Pubblicato il 20/03/21

Era il 26 giugno 2019 quando Kia tolse i veli alla Xceed. Quel giorno ero a Francoforte, alla presentazione ufficiale e, oggi come due anni fa, mi colpiscono le sue linee aggressive e sportive. Nata come risposta della Casa coreana all’ondata di Suv compatti capitanati – a livello di vendite – da Volkswagen T-Roc, si presentava con una silhouette caratterizzata da linee morbide e proporzioni azzeccate. Dettagli tutt’altro che scontati quando si parla di sport utility vehicle che, personalmente, non ho mai trovato particolarmente affascinanti dal punto di vista estetico. La prima è stata la Jaguar F-Pace, dopo di lei solo la Xceed mi ha veramente catturato, soprattutto per le dimensioni perfettamente “nascoste” nel suo design.

 

SPAZIO A BORDO

Parlando proprio di dimensioni, la Kia Xceed rientra perfettamente nel segmento C con i 440 cm di lunghezza, 183 cm di larghezza, 150 cm di altezza e un passo di 265 cm. Il portellone del bagagliaio – disponibile anche con apertura elettrica – nasconde un vano di 426 litri che può salire a 1.378 litri reclinando la fila posteriore. La linea “da coupè” non penalizza troppo il bagagliaio, che presenta una forma regolare e molto ben sfruttabile. Complessivamente, lo spazio a bordo è in linea con un’auto di queste dimensioni: se posiziono il sedile di guida sulla mia altezza (180 cm), quando mi siedo dietro ho buono spazio per le ginocchia e anche per la testa. La fila posteriore, per tre adulti, è idonea per gli spostamenti a medio-corto raggio, anche perché lo spazio per i bagagli è sufficiente per quattro trolley da cabina. Molto comodo il posto del guidatore, il sedile è ben imbottito ed è finemente regolabile, il volante invece ha una corona sottile e tanti comandi (ma ben distribuiti) sulle razze.

INTERNI

Dentro alla Xceed c’è un bellissimo schermo touch da 10,25” posto al centro della plancia, ed è abbinato a un cluster digitale molto ampio e ben leggibile. Peccato che, oltre agli sfondi di dedicate alle modalità Eco, Normal e Sport, non ci sia la possibilità di vedere le mappe del navigatore. Inoltre, ci sono tanti tasti fisici per quanto riguarda la climatizzazione (in prossimità della leva del cambio manuale) e gli ADAS (a sinistra del piantone di sterzo) mentre a sfioramento sono quelli relativi all’infotainment (telefono, media, navigatore). Il layout delle schermate è molto user friendly e il sistema risponde rapidamente ai comandi. All’appello anche Apple CarPlay e Android Auto e anche il vano di ricarica wireless posto sotto ai comandi del climatizzatore. È ottimo per evitare facili distrazioni al telefono, ma… è anche facile dimenticarselo a bordo! Complessivamente, le finiture e la qualità degli interni è molto buona, ma di questo non c’è più da stupirsi quando si parla di Kia.

MOTORE E CONSUMI

La Kia Xceed protagonista della nostra prova monta il motore 1.6 quattro cilindri turbo diesel da 136 CV con tecnologia mild hybrid 48 Volt, che introduce il cambio manuale i-MT con la frizione ''clutch by wire'' che introduce la modalità coasting. Se si viaggia sopra ai 70 km/h a velocità costante e si rilascia l’acceleratore, la frizione si attiva automaticamente e il motore si spegne per veleggiare e risparmiare carburante. Una funzione che ho trovato molto efficace nei lunghi percorsi extraurbani, e devo dire che non è per nulla invasiva poichè spesso interviene senza nemmeno accorgersene. Il motore è un po’ rumoroso quando si supera quota 3.000 giri/min, ma sotto quella soglia non invade fastidiosamente l’abitacolo con il classico rumore da “dieselone”, tanto amato dal nostro Ernesto Carbone. Tra l’altro, a 130 km/h, si viaggia a 2.500 giri/min con consumi che si attestano sui 5,9 l/100 km (17 km/l) che si abbassano a 5,1 l/100 km (19,6 km/l) quando si viaggia in extraurbano. In città, invece, la Xceed attesta consumi sui 6,1 l/100 km (16,3 km/l).

COMFORT E TECNOLOGIA

Il comfort è decisamente un punto a favore di questo suv compatto, con un abitacolo insonorizzato e con gli ADAS “standard” per affrontare un viaggio fuori porta: avviso dell’abbandono della corsia e cruise control senza funzione adattiva, questo nonostante sia presente il radar anticollisione. Per una suite di aiuti completa (guida autonoma di livello 2) è consigliabile il pacchetto Advanced Driving Assistance Pack Plus (1.500 euro). Per migliorarvi la vita in città c’è lo Smart Parking Assist, che si avvale della telecamera posteriore e dei sensori di parcheggio anteriori e posteriori. Il sistema di parcheggio è piuttosto preciso e, inoltre, vi permetterà di entrare e di uscire dal posteggio senza alcuna fatica.

CAMBIO MANUALE

In un mondo auto con cambi automatici, il cambio manuale è visto spesso e volentieri come una “mancanza”. Ma qui, il cambio manuale, è tra i più tecnologici presenti sul mercato poichè gode della tecnologia ''clutch by wire'' il cui funzionamento è spiegato qui. Tranquili, funziona come un normalissimo cambio manuale, il che è perfetto quando trovate nel bel mezzo di una nevicata: con la strada in discesa completamente bianca, ringrazierete di poter gestire in autonomia il freno motore. Personalmente ho trovato questo cambio manuale uno dei migliori in assoluto. La frizione è contrastata “il giusto”, la tecnologia i-MT stacca in modo estremamente graduale e gli innesti del cambio sono morbidi. Il motore diesel e l’impianto 48 Volt vi permetteranno di partire senza mai toccare il pedale del gas. Morbido è anche il pedale del freno, che comunque resta molto modulabile, mentre l’impianto regala un buon mordente quando richiesto.

COME VA TRA LE CURVE E... SULLA NEVE

La Xceed tra le curve non ciondola, anzi, rimane piuttosto composta sia nel rollio sia nel beccheggio. Questo merito di un assetto un po’ rigido che non filtra le buche più accentuate e soffre un po’ sul pavè cittadino. Lo sterzo invece punta più sulla guida confortevole che a quella sportiveggiante. Il fatto che sia a trazione anteriore la aiuta sul piano dei consumi, ma se volete un mezzo per andare in montagna anche quando nevica… armatevi di buone gomme termiche e di catene. Peccato che un’auto piacevole come la Xceed non sia disponibile con la trazione integrale: visti i suoi 1.340 kg poteva diventare un’ottima scelta per chi bazzica in montagna d’inverno. È vero che il 4x4 andrebbe contro la sua indole da “suv dal design sportivo dalla guida tutt’altro che impegnativa”… ed è questo che mi lascia l’amaro in bocca.

VERDETTO E PREZZO

La Xceed è un'auto quasi tuttofare. Ha le giuste proporzioni, un buono spazio a bordo, uno stile dalla spiccata personalità, un pacchetto tecnologico completo, 7 anni di garanzia e un motore diesel ricchissimo di coppia già sotto i 1.800 giri/min. Il tutto, a un prezzo di 30.550 euro per l’allestimento High Tech. Personalmente, aggiungerei solo il pacchetto Advanced Driving Assistance Pack Plus da 1.500 euro. I quasi 2.000 euro per il cambio DCT, personalmente, non li spenderei visto che questo i-MT è molto tecnologico e, soprattutto, è fatto molto bene e difficilmente vi stancherà nell’utilizzo quotidiano.   


TAGS: prova diesel kia suv prova su strada mild hybrid come va cambio manuale kia xceed