Suzuki GSX-R 1000 Ryuyo: prova, prestazioni, pregi e difetti, prezzo
Primo Contatto

Suzuki GSX-R 1000 Ryuyo: una Gixxer da gara. Provata al Mugello


Avatar di Danilo Chissalé , il 23/10/18

3 anni fa - Suzuki GSX-R 1000 Ryuyo: la prova in pista della sportiva di Hamamatsu

Abbiamo provato al Mugello la nuova Suzuki Ryuyo, la GSX-R 1000R pronto pista. Prova, pregi e difetti, dotazioni e prezzo

FINALMENTE IN PISTA Siamo stati i primi a darvi informazioni complete, precise e in anteprima sulla nuovissima moto da pista derivata dalla Suzuki GSX-R1000R, eccoci qui a testarla al Circuito del Mugello. Forte di 212 CV di potenza per 168 kg di peso, la Ryuyo, allestita da Suzuki Italia, punta dritta al cuore degli smanettoni più incalliti.

IN SINTESI La GSX-R1000R speciale per l'uso in pista ha una componentistica senza eguali, presa a piene mani dai listini dei migliori fornitori. Yoshimura firma l’elettronica e lo scarico, Öhlins impreziosisce la ciclistica e Brembo, ovviamente, provvede all'impianto frenante. Le gomme sono Dunlop, i lubrificanti Motul, Extreme Components fornisce le carene in carbonio e tanti altri particolari, mentre la concessionaria Burani Moto ha curato lo sviluppo e il collaudo del veicolo. Completano la rosa dei fornitori Bonamici Racing, Euro Racing, DID e K&N.

PERCHÉ SI CHIAMA COSÌ Battezzata con il nome della pista che fin dagli anni 50 ospita i collaudi di tutte le moto Suzuki, e che riproduce il tracciato Mountain Circuit dell’Isola di Man, la Suzuki Ryuyo è una moto da competizione fatta e finita. A difesa del motore, la nuova Suzuki monta protezioni in Ergal ricavate dal pieno, di efficacia verificata con appositi crash test. Lo scarico completo Yoshimura R-11 SQ Racing Full Titanium 4-in-1 consente un risparmio di 5,9 kg rispetto all'impianto standard.

CENTRALINA RACING Lo scarico, in abbinamento con la centralina racing Yoshimura EM-PRO permette di guadagnare 10 CV di potenza per raggiungere valori di picco di 212 CV a 12.900 giri e 125 Nm di coppia a 10.300 giri. Oltre alla gestione completa del motore, la centralina Yoshimura EM-PRO consente di registrare due mappe completamente personalizzate, regolare il freno motore su 3 livelli e impostare il pit limiter. Il cablaggio racing Yoshimura sostituisce quello originale, in seguito all'eliminazione di luci, frecce e clacson a tutto vantaggio del risparmio di peso sul piatto della bilancia.

Suzuki Ryuyo 2019 Suzuki Ryuyo 2019

FANNO LA LORO PARTE Complici nell'incremento di potenza sono il filtro dell’aria racing K&N e il lubrificante Motul 300V2 10W50. Il primo è realizzato in tessuto in cotone a doppio strato ed è in grado di far arrivare al motore fino al 20% di aria in più rispetto a un filtro aria standard. Il secondo è a base organica, messo a punto per esaltare la potenza ai regimi più elevati e la coppia ai bassi: realizzato con basi rinnovabili e un limitato impiego di materie prime di origine fossile il Motul 300V2 ha anche un ridotto impatto ambientale, il che non guasta mai.

GAS RAPIDO REGOLABILE Euro Racing firma il comando Gas Rapido EVO3, realizzato in lega d’alluminio lavorata dal pieno. Permette di personalizzare la risposta tramite tre ghiere di diverso diametro: una piccola (nera), offre una sensibilità identica a quella dei comandi originali; una media (argento), realizza un comando semi-rapido; una grande (oro), concede la massima reattività per l'impiego prettamente agonistico. DID 520 ERV 3 è invece la trasmissione racing, derivata dall’esperienza del marchio nei campionati del mondo MotoGP e SBK.

CICLISTICA OHLINS Messa a punto da Andreani, un nome che non ha bisogno di presentazioni, la ciclistica della Suzuki GSX-R1000R allestita per l'uso in pista sfrutta componentistica Öhlins. Il monoammortizzatore è un Öhlins TTX GP 2018, mentre nella forcella ci sono ora cartucce Öhlins NIX30, in cui lo smorzamento della compressione avviene nello stelo di sinistra mentre il destro lavora sullo smorzamento in estensione. Questa soluzione consente di avere tutte le regolazioni posizionate nella parte superiore della forcella, insieme ai registri per il precarico della molla.

CUCITA ADDOSSO DA ANDREANI Della stessa marca è anche l'ammortizzatore di sterzo Öhlins SD030, dalle ampie possibilità di regolazione. Per assecondare le esigenze individuali degli acquirenti, Andreani fornirà un set-up personalizzato ai clienti Ryuyo, accordando la ciclistica al peso e allo stile di guida del pilota.

VEDI ANCHE



GOMMA INEDITA... Anche le gomme sono speciali: l'anterioreè il nuovo Dunlop KR109, che fa coppia con il posteriore Dunlop KR108 (nelle misure 125/80 -17 e 205/60 -17). Non ancora in commercio, questo pneumatico è stato finora utilizzato solo in alcuni campionati nazionali e la Suzuki Ryuyo è la prima moto di serie al mondo ad esserne equipaggiata.

...POMPA INEDITA Un’altra anteprima mondiale per una moto di serie è la pompa freno radiale Brembo RCS Corsa Corta, dotata di registro della corsa a vuoto. L'attacco della frenata si regola così su tre livelli: la posizione R (Race) minimizza la precorsa per la massima reattività del comando; la posizione S (Sport) offre un feeling intermedio, mentrela posizione N (Normal) aumenta modulabilità e dolcezza dell'intervento.

FRENATA REGOLABILE Il registro della corsa a vuoto si aggiunge alle regolazioni della distanza della leva dal manubrio – che si effettua tramite un controllo remoto sul semimanubrio sinistro – e dell'interasse della pompa: il noto sistema RCS (Ratio Click System) offre due differenti posizioni, 18 mm per aumentare la modulabilità e 20 mm per la massima prontezza dell’impianto.

PASTIGLIE DA SUPERBIKE... E per una frenata davvero super, le pastiglie sono esattamente le stesse utilizzate dai team del Mondiale SBK: le Z04. Offrono la massima resistenza all'effetto fading in combinazione con i dissipatori di calore per pinze freno di Extreme Components, che abbassano annche di 20 gradi la temperatura di esercizio delle pinze e dell'olio freni.

...SEMIMANUBRI DA MOTOGP Completano la dotazione i semimanubri GP, utilizzati anche in MotoGP e Moto2, pedane GP Evo di Extreme Components, protezione della leva del freno in alluminio utilizzata nel mondiale SBK e protezioni del telaio in kevlar. Bellissima la piastra di sterzo superiore realizzata da Bonamici Racing, che migliora la rigidità e la stabilità della moto, assicurando maggiore feeling nei cambi di direzione.

SI PRENOTA ONLINE Per averla, quindi, bisognerà essere veloci: le prenotazioni, da effettuarsi rigorosamente sul minisito dedicato shop.suzuki.it/moto/ryuyo, si apriranno giovedì 25 ottobre. In seguito, l'acquisto potrà essere finalizzato presso alcuni concessionari selezionati (maggiori informazioni su moto.suzuki.it o all'indirizzo email ryuyo@suzuki.it). Il prezzo per i primi 20 esemplari prodotti è di 29.990 euro.

IN SELLA La posizione di guida della Ryuyo è da Racer dura e pura. La sella è alta e porta a caricare il peso sui polsi, sensazione leggermente attutita da semi manubri molto “aperti” come si deve alle sportive degli anni duemila. Le pedane regolabili (6 posizioni) aiutano a cucirsi addosso la Ryuyo. I più alti, come il nostro Marco Lietti (1,91 m), saranno felici di sapere che di spazio per accucciarsi dietro il cupolino e arretrare sulla sella ce n’è in abbondanza rendendo la Ryuyo una moto adatta a piloti di tutte le taglie.

CHE MOTORE Fin dai primi metri percorsi tra i cordoli del Mugello è palese che la potenza messa a disposizione dal quattro cilindri di Hamamatsu è sufficiente a passare in scioltezza qualsiasi sportiva vecchia solo di qualche anno. L’erogazione è fluida lungo tutto l’arco del contagiri, mai brusca ma sempre vigorosa, merito anche di un’elettronica veramente a punto che interviene solamente quando è strettamente necessario. Che dire poi della colonna sonora offerta dallo scarico Yoshimura R11, la Ryuyo sfrecciava con una tonalità unica, resa educata dal DB killer.

CAMBIATE CHIRURGICHE Il funzionamento del quickshifter, con Blipper, che tanto ci era piaciuta nella versione standard della Gixxer è perfetto anche sulla Ryuyo, al limite della precisione chirurgica. Le cambiate avvengono con una rapidità e una fluidità impressionante, non influendo mai sulla stabilità della moto. Alle Arrabiate avere una moto precisa come una lama è decisamente un plus.

Suzuki GSX-R 1000R Ryuyo in azione Suzuki GSX-R 1000R Ryuyo in azione

PAROLA D’ORDINE EQUILIBRIO L’equilibrio è una caratteristica peculiare della Ryuyo, è stabile nell’affrontare i curvoni veloci, anche grazie alle dimensioni XL degli pneumatici Dunlop KR, composta nelle staccate al fulmicotone e in uscita di curva. Il mono ammortizzatore, una volta ammorbidito nella taratura, si è comportato egregiamente andando a correggere i difetti messi in mostra nel primo test riservato alla stampa sul circuito di Misano Adriatico il mese scorso.

SI FERMA CON UN DITO Il punto forte che ha colpito sia me, sia Marco è la frenata. Per chi, come me, si avvicinava per la prima volta alla famigerata staccata della San Donato poter contare sulla potenza frenante messa a disposizione dalla Ryuyo è una manna dal cielo. Lo sforzo da applicare sulla leva è minimo tanto che alle prime frenate mi sono accorto di aver staccato decisamente prima del necessario. Da elogio dunque la pompa freno RCS Corsa Corta di Brembo e le pastiglie in mescola racing.

In questo servizio

​CASCO SHARK RACE R PRO CARBON ​Questo casco è realizzato per dare il meglio di se tra i cordoli di un circuito, ma anche in strada offre ottimi livelli di comfort e sicurezza. La calotta è realizzata in carbonio e aramide: per offrire un peso contenuto e performance eccellenti nell'assorbimento degli urti ed è dotata di spoiler a doppia lama per assicurare aerodinamica e stabilità alle alte velocità. La visiera in classe "Ottica 1" è priva di qualsiasi distorsione ottica grazie allo spessore variabile (4,2 a 2,8 mm) unico appunto è il sistema di chiusura poco pratico da azionare con i guanti.
​PESO: 1200 g
​TAGLIE: XS-XL

​STIVALI TCX RT-RACE ​Stivali top di gamma in campo race del marchio italiano. Realizzato in microfibra leggera e durevole, il pannello anteriore e laterale sono sovra-iniettati e abbinati a materiale elastico; l'area flex posteriore imbottita; protezione interna in microfibra effetto pelle scamosciata per offrire il massimo grip. Collarino superiore in morbida microfibra. F.F.C. Fasten Fit Control Sistema di allacciatura interna. Sicurezza al top con il sistema anti torsione della caviglia e protezioni su tibia e tallone.
TAGLIE: 38-49

TUTA IXON VORTEX Realizzata in morbida pelle pieno fiore, ha inservi elastici su ginocchia e fondoschiena oltre alla traforatura sul petto per garantire la ventilazione nelle giornate più afose. Le protezioni rispecchiano le normative 1621-1 e sono distriubiute su spalle, gomiti, ginocchia, anche e tibie. Predisposizione interna per il paraschiena. Molto comoda la doppia zip di chiusura... quando scapperà non sarà più un incubo.
PREZZO: 750 euro
TAGLIE: XS-4XL

GUANTI IXON RC CIRCUIT HP Realizzato in pelle di capra, è certificato CE e ha un guscio protettivo sul dorso della mano, un polsino lungo e il Sensitive Touch System, sistema che permette l'utilizzo dei guanti su schermi touch screen. Le protezioni sono poco invasive e lasciano ampia sensibilità alla mano. Il doppio sistema di chiusura è ideale per adattare la vestibilità del guanto.
PREZZO: 100 euro
TAGLIE: S-3XL


Pubblicato da Danilo Chissalè Marco Lietti, 23/10/2018
Gallery
Vedi anche
Logo MotorBox