Autore:
Valerio Colombo

CAVALLINO INDOMABILE Non ce n'è per nessuno. Se la pioggia non ci mette lo zampino, in questo momento la Ferrari e Sebastian Vettel sembrano avere qualcosa di più rispetto alla Mercedes. Il tedesco esce trionfatore dal Gran Premio del Belgio riportando una rossa sul gradino più alto del podio a Spa dopo 9 anni. Per lui sono 52 le vittorie, una in più della leggenda Alain Prost, tre delle quali maturate sulla spettacolare pista tra le Ardenne. Alle sue spalle un Lewis Hamilton comunque mai domo e un Max Verstappen bravo a raccogliere il massimo risultato possibile. Niente da fare per Kimi Raikkonen, toccato al via da Daniel Ricciardo in seguito a uno spettacolare incidente. Ma andiamo per ordine...

PRONTI, PARTENZA... BOOM! Ci sono le nuvole ma non la tanto temuta pioggia al momento dello spegnimento dei semafori sul tracciato di Spa-Francorchamps. Il poleman Lewis Hamilton scatta bene dal via seguito da Sebastian Vettel e dalle due Force India di Perez e Ocon, ma è dietro che si scatena il caos. Hulkenberg, partito dalle retrovie, frena tardi alla curva-1 e prende in pieno il retrotreno della McLaren di Alonso che decolla e finisce sopra la Sauber di Leclerc. L'incidente è spettacolare e causa il ritiro di tutti e tre ma, grazie anche all'Halo, nessuno si è fatto male. Nel mentre sul lato interno della pista Bottas tampona la Williams di Sirotkin, mentre danni collaterali si contano anche per Raikkonen, che fora la posteriore sinistra colpito da Ricciardo e sarà costretto al ritiro pochi giri dopo, e per lo stesso australiano della Red Bull, a sua volta toccato in precedenza da Alonso e senza più alettone posteriore.

SEB & MAX SHOW Pochi istanti dopo, sul rettilineo del Kemmel, in quattro approcciano insieme la staccata di Les Combes: Vettel ha la meglio, sorpassa e tiene dietro Hamilton e i due della Force India. Dopo l'inevitabile ingresso della Safety Car la gara riparte al termine del 4° giro con Vettel che prende pian piano un margine su Hamilton (3"-4") e mantiene la prima posizione. Bottas comincia la sua rimonta dalle retrovie, mentre Max Verstappen dà spettacolo al settimo giro sorpassando a Les Combes il francese Esteban Ocon. La manovra vale la quarta posizione all'olandese, e un tripudio di magliette arancioni che saltano in piedi anche tre giri dopo, quando il loro idolo concede il bis su Sergio Perez e conquista il podio virtuale.

SOSTA PERFETTA! La gara scorre via tranquilla fino all'inizio della girandola dei pitstop. Al 22° giro entra Lewis Hamilton che monta la gomma Soft e rientra alle spalle della Red Bull di Max Verstappen. Sebastian Vettel lo segue il giro successivo e mette la sua Ferrari davanti all'olandese, subito passato da Lewis sul Kemmel. Non sono più tre i secondi di margine tra Seb e Lewis ma poco meno di 2", con ancora 21 giri prima della bandiera a scacchi, ma il tedesco oggi è in vena e, complice anche un errorino del britannico, riporta subito il suo vantaggio sopra i 3". Le soste per il resto del gruppo iniziano attorno al 25° giro e terminano con quella di Valtteri Bottas al 30°. Alle spalle degli imprendibili leader ci sono Verstappen, Perez, Ocon, Bottas, Grosjean e Magnussen, quando mancano 15 giri al termine.

VITTORIA IN CARROZZA Nell'ultimo terzo di gara Lewis Hamilton non tira certo subito i remi in barca ma oggi era impossibile non affondare sotto i colpi di Sebastian Vettel, in grado di dilatare via via il vantaggio della sua Ferrari sulla Mercedes del campione del mondo e proporre un ritmo insostenibile per chiunque. Ad animare le ultime tornate ci pensa Valtteri Bottas che con gomme fresche dà l'assalto alla quarta posizione sorpassando le due Force India, prima quella di Esteban Ocon, poi quella di Sergio Perez. Termina così, con il tripudio rosso per Sebastian Vettel, che accorcia a 17 punti il margine su Lewis Hamilton, secondo. Sul podio anche Max Verstappen davanti a Valtteri Bottas, Sergio Perez ed Esteban Ocon. Nei restanti quattro posti a punti finiscono le due Haas-Ferrari di Grosjean e Magnussen, la Toro Rosso-Honda di Gasly e la Sauber-Ferrari di Marcus Ericsson.

RISULTATI GARA

Pos. Pilota Team Giri Tempo/Gap
1 Sebastian Vettel Ferrari 44 1:23:34.476
2 Lewis Hamilton Mercedes 44 +11.061s
3 Max Verstappen Red Bull-Tag Heuer 44 +31.372s
4 Valtteri Bottas Mercedes 44 +63.605s
5 Sergio Perez Force India-Mercedes 44 +71.023s
6 Esteban Ocon Force India-Mercedes 44 +79.520s
7 Romain Grosjean Haas-Ferrari 44 +85.953s
8 Kevin Magnussen Haas-Ferrari 44 +87.639s
9 Pierre Gasly Toro Rosso-Honda 44 +105.892s
10 Marcus Ericsson Sauber-Ferrari 43 +1 lap
11 Carlos Sainz Renault 43 +1 lap
12 Sergey Sirotkin Williams-Mercedes 43 +1 lap
13 Lance Stroll Williams-Mercedes 43 +1 lap
14 Brendon Hartley Toro Rosso-Honda 43 +1 lap
15 Stoffel Vandoorne McLaren-Renault 43 +1 lap
NC Daniel Ricciardo Red Bull-Tag Heuer 28 Ritiro
NC Kimi Räikkönen Ferrari 8 Ritiro
NC Charles Leclerc Sauber-Ferrari 0 Incidente
NC Fernando Alonso McLaren-Renault 0 Incidente
NC Nico Hulkenberg Renault 0 Incidente

TAGS: vettel Raikkonen Hamilton GP Belgio f1 2018 f1 2018 gp belgio GP Belgio 2018