Anteprima

Subaru XV BI-Fuel


Avatar di Andrea  Rapelli , il 26/07/12

9 anni fa - La crossover delle Pleiadi si gasa

Il marchio delle Pleiadi prova a sconfiggere la crisi con la Subaru XV BI-Fuel. La nuova arrrivata promette buone prestazioni e autonomia da raid con costi contenuti, anche se il prezzo è ancora top secret.

PATRIMONIO GENETICO È dal 2000 che la doppia alimentazione fa parte del patrimonio genetico delle Pleadi. E adesso, complice il caro-benzina, la pensata appare naturale, oltre che logica: Subaru XV BI-Fuel, capace di funzionare sia a nettare ottanico, sia a GPL.

VEDI ANCHE



DUO RISPARMIO A beneficiare della GPL-cura ci sono due cuori: il 1.6 da 110 cv e il 2 litri da 148. Quando si usa la Subaru XV BI-Fuel a Gas di Petrolio Liquefatto il quattro cilindri boxer più piccolo perde 4 cv e 15 Nm di coppia (135 contro 150) mentre il fratellone ne lascia per strada solo 3, senza dimenticare i 16 Nm (180 invece di 196, con picco a quota 3.500). Ancora buio sui dati di accelerazione mentre la velocità massima è sostanzialmente identica a quella delle versioni pure. Si conoscono bene, invece, i consumi combinati dichiarati: viaggiando a benzina, la 1.6 percorre 6,5 l/100 km, che diventano 8,9 a GPL. La 2 litri beve un po' di più, con 6,9 l/100 nel ciclo misto a verde e 9,6 a gas. L'autonomia totale? Circa 1.450 km.

DETTAGLI Se da fuori la Subaru XV BI-Fuel s'arrricchisce solo di un mini badge sul portellone, dentro le uniche modifiche vanno ricercate sulla consolle centrale. Qui, vicino al cambio, c'è infatti il pulsante per la commutazione dell'alimentazione. A corredo, alcuni led che indicano il livello di GPL contenuto nel bombolone toroidale da 48 litri alloggiato nel bagagliaio.


Pubblicato da Andrea Rapelli, 26/07/2012
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox