Autore:
Luca Cereda
Pubblicato il 23/10/2013 ore 17:02

RITORNO AL PASSATO C’erano una volta le spider di Honda, come la S600 degli anni Sessanta o la Beat del 1991. Tempi in cui il marchio nipponico trasmetteva agli appassionati europei più sportività ed emozione di quanto faccia oggi con i propri prodotti, apprezzabili semmai per altre qualità. Ora Honda prova a rinverdire i fasti perduti con questa Honda S660 concept, prototipo di una mini-cabrio dal look aggressivo che andrà in scena tra qualche settimana al Tokyo Motor Show 2013.    

SPECULAR NON NUOCE Sognare non costa nulla ma potrebbe rivelarsi inutile. Al momento infatti non ci sono abbastanza indizi per mettere a fuoco il futuro della Honda S660 concept e del modello di serie che ne uscirà fuori. Una kei-car per il Giappone? Le misure compatte e il suo motore da 660cc (di qui il nome) suggerirebbero questo. Ma la suggestione di un possibile ritorno della Beat è forte, alimentata dalle proporzioni della S660 concept, che paiono ricalcare proprio quelle della Beat. Quasi come se la S660 concept ne fosse una reinterpretazione in chiave moderna, realizzata partendo dalla concept EV-ster del 2011 ed equipaggiata, stavolta, non più con un propulsore elettrico ma con un più tradizionale motore termico da 64 cv e una trasmissione CVT. Che, in ottica di una futura esportazione nel mercato occidentale, si vedrebbe sostituito da un mille dalla potenza intorno ai 100 cv.


TAGS: honda s660 concept tokyo motor show 2013