Pubblicato il 15/09/20

PASSAGGIO DI TESTIMONE Rivoluzione sotto il cofano per i due maxi-SUV di Ingolstadt, che lasciano in box il vecchio V8 turbodiesel per far spazio a un otto cilindri biturbo benzina, lo stesso propulsore già montato su Bentley Continental GT V8 e Lamborghini Urus, ma in versione depotenziata, con “soli” 507 CV.

Audi SQ7 e SQ8

DIMENSIONI

Audi SQ7: visuale di 3/4 anteriore

Non cambiano i generosi ingombri delle due maxi di casa Audi: SQ7 misura poco più di cinque metri di lunghezza per quasi due di larghezza, con un passo che sfiora i tre metri. Per i più precisi, le misure esatte sono 5,07 m x 1,97 m x 1,74 m, con passo di 2996 mm. SQ8 misura invece 5,01 m da paraurti a paraurti, è largo 2 m e alto 1,71 m. Invariato il passo. La capacità del bagagliaio è, rispettivamente, di 785 litri (1990 nella configurazione a due posti) per SQ7, 605 litri (1755) per SQ8.

ESTERNI

Audi SQ7: la griglia anteriore

All’esterno, le versioni incattivite dei suv Q7 e Q8 si distinguono per la enorme griglia ottagonale con doppi listelli cromati, con una massiccia cornice in argento opaco, le calotte degli specchietti retrovisori in look alluminio, le protezioni sottoscocca in grigio selenite e i quattro terminali di scarico. In alternativa, a richiesta, c’è il pacchetto look nero per avere la caladra in total black, oppure quello con le finiture in fibra di carbonio (solo per SQ8). I gruppi ottici anteriori sono full LED su SQ8, e a LED nella configurazione Audi Matrix - con indicatori di direzione dinamici - per le versioni sport attitude delle due automobili. 

Audi SQ7: il posteriore sportivo

DISCHI FRENANTI Di serie per entrambe i cerchi in lega da 21 pollici (da 22” su richiesta), con un impianto frenante che monta dischi autoventilanti da 400 mm all’avantreno e 350 mm al retrotreno. Le pinze con il logo S sono verniciate di nero, o volendo in rosso. Aumentati di 20 mm i diametri dei freni carboceramici optional, con pinze in grigio antracite.

INTERNI

Audi SQ7: gli interni

Non particolarmente marcati i problemi di abitabilità all’interno dei due maxi SUV tedeschi, complice anche il passo di quasi tre metri, che permettono anche ai passeggeri della terza fila (disponibile su SQ7) di stare comodi. Di serie, per entrambi i modelli, sedili sportivi che, a richiesta, possono avere anche poggiatesta integrati e fianchetti più contenitivi. Come per gli altri modelli S, anche qui gli schienali sono impreziositi dalle cuciture del logo S. Completano la dotazione volante sportivo, pedaliera in acciaio inox, inserti in alluminio spazzolato (volendo, in carbonio o radica), luci ambientali a LED. 

INFOTAINMENT

Il cruscotto è naturalmente digitale, da 12,3”, controllato tramite il volante multifunzione e che, nella configurazione plus, offre una grafica specifica per gli sportivi, con il contagiri al centro e i valori percentuali di potenza e coppia erogati in tempo reale.

I due sedili con poggiatesta integrato di Audi SQ7

COME UNO SMARTPHONE A centro plancia campeggia invece il grande schermo touchscreen da 10,1 pollici del sistema MIB3, ancora più veloce nella risposta dei comandi e capace di dialogare con il conducente in linguaggio naturale (con il comando “Ehi Audi”), oppure tramite Alexa di Amazon. Di serie, troviamo il supporto per Android Auto e Apple CarPlay, la radio digitale DAB+ e il sistema di navigazione MMI plus, connessione LTE per i servizi connessi (traffico in tempo reale, servizi Car2X) e per la creazione di un hotspot nell’abitacolo. Su richiesta nella versione base, e di serie su quella sport attitude, la piastra per la ricarica wireless dello smartphone. Un secondo schermo touch da 8,6 pollici, nella parte bassa della console, si occupa di controllare le funzioni del climatizzatore (a quattro zone, di serie).

SUPER MEGA STEREO Gli amanti dell’hi-fi potranno godere, su SQ7 e SQ8 sport attitude, di un impianto Bang & Olufsen con 17 altoparlanti e 730 Watt di potenza. I più esosi potranno anche richiedere la variante con 23 altoparlanti e 1.920 Watt di potenza.

ADAS

Audi SQ8: gli enormi cerchi da 23

Nonostante il prezzo delle due maxi SUV, la dotazione di serie dei sistemi di assistenza alla guida si limita al mantenimento di corsia, al riconoscimento della segnaletica stradale e i sistemi pre sense front e basic, che si occupano di frenare l’auto in caso di impatto imminente, pretensionare le cinture e chiudere i cristalli. Per godere di maggior supporto da parte della tecnologia occorre passare alle versioni sport attitude, dove troviamo l’assistente adattivo alla guida, l’assistente alla svolta (utile agli incroci con svolte a sinistra), il collision avoid assist che assiste il conducente quando si cerca di evitare un ostacolo, e il parcheggio automatico con telecamera a 360°.

MOTORE

Audi SQ7: visuale di 3/4 anteriore

Pensionato il V8 TDI, sotto il cofano dei due maxi SUV tedeschi batte adesso un V8 4.0 biturbo da 507 CV e 770 Nm di coppia, con cambio automatico tiptronic a 8 rapporti e trazione integrale quattro. Di serie, anche le sospensioni pneumatiche (che variano l’altezza da terra fino a 90 mm) e lo sterzo sulle quattro ruote motrici. Alle basse velocità, le ruote posteriori sterzano in controfase fino a cinque gradi, favorendo la maneggevolezza e riducendo il raggio di sterzata; sopra i 60 km/h, le ruote sterzano in fase, per una maggiore stabilità.

PRESTAZIONI TOP Impressionante lo scatto 0-100 km/h, coperto in 4,1 secondi, mentre il passaggio da 80 km/h a 120 km/h richiede solo 3,8 secondi. La velocità massima è di 250 km/h, limitati automaticamente. 

CONSUMI Il motore prevede il sistema di disattivazione automatica di quattro degli otto cilindri in caso di carichi medi o ridotti, a tutto beneficio di consumi ed emissioni. A questo proposito, i valori dichiarati da Audi sono:

  • SQ7: 12/12,6 litri/100 km | 273 g/km di CO2
  • SQ8: 12,6/12,9 litri/100 km | 286 g/km di CO2

Audi SQ7: visuale laterale

TRAZIONE QUATTRO In condizioni di marcia normali, il differenziale centrale autobloccante ripartisce la coppia secondo il rapporto 40:60 tra avantreno e retrotreno. Quando l’aderenza comincia a scarseggiare, la potenza viene trasferita all’assale che garantisce una maggiore trazione, fino a un massimo del 70% all’avantreno e all’85% al retrotreno. Di serie, SQ7 e SQ8 hanno poi una gestione selettiva della coppia sulle singole ruote, che invia piccoli impulsi di frenata alle ruote interne alla traiettoria, prima ancora che perdano aderenza, così che il differenziale possa trasferire la spinta alle ruote con il grip migliore. Su richiesta, è disponibile il differenziale posteriore sportivo

PREZZI E DISPONIBILITÀ

I due grossi SUV di Ingolstadt arriveranno nelle concessionarie italiane già dal prossimo mese di ottobre, in sostituzione dei rispettivi modelli con motore a gasolio. SQ7 TFSI costerà 104.200 euro, che diventano 114.250 per la versione sport attitude. Il listino di SQ8 TFSI parte invece da 112.000 euro; la variante sport attitude costa invece 121.700 euro.


TAGS: audi Audi SQ7 audi sq8 Audi SQ7 V8 benzina Audi SQ8 V8 benzina