motard Aprilia Dorsoduro.

Presentata a sorpresa la maxi motard Aprilia Dorsoduro. Per lei nuovo motore 1200 da 130 cv, ciclistica raffinata e controllo di trazione di serie.

Benvenuto nello Speciale INTERMOT COLONIA 2010, composto da 44 articoli. Seleziona gli articoli di tuo interesse cliccando il sommario INTERMOT COLONIA 2010 qui sopra, oppure scorri a fondo pagina la panoramica illustrata dell'intero speciale!

DEBUTTO A SORPRESA A sorpresa, e anticipando i tempi, il Gruppo Piaggio approfitta dell'inaugurazione del suo "corner" nel centro di Milano per presentare la prima delle sue novità 2011. Novità che però spicca ben poco soprattutto se confrontata con la Dorsoduro attuale con motore da 750 a cui somiglia in modo fin troppo evidente. E forse sarà proprio questo l'unico neo della nuova Aprilia Dorsoduro 1200: assomigliare troppo alla "piccola" che, diciamolo, è comunque bellissima. Abbiamo detto l'unico neo perché conoscendo quanto va bene la settemmezzo questa 1200 promette davvero scintille.

ANCORA PIÙ MAXI Che Aprilia stesse lavorando al nuovo motore grosso non era un segreto, molti però si aspettavano prima l'arrivo della Shiver con il nuovo bicilindrico.  Invece l'onore è toccato alla maxi motard che per l'occasione diventa ancora più maxi. L'occasione per mostrare la nuova Dorsoduro alla stampa è arrivata quasi a sorpresa, in contemporanea con l'inaugurazione da parte del presidente Colaninno del corner Piaggio in via Broletto, nel cuore di Milano a due passi da Piazza Affari, una piazza a cui Piaggio tiene molto... Non si sono dilungati in presentazioni tecniche gli uomini Piaggio, il comunicato rilasciato è scarnissimo, ma ci sono comunque tutte le informazioni che ci servono. Almeno per ora.

VEDI ANCHE


DUE CILINDRI DA 130 CV La nuova Dorsoduro 1200 monta un motore dal lay out ovviamente molto simile a quello della 750, anche in questo caso ci sono teste bialbero con distribuzione mista ingranaggi/catena, quattro valvole per cilindro, il ride by wire con tripla mappatura. Se al motore 750 si poteva imputare una potenza leggermente sottotono per competere con le avversarie del segmento, adesso anche i più esigenti crediamo non abbiano più molto da criticare. Per il V2 di 90° sono annunciati 130 cv a 8700 giri con una coppia di 115 Nm a 7.200 giri.

CONTROLLO DI TRAZIONE Potenza record nel segmento delle maxi motard, tenuta a bada da un sistema di controllo di trazione battezzato ATC (Aprilia Traction Control, debutto assoluto su una Aprilia) e da un sistema ABS a due canali disinseribili autonomamente.

TELAIO MISTO Quello che si vede è che l'ossatura (telaio misto, ammortizzatore laterale, andamento del forcellone) è in comune con la Dorsoduro attuale. Abbiamo potuto esaminare la moto da vicino notando come le sospensioni sono completamente regolabili (ammortizzatore e forcella USD da 43 entrambi marchiati Sachs) e i freni sono Brembo non più accoppiati però a dischi wave ma a "tradizionali" dischi tondi da 320 mm.

PIÙ PROTEZIONE Distinguere la Dorsoduro 1200 dalla settemmezzo sarà davvero mestiere per occhi allenati, anche se a un esame attento sulla 1200 si nota un cupolino differente (c'è una piccola palpebra in plexiglass) e paramani. Inoltre, la 1200 appare leggermente più imponente, "colpa" dello scarico differente (adesso ci sono due silenziatori piuttosto voluminosi al posto del singolo a uscita sdoppiata) e di un serbatoio che la scheda tecnica dichiara "ingrassato" di tre litri, da 12 a 15, a garanzia di una autonomia adeguata alla cilindrata. La nuova Dorsoduro sarà in vendita da Novembre a 11700 €.


Pubblicato da Stefano Cordara, 14/09/2010
Gallery
Intermot Colonia 2010
Logo MotorBox