Autore:
Andrea Minerva

LA RIMONTA DI “ROCS” Il Campionato Italiano Rally si appresta ad entrare ancora di più nel vivo della stagione 2019 con il terzo appuntamento del calendario, uno dei più affascinanti: la “Targa Florio”. Tra i primi ad essere chiamati in causa, nel novero dei favoriti e di chi necessita di fare punti “pesanti” e importanti per la Classifica di campionato, ci sono certamente Luca Rossetti e Eleonora Mori, l’equipaggio ufficiale di Citroen Italia, in gara con la Citroen C3 R5. L’attuale quarto posto nella graduatoria generale della Serie tricolore potrebbe essere fonte di qualche preoccupazione ma va ricordato che il distacco dalla vetta è di soli 7 punti. Oltre a questo, “Rocs” e Eleonora potranno contare come sempre su di un supporto tecnico di livello straordinario, a partire dall’assistenza in gara della struttura di Fpf Sport di Fabrizio e Michele Fabbri, abituale partner del gruppo Psa nei rally italiani. A questo si aggiunge un altro elemento non da poco, ovvero gli pneumatici Pirelli, che in una gara come il “Targa Florio” si riveleranno ancora più fondamentali che altrove; il rally siciliano, oltre a proporre un percorso particolarmente tecnico e tortuoso, è caratterizzato infatti anche da un asfalto molto abrasivo, vero e proprio “mangia gomme”. E’ chiaro che la giusta scelta della mescola, nel consueto compromesso tra efficienza, velocità e durata, può fare una differenza enorme, decisiva. Fino a questo momento, Luca Rossetti e Eleonora Mori hanno ottenuto un terzo posto nella gara di apertura del Cir 2019, e un quarto posto nel successivo Rallye di Sanremo, è quindi chiaro che il Rally Targa Florio rappresenta un momento fondamentale per puntare ai primi due posti della classifica.

“A CURSA” E’ in questo modo che da sempre i tifosi e gli appassionati siciliani hanno ribattezzato la “Targa Florio”, gara nata come prova di velocità, destinata nel tempo ad essere anche una tappa del Campionato Mondiale Prototipi, e poi diventata un rally, ormai da molto tempo inserito nel calendario del Campionato Italiano della specialità. Quella di quest’anno sarà l’edizione n.103 della gara siciliana che come sempre, data la conformazione del tracciato, si presenta incerta e non è difficile prevederlo, anche molto combattuta. La lunghezza totale del percorso sarà di 558 chilometri, 151 dei quali destinati alle 17 prove speciali in programma. Il parco assistenza sarà situato presso il Molo Trapezoidale del porto di Termini Imerese mentre la gara prenderà il via venerdì pomeriggio alle 16, come di consueto dalla “Piazza Massimo” (Piazza Giuseppe Verdi) di Palermo. L’arrivo è invece previsto nella serata di sabato presso il Belvedere di Termini Imerese. Oltre a queste informazioni, non va dimenticato che il rally non sarà animato solamente dai circa 40 iscritti alla gara del Cir ma anche dalle 47 vetture del “Coppa Rally di Zona” e da quelle dell’immancabile e sempre suggestivo “Historic Rally”. Di seguito, riportiamo le dichiarazioni di Luca Rossetti e Eleonora Mori (Citroen C3 R5 – Citroen Italia) raccolte nei momenti che anticipano l’inizio dell’edizione n.103 del “Targa Florio”.

Luca Rossetti: «Dopo l’amarezza del Sanremo, dove abbiamo sfiorato il podio, affrontiamo ora un’altra gara simbolo del rallismo, la Targa Florio, una delle mie gare preferite che si disputa in una terra, la Sicilia, cui sono particolarmente legato. Il percorso di gara è abbastanza atipico rispetto a tutti gli altri del Campionato Italiano, con prove di solito molto veloci dove le posizioni di testa saranno giocate sul filo dei decimi, anche in considerazione dell’alto livello dei concorrenti. Credo che le PS di Polizzi e di Cefalù faranno la differenza in classifica, mentre sono un gradito ritorno, dopo tanto tempo, le Speciali Targa e Tribune. Come al solito, io ed Eleonora ce la metteremo tutta per cogliere un risultato all’altezza delle competitività della nostra ancor giovane Citroen C3 R5, supportati dalle qualità degli pneumatici Pirelli e dall’esperienza della nostra équipe tecnica guidata da Fabrizio Fabbri».

Eleonora Mori: «Puoi avere tanta esperienza, ma è sempre una grande emozione essere al via della più antica gara automobilistica al mondo, in più circondati dall’entusiasmo e dal calore contagiosi degli spettatori siciliani. La Targa è una gara tradizionalmente complicata, non solo perché molto veloce ma anche perchél’aderenza varia moltissimo in base alle condizioni meteo: da qui la necessità di azzeccare la scelta giusta di gomme. Mio compito sarà quello di dare a Luca il massimo supporto per disputare al meglio questa gara e puntare ad un buon risultato finale».


TAGS: citroen italia citroen c3 r5 cir 2019 Rossetti rally targa florio 2019

Allegato Dimensione
Tabella Distanze e Tempi Targa Florio Cir 2019.pdf 132 Kb
Programma Targa Florio Cir 2019.pdf 187 Kb
Elenco iscritti Targa Florio Cir 2019 .pdf 555 Kb
Mappe Targa Florio Cir 2019.pdf 3644 Kb