Autore:
Paolo Sardi

MAMMA, LI TURCHI! Il bicilindrico 700 fronte marcia di Yamaha è la base meccanica ideale per dare sfogo alla fantasia. Lo dimostra in primis la stessa Casa di Iwata, che con quel motore propone ben tre modelli: la MT-07, la XSR700 e la recentissima Tracer 700. E al terzetto pare destinata ad aggiungersi presto anche una nuova Ténéré. La stessa unità è però tra le preferite anche di chi realizza special e l'ultima prova viene nientemeno che dalla Turchia e più precisamente da Istanbul: si tratta della Yamaha Yard Built XSR700 by Bunker Custom Motorcycles, una tracker dallo stile puro ed essenziale, vagamente Anni 80.

A ME GLI OCCHI Dietro il nome Bunker Custom Motorcycles si nascondono due fratelli, Can e Mert Uzer, il primo skater di fama internazionale e il secondo esperto invece di digital advertising, che hanno deciso di mettere da parte le rispettive attività per aprire un atelier dedicato alle special a due ruote. Le loro proposte hanno subito attirato l'attenzione di Yamaha, che ha così deciso di benedire questa loro XSR700, mettendola sotto i riflettori del filone Yard Built. E, guardando la moto, non ci vuole molto a capire il perché: ha personalità da vendere e uno stile unico.

TRAPIANTO D'ORGANI La Yamaha Yard Built XSR700 by Bunker Custom Motorcycles ha come segni particolari gli elementi della carrozzeria in alluminio battuto a mano e la sella scamosciata, rialzata di 6 cm rispetto a quella di serie. Per il resto si fanno notare il manubrio Renthal, la forcella a steli rovesciati trapiantata da una Tracer 900 e i cerchi a raggi da 17 e 19 pollici, presi invece dalla SuperTénéré 1200. Queste modifiche portano l'altezza minima da terra da 14 a 20 cm, facendo sembrare la moto pronta ad affrontare ogni terreno, assieme allo scarico alto fatto a mano.


TAGS: yamaha special dirt track Yamaha Yard Built XSR700 by Bunker Custom Motorcycles Bunker Custom Motorcycles XSR700