Anteprima:

Peugeot 308 SW Prologue


Avatar Redazionale , il 30/08/07

14 anni fa - Sotto il vestito, la futura 308 SW

La 308 non è ancora arrivata dai concessionari che la Peugeot già sforna la futura versione SW. Per ora la chiama SW Prologue e la presenta come concept car, giusto per tastare il polso alla clientela. In realtà possiamo già chiamarla SW e basta, anche se quella vera arriverà nel primo semestre 2008. Per vederla dal vivo d'obbligo un viaggio a Francoforte.

IL PROLOGO Finalmente un'auto con un nome in sintonia con i suoi contenuti: Prologue. Per quanto spacciata come concept car la 308 Prologue anticipa di fatto la vera 308 SW che vedremo al Salone di Ginevra in marzo e dai concessionari entro l'estate. Un bel prologo, con qualche mese di tempo per ripensarci su e magari apportare qualche modifica. In realtà sono i tempi previsti dal marketing per cadenzare le uscite di nuove versioni della 308, in modo da mantenere sempre alta l'attenzione su questo modello che sta per iniziare la sua vita commerciale.

PRONTA PER L'USO Quasi certo quindi che la 308 SW sarà come la vediamo oggi. Non solo perché la storia passata di questi annunci insegna, ma anche perché la linea della 308 Prologue è una perfetta evoluzione della 308, e proprio non si vede cosa si potrebbe togliere di superfluo. La formula SW introdotta per prima dalla Peugeot nel 2002 è rispettata nei minimi termini, con il risultato di presentare una vettura a metà strada tra la station wagon classica e la monovolume, spaziosa per gli ospiti e per i bagagli, versatile ma con una linea che non rinuncia ai contenuti di sportività presenti nella berlina.

PANORAMICA La coda si evolve come naturale prosecuzione di un disegno molto affusolato che prende spunto da una bocca aperta come poche, per continuare con un cofano lungo e teso che si raccorda quasi senza cambiare angolazione con un parabrezza ampio e inclinato. Conclude l'opera un tetto panoramico in vetro che si estende fino al posteriore portando luminosità e ampia visibilità esterna in tutto l'abitacolo.

ARMONIOSA Una linea ben armonizzata tra anteriore e posteriore che si apprezza soprattutto nella vista laterale, con una linea di cintura che sale senza indugi fino al montante posteriore. I montanti centrali scuri, le spalle muscolose, la sezione vetrata ridotta e una fiancata attraversata da una nervatura che pare uno sfregio, sono tutti in perfetta sintonia con il look aggressivo sposato dalla Casa del Leone.

DIVERSA La coda accenna un po' allo stil novo introdotto con la 207 SW, ma è molto meno leziosa, senza quel motivo a freccia frutto dell'unione tra parabrezza e luci posteriori che caratterizza la sorellina. Anche qui i due fari posteriori si inseriscono nella fiancata fino a lambire i passaruota posteriori, ma sono meno invasivi, e il risultato finale moltopiù elegante e leggero che non sulla 207 SW. Non una fotocopia insomma, come d'uso tra altri produttori.

QUASI UNA MONOVOLUME Abitabilità e volume di carico sono a livelli elevati, favoriti da una struttura alta della 308 berlina e sfruttata a dovere dalla Prologue/SW che ne accentua le caratteristiche. Comprese quelle di carico, con un portellone che si apre fino alla base del pavimento e da un lunotto che si può aprire indipendentemente dal portellone. La Peugeot non svela la volumetria del bagagliaio, ma è sufficiente dare un'occhiata alle dimensioni per intuirne l'abbondanza: la 308 Prologue è lunga 4,5 metri, larga 1,85 e alta 1,56, con un passo di 2,7 metri. Più ampia della Renault Scénic (salvo che in altezza) giusto per fare un confronto.

FINO A SETTE Ci si sta in cinque, ognuno su un sedile singolo (anche dietro) e con la possibilità di aggiungerne due nella terza fila estendendo l'abilità a sette persone. Ogni sedile è ripiegabile e asportabile per favorire la massima versatilità e modulabilità. Anche il sedile passeggero è ripiegabile consentendo di caricare oggetti lunghi più di tre metri.

TROPPO LUSSUOSA Difficilmente la Prologue si modificherà nel passaggio dalla passerella del Salone di Francoforte, dove verrà esposta in anteprima, alla linea di montaggio. Se qualcosa dovrà cambiare sarà probabilmente solo nell'allestimento interno, qui realizzato con pelle pregiata e fin troppo lussuosa per una vettura da famiglia. Quanto alla plancia è la stessa della 308, con gli strumenti protetti da una grossa palpebra e la plancia centrale che si raccorda con il tunnel offrendo una leva del cambio corta e sollevata.

ECOLOGICA La Prologue è dotata del 2.0 litri HDi FAP da 136cv, fiore all'occhiello della tecnologia Psa e frutto della collaborazione del Gruppo francese con Ford. Un motore poco inquinante, dotato di ottime prestazioni e quasi astemio visti i consumi ridottissimi. Non sarà comunque l'unico a spingere la futura 308 SW. Da qui alla prossima primavera c'è comunque tempo per altre sorprese.
Pubblicato da Gilberto Milano, 30/08/2007
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox