Pubblicato il 22/12/2016 ore 17:30
LA CASA DI IWATA E IL MOTOCROSS Yamaha Motor Europe e Michele Rinaldi, Team Principal del Monster Energy Yamaha Factory Team, hanno celebrato insieme l’anniversario di uno straordinario rapporto collaborativo che ha avuto inizio ben 25 anni fa e che, in numerose occasioni, ha consentito al team ufficiale Yamaha di dominare nel Mondiale motocross.
 
NON UNO QUALUNQUE Nel 1984, Rinaldi vinse il titolo di Campione Mondiale FIM nella classe 125cc: fu il primo italiano a trionfare nel motocross dall'inizio delle competizioni, sotto l'egida della FIM, nel 1957. Grazie ai propri successi, Rinaldi è immediatamente diventato un punto di riferimento per gli appassionati italiani del tassello. La sua stella, in seguito, ha acquisito maggior splendore per via del suo importante ruolo di Team Manager e Team Principal, ma anche di partner tecnico e responsabile dello sviluppo, per Yamaha. Il rapporto con la Casa di Iwata ebbe inizio alla fine del 1991 e portò fin da subito gloriosi successi grazie ai due piloti americani Donny Schmit (Mondiale 1992) e Bobby Moore (Mondiale 1994), tra i soli sette piloti a stelle e strisce in grado di guadagnarsi la corona di Campioni del Mondo.
 
BINOMIO PERFETTO Di tutti i capitoli della lunga storia Yamaha-Rinaldi, che hanno visto l'evoluzione del Mondiale dalle classi 125, 250 e 500 a MX2 e MX1 e poi MXGP, il passaggio dei mezzi dai due ai quattro tempi, il debutto della YZ400F ed alcuni importanti progressi in termini di sviluppo per la gamma Yamaha YZ, la fase più memorabile e forse più dominante è quella che testimonia il sodalizio con il crossista belga Stefan Everts. Una collaborazione imbattibile, che ha portato a ben sei vittorie consecutive, dal 2001 al 2006, nel Campionato Mondiale FIM, in tre diverse categorie, con la rivoluzionaria YZ450FM. Indossando la divisa blu del team Yamaha/Rinaldi, Everts si è distinto anche per aver corso nel 2003 con tre diversi mezzi Yamaha in altrettanti classi nello stesso giorno e per aver vinto ben 15 round su 16 nel 2006, per un totale di 101 vittorie in GP.
 
LE DICHIARAZIONI "Abbiamo scelto di mettere i piloti stessi al centro del nostro progetto" dichiara il 57enne Michele Rinaldi, rivelandoci così uno dei segreti della sua vincente strategia. “Iniziamo a lavorare, li lasciamo provare e poi decidere. In seguito produciamo le componenti e siamo pronti per cominciare la stagione. Non siamo soliti a dire ‘ecco la tua moto per i GP, usala perché i piloti che l'hanno già guidata ci hanno detto che ha una buona affidabilità’. Partiamo direttamente dalle moto di serie. Non cerchiamo mai di "spingere" componenti GP o parti speciali realizzate da noi stessi. Nei mesi di ottobre e novembre li lasciamo guidare, provare e giudicare con pazienza e siamo sempre pronti ad effettuare modifiche anche a febbraio, marzo e aprile, quando arrivano i risultati. È solo una questione di esperienza. Consideriamo il pilota come l'elemento più importante per le competizioni. Solo dopo vengono il team, lo staff ed i materiali.”
 
AVANTI TUTTA Famoso per la sua dedizione e per la concentrazione riposta sui risultati, sullo sviluppo e sull’immagine positiva di Yamaha da mantenere, Rinaldi non mostra il minimo segno di cedimento nelle continue sfide per il successo in una disciplina sportiva impegnativa come il motocross che, a livello internazionale, comprende ben diciannove Gran Premi, alcune gare nazionali ed eventi chiave come il Motocross delle Nazioni, nel quale il team ha portato a casa la vittoria delle ultime due edizioni con il campione mondiale MXGP 2015 Romain Febvre. Il nome e la professionalità del team sono quindi diventati sinonimi della caratteristica livrea blu Racing di Casa Iwata.
 
YAMAHA NEL CUORESono orgoglioso di avere trascorso insieme tutto questo tempo, attraverso momenti buoni e meno buoni" racconta Michele riguardo alla sua storia con Yamaha. "Anche in occasione di circostanze difficili, come quelle legate alla crisi economica, non ci siamo né fermati né arresi. Sono davvero molto attento quando si parla dei servizi forniti alla casa costruttrice. Il mio obiettivo principale è quello di soddisfare le esigenze della casa con ciò che forniamo ed offriamo. Grazie alla professionalità e all’unione dello staff sono sicuro che possiamo continuare a fare un ottimo lavoro. Sembra che 25 anni siano davvero volati".
 
PROSSIMA SFIDA Il Monster Energy Yamaha Factory Team parteciperà nel 2017 al Campionato Mondiale Motocross FIM - MXGP - con Romain Febvre e Jeremy Van Horebeek. Il primo round si terrà a Losail, per il Gran premio del Qatar, il 25 febbraio. Per Michele Rinaldi, sarà la 26° stagione in collaborazione con Yamaha.
 

TAGS: yamaha motocross Campionato Mondiale Motocross FIM - MXGP Monster Energy Yamaha Factory Team Romain Febvre Jeremy Van Horebeek michele rinaldi