Pubblicato il 19/03/2020 ore 12:35

TELEFONO IN AUTO Nelle nostre prove auto parliamo sempre di Android Auto e Apple CarPlay, ma di cosa si tratta, esattamente? A cosa servono? Come si configurano, e cosa è necessario per poterli utilizzare? Quali app sono supportate, e su quali auto si possono utilizzare? In questa guida ci concentriamo in particolare su tutto quello che c'è da sapere su Apple CarPlay

SICUREZZA, SEMPRE I più recenti sistemi di infotainment delle automobili permettono di ascoltare musica e muoversi agilmente nel traffico, ma gli smartphone mettono a disposizione strumenti più evoluti, che ci permettono di muoverci nel traffico, di ascoltare musica e di essere collegati con chiunque, in qualsiasi momento. Quando si è al volante, però, è bene non usare affatto lo smartphone, anche se la tentazione è forte. Apple CarPlay, come Android Auto, consente di utilizzare il telefono in auto in maniera sicura, mantenendo la concentrazione sulla strada.

COS’È APPLE CARPLAY

CarPlay è lo standard sviluppato da Apple che consente di collegare il proprio iPhone all’automobile. Fa in modo che lo schermo del sistema di infotainment dell'auto visualizzi una versione semplificata del menu dello smartphone, con le sole icone delle app che possono essere usate in auto, tra quelle installate sul telefono. CarPlay consente di impartire comandi vocali a Siri, l'assistente virtuale di iPhone, permettendo al conducente di gestire alcune funzioni e dettare messaggi senza togliere gli occhi dalla strada (vedi il paragrafo Come usare CarPlay per capire come si utilizza). CarPlay non rimpiazza il sistema di infotainment della vettura, a cui è sempre possibile tornare in qualsiasi momento. Inoltre non funziona autonomamente sullo schermo del proprio telefono, ma richiede che l'auto abbia un sistema di infotainment compatibile.

Apple CarPlay: la nuova interfaccia

COME FUNZIONA APPLE CARPLAY

Per utilizzare Carplay bisogna prima di tutto collegare lo smartphone all'auto, tramite un cavetto USB o senza fili (vedi più avanti il paragrafo Come impostare CarPlay). Una volta attivato, CarPlay rende accessibili dal display dell'auto tutti i contatti, i messaggi, il registro delle chiamate, la musica e le app compatibili. Si può accedere a tutte queste informazioni in tre modi diversi: con i comandi vocali di Siri, con lo schermo touch dell’automobile, e con gli eventuali tasti fisici che controllano il sistema di infotainment. I comandi vocali di Siri possono essere attivati con un pulsante presente sul volante: una volta premuto, si può lanciare una playlist di canzoni, dare indicazioni del navigatore, dettare o ascoltare messaggi.

LE NOVITÀ DI APPLE CARPLAY CON iOS 13

Le ultime modifiche apportate da Apple a CarPlay con l’uscita di iOS 13 hanno modificato leggermente la schermata principale, che ora è in grado di mostrare più di una app alla volta. Sono cambiate anche alcune delle icone e delle animazioni, così da ridurre la necessità di controllare lo schermo e tenere maggiormente gli occhi sulla strada. L’altra importante novità, quando si apre una app sul telefono, è che lo schermo dell’infotainment continua a mostrare quella in uso. Questo vuol dire che se state utilizzando Waze, e sbloccate il telefono per cambiare la playlist di Spotify, per esempio, la mappa di navigazione continua a rimanere visualizzata sullo schermo dell’auto. Da ultimo, Siri è finalmente in grado di interagire con applicazioni di terze parti, e non solo quelle sviluppate da Apple: si possono quindi impartire comandi come “Ehi Siri, portami a casa usando Google Maps”, oppure “Ehi Siri, fammi sentire una playlist di punk celtico su Spotify”.
L'aggiornamento 13.4 di iOS, uscito il 25 marzo, aggiunge il supporto per le app di navigazione di terze parti: questo vuol dire che nella dashboard (la schermata principale) è possibile avere in primo piano Google Maps o Waze, al posto di Mappe di Apple. L'altra novità è la visualizzazione sullo schermo dell'infotainment delle informazioni relative a eventuali chiamate in corso, come accade sul display dello smartphone.

COSA SERVE PER USARE APPLE CARPLAY

Molto semplicemente: dovete possedere un'auto compatibile, ma più di tutto un iPhone. Quale modello? I dispositivi attualmente supportati sono tutti quelli usciti dopo l’iPhone 5, e per l’esattezza:

  • iPhone 11/iPhone 11 Pro/iPhone 11 Pro Max
  • iPhone XS/iPhone XS Max
  • iPhone XR
  • iPhone X
  • iPhone 8/iPhone 8 Plus
  • iPhone 7/iPhone 7 Plus
  • iPhone 6s/iPhone 6s Plus
  • iPhone 6/iPhone 6 Plus
  • iPhone SE
  • iPhone 5s/iPhone 5c/iPhone 5

Il collegamento con Apple CarPlay è possibile in due modi diversi: con o senza fili. Nel primo caso si usa il cavetto Lightning di serie: quello che usate anche per caricare il telefono e che in questo caso vi servirà per connettere l'iPhone alla presa USB dell’automobile. Due attenzioni: alcune auto hanno diverse prese USB, ma non tutte sono collegate al sistema di infotainment, e servono solo per caricare il telefono. Verificate quindi quali siano quelle “buone” per CarPlay: di solito sono identificate dall'icona di uno smartphone. Se invece sono ''anonime'', potete consultare il libretto di istruzioni dell'auto o - più semplicemente - procedere per tentativi. Ancora, sappiate che non tutti i cavi possono gestire la trasmissione dei dati dal telefono alla macchina e viceversa. I cavi forniti da Apple (che trovate nella confezione del telefono) supportano la trasmissione dei dati, ma non tutti quelli di terze parti - comprati altrove - sono in grado di farlo. Anche in questo caso, verificate presso il venditore, o fate una prova: se il telefono non viene rilevato correttamente, riceverete un messaggio di errore. In questo caso, provate a sostituire il cavo con uno originale. Il secondo metodo di collegamento tra auto e telefono è wireless, ma è una funzionalità aggiuntiva che dev’essere espressamente supportata dalla casa costruttrice dell'auto. È uno standard che sta lentamente diffondendosi, insieme alle piastre nella console per la ricarica senza fili del telefono; in questo caso, la connessione avviene tramite protocollo Bluetooth.

COME IMPOSTARE APPLE CARPLAY

Una volta che vi siete assicurati di avere un iPhone tra quelli supportati, e che l’auto abbia un impianto di infotainment compatibile, siete pronti per impostare Apple CarPlay. 

  • Per prima cosa, assicuratevi che Siri sia attiva sul telefono: andate su Impostazioni > Siri e Cerca e verificate che le funzioni Abilita “Ehi Siri”, oppure Premi il tasto Home per Siri o ancora Premi il tasto laterale per Siri siano attive (le indicazioni variano a seconda del modello di telefono)
  • Accendete la macchina: basta il solo quadro strumenti, non serve il motore, così non inquinate a vuoto
  • Collegate il telefono alla macchina tramite il cavo USB. La porta USB che supporta CarPlay potrebbe avere accanto l’icona di CarPlay o il simbolo dello smartphone. Poco dopo il collegamento del cavo dovreste vedere apparire sullo schermo dell'auto il menu di CarPlay. Se ciò non avviene, controllate le impostazioni, riprovate e se il problema persiste provate a sostituire il cavo
  • In alternativa, se l’auto supporta CarPlay in modalità wireless, premete e tenete premuto il pulsante per l’attivazione dei comandi vocali sul volante. Assicuratevi che l’impianto dell’auto sia in modalità wireless oppure Bluetooth. A questo punto, sul telefono andate in Impostazioni > Generale > CarPlay, scorrete la voce Auto disponibili e selezionate la vostra. Anche in questo caso il menu di CarPlay dovrebbe comparire sullo schermo dell'auto entro breve

Meglio il cavo o wireless? Il collegamento via cavo mantiene anche lo smartphone in carica: se scegliete la modalità wireless l'iPhone si scaricherà più rapidamente del normale, per via del trasferimento dei dati allo schermo dell'infotainment. Usare CarPlay senza fili è consigliabile solo negli spostamenti brevi e se le batterie del cellulare sono cariche. Nei lunghi tragitti è consigliabile solo se avete la possibilità di ricaricare lo smartphone senza fili, tramite l'apposita piastra a induzione nella plancia dell'auto.

Una schermata di Apple CarPlay

COME USARE APPLE CARPLAY

Come abbiamo visto, CarPlay può funzionare sia impartendo ordini a Siri sia utilizzando i comandi della macchina, siano essi lo schermo touchscreen dell’infotainment, le manopole o altri sistemi di comando come un touchpad. Ecco le operazioni più comuni che si possono compiere con Apple CarPlay:

  • Aprire una app: per aprire una app basta toccarne l’icona sul touchscreen, oppure - nel caso di controlli tramite rotella - girare la rotella fino a selezionarla, e premerla per avviare l’app.
  • Tornare a una app usata di recente: sul lato sinistro del touchscreen è presente una serie di icone che mostra le ultime app aperte. È sufficiente un tocco all’icona desiderata, o selezionarla con la manopola dell’infotainment dell’auto.
  • Scorrere un elenco: si possono toccare le lettere dell'elenco visibile a destra dello schermo, così da arrivare rapidamente alla lettera desiderata, oppure ruotare la rotella dell’infotainment.
  • Controllo della riproduzione audio: avviata l'app del lettore multimediale, si possono utilizzare i controlli per la riproduzione audio visibili nel relativo menu, oppure utilizzare eventuali comandi fisici presenti sulla console o sul volante. Se dal menu dell'app musicale siamo passati a quello principale Home, basta selezionare il comando In riproduzione, per richiamare il lettore multimediale.
  • Inviare messaggi: l’invio di messaggi - tramite le app compatibili - viene gestito dai comandi vocali impartiti a Siri. Per esempio, “Ehi Siri, manda un messaggio Whatsapp a mia moglie”, dettando successivamente il testo del messaggio.
  • Ricevere messaggi: lo schermo dell’infotainment visualizza la notifica dei messaggi ricevuti dalle app compatibili. Cliccando sulla notifica, Siri si occuperà di leggere il messaggio ad alta voce. Alla fine viene chiesto se si desidera rispondere o meno al messaggio e un'eventuale risposta è gestibile sempre attraverso i comandi vocali di Siri.
  • Usare il navigatore: sempre utilizzando i comandi vocali, Siri può avviare la navigazione usando l’app che preferite, tra quelle compatibili e installate sul telefono; in alternativa, se siete fermi e con il motore spento, per esempio prima di partire, potete impostare la destinazione usando il touchscreen come se fosse lo schermo del telefono. L’interfaccia delle app mostrata dall'auto è molto simile a quella che usate normalmente sul display del telefono.

DOPPIA VISUALIZZAZIONE La nuova versione di CarPlay uscita con iOS 13 permette di cambiare l'aspetto della schermata mostrata dall'infotainment dell'auto. Quella preimpostata è la cosiddetta Dashboard, che visualizza diversi elementi di interesse per l’utente: le indicazioni di guida, la traccia audio attualmente in riproduzione, suggerimenti di Siri ecc. Per tornare alla modalità di visualizzazione classica con le icone delle diverse app è sufficiente toccare l'icona con gli otto piccoli quadretti in basso a sinistra. Le app, come sul telefono, sono organizzate all’interno di pagine che possono essere sfogliate scorrendo lo schermo con il dito, da destra a sinistra, oppure ruotando la manopola di comando dell'infotainment dell'auto, se presente. Per ritornare alla modalità Dashboard si deve premere la medesima icona in basso a sinistra di prima, che ora avrà l'aspetto di una dashboard stilizzata.

QUALI APP SUPPORTANO APPLE CARPLAY

Le prime versioni di Apple CarPlay supportavano un numero molto ristretto di app, principalmente quelle realizzate dalla casa di Cupertino. Nel corso del tempo sono andate aumentando quelle di altri sviluppatori (ma non c’è dubbio che il numero ridotto di app di terze parti supportate rimane il principale punto debole di CarPlay). La lista è in continua espansione, ma tra le più importanti e usate segnaliamo:

  • Google Maps (navigazione)
  • Waze (navigazione)
  • WhatsApp (messaggistica)
  • Telegram (messaggistica)
  • Spotify (ascolto di musica)
  • Deezer (ascolto di musica)
  • Amazon Music (ascolto di musica)
  • Google Play Music (ascolto di musica)
  • Tidal (ascolto di musica)
  • Podcasts (ascolto di podcast)
  • Audiobooks (ascolto di audiolibri)
  • Audible (ascolto di audiolibri)

SCORCIATOIE Con iOS 13 Apple ha introdotto la possibilità di creare scorciatoie (Shortcuts) che gestiscono più di un’operazione alla volta, e che possono essere inserite sia sullo schermo del telefono che di CarPlay. Per esempio, è possibile avviare la navigazione, l’ascolto di una playlist, e l’accensione del termostato di casa, contemporaneamente, premendo solo il pulsante della scorciatoia che comprende queste azioni.

ORGANIZZARE LE APP IN APPLE CARPLAY

Esattamente come per il telefono, anche il menu Home di Apple CarPlay può essere organizzato in modo da visualizzare le app disponibili nell’ordine e nella posizione che si preferisce. In maniera forse poco intuitiva, la posizione delle app visualizzate in auto viene gestita dal telefono, e non tramite lo schermo touch del sistema di infotainment. Andate su Impostazioni> Generali > CarPlay, selezionate la vostra auto e cliccate su Personalizza. Usate i pulsanti accanto ai nomi delle app per trascinarle e cambiarne la posizione, oppure i pulsanti di aggiunta ed eliminazione per aggiungere o rimuovere app. Le modifiche saranno applicate dalla successiva connessione del telefono all’auto.

QUALI AUTO OFFRONO APPLE CARPLAY

Come dicevamo all’inizio, il numero di modelli di auto che supportano Apple CarPlay è in continua crescita. Non c’è dubbio che un simile sistema, esattamente come Android Auto, sia incredibilmente utile e funzionale, con il vantaggio di aggiornarsi molto più rapidamente di quanto sia possibile fare con un impianto di infotainment. Se ne sono accorti anche i costruttori, che infatti sempre più spesso ormai offrono i due standard di Apple e Google di serie sui nuovi modelli che presentano. Ecco l’elenco completo delle oltre 400 auto che supportano (di serie o a pagamento) Apple CarPlay.

Esistono anche impianti di terze parti per aggiungere CarPlay alla propria auto

COME POSSO AVERE APPLE CARPLAY?

Se la vostra auto non è nell’elenco di quelle che supportano il protocollo di Apple, ci sono due possibilità: la prima è che l’impianto attualmente montato sulla vostra auto possa essere aggiornato (spesso a pagamento) da un’officina autorizzata, aggiungendo quindi il supporto ad Apple CarPlay. Di solito questo vale per macchine che hanno due o tre anni sulle spalle. Tenete presente che CarPlay ha debuttato nel 2015. Se la vostra auto è più vecchia, o non è presente nell’elenco di cui sopra, potete ovviare acquistando un impianto aftermarket che integra CarPlay. Questa opzione è interessante per tutti coloro che non hanno intenzione di cambiare auto, almeno per un po’, ma non disdegnano l’idea di potersi muovere in maniera più sicura e connessa. Gli impianti venduti - tra gli altri - da Alpine, Blaupunkt Clarion, JVC, Kenwood, Sony e Pioneer hanno costi variabili indicativamente dai 200 euro agli 800 euro, in base alle esigenze di ciascuno, e aggiungono uno schermo touch di buone dimensioni, il supporto Bluetooth per le chiamate in vivavoce (anche da telefoni non connessi con Android Auto o Apple CarPlay), la radio DAB e la possibilità di leggere schede SD per la musica o altri formati multimediali.

IL FUTURO DI APPLE CARPLAY

Le automobili sono destinate a rimanere un elemento integrante delle nostre vite ancora per un bel pezzo, e non c’è motivo di ritenere che Apple CarPlay debba sparire da un momento all’altro. Nelle prossime release c’è da aspettarsi supporto per altre app, qualche miglioria all’interfaccia utente, e forse la possibilità di aprire e chiudere la macchina usando il proprio iPhone tramite la funzione CarKey, come vi abbiamo raccontato nell'articolo sulla chiave virtuale di iOS. Tra le altre novità prevedibili in arrivo nei prossimi mesi c'è il supporto per i nuovi schermi, di dimensioni e con risoluzioni maggiori.


TAGS: app iphone apple carplay infotaimnent